Denuncie dei Carabinieri

Danneggiamento, lesioni personali volontarie e minacce, condotte aggravate dalla circostanza dell’aver agito con discriminazione razziale.
Sono questi i reati dei quali sono ritenuti responsabili i tre soggetti denunciati nella giornata di ieri all’Autorità Giudiziaria dai Carabinieri della Stazione di Spilinga

Abusivismo e deturpazione del paesaggio

Abusivo edilizio, occupazione abusiva di suolo demaniale marittimo e distruzione o deturpazione di bellezze naturali, sono questi i principali reati dei quali sono accusate le nove persone denunciate a piede libero ieri ad esito del servizio coordinato eseguito dai Carabinieri della Compagnia di Tropea e finalizzato alla tutela del patrimonio paesaggistico dei territorio di competenza e più in generale alla prevenzione ed al contrasto della normativa in materia di inquinamento ambientale.

Violati i sigilli di un’impresa

Nella mattinata di ieri i Carabinieri della Stazione di Rombiolo hanno tratto in arresto Antonio P., classe ’78, imprenditore edile di Rombiolo, colto nella flagranza di reato di violazione di sigilli.
I militari operanti hanno sorpreso Antonio P., che, in qualità di custode giudiziario della propria cava di prelievo materiale inerte sita in quella località “petroso”, già sottoposta a sequestro penale in data 28.03.2010, prelevava circa 40 metri cubi di materiale inerte.