La solidarietà dei Cavalieri di Malta

L’Ordine di Malta dona sedie a rotelle e duecento pigiami all’Istituto Don Mottola

La Casa della Carità e di Riposo è stata fondata da Don Francesco Mottola, il sacerdote tropeano, nato il 3 gennaio 1901 e deceduto il 29 giugno 1969, definito “Uomo plasmato da Dio” e che sta per essere beatificato, corona virus permettendo, da Papa Francesco

Nella foto da sin. Giuseppe Sarlo, Don Antonio Russo, Antonio di Tocco e Ignazio Toraldo di Francia.

Cinque sedie a rotelle e oltre duecento pigiami per anziani: questo il contenuto della donazione consegnata a Don Antonio Russo, sacerdote responsabile dell’Istituto Don Mottola, da parte dei Cavalieri che compongono la Delegazione del Sovrano Militare Ordine di Malta di Tropea, rappresentato dal Delegato Antonio di Tocco, dal Cappellano Professo don Ignazio Toraldo, componente il Capitolo del Gran Priorato di Napoli e Sicilia, e dal responsabile per la comunicazione e portavoce della Delegazione Giuseppe Sarlo, che ha coordinato l’iniziativa.
La Casa della Carità e di Riposo è stata fondata da Don Francesco Mottola, il sacerdote tropeano, nato il 3 gennaio 1901 e deceduto il 29 giugno 1969, definito “uomo plasmato da Dio” e che sta per essere beatificato, corona virus permettendo, da Papa Francesco.

Condividi l'articolo
Francesco Marmorato
Francesco Marmorato
Docente di lettere nella scuola secondaria, Caporedattore e collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.