Denuncie dei Carabinieri

Danneggiamento, lesioni personali volontarie e minacce, condotte aggravate dalla circostanza dell’aver agito con discriminazione razziale.
Sono questi i reati dei quali sono ritenuti responsabili i tre soggetti denunciati nella giornata di ieri all’Autorità Giudiziaria dai Carabinieri della Stazione di Spilinga

Franco Barbalace incontra il Rotary Club

Procedono, come di consueto presso la suggestiva sala dell’Antico Sedile, gli appuntamenti promossi dal Rotary club di Tropea, presieduto dall’avvocato Francesco Campisi, rivolti agli incontri con i sindaci dei comuni del territorio e con i personaggi politici della provincia.

Abusivismo e deturpazione del paesaggio

Abusivo edilizio, occupazione abusiva di suolo demaniale marittimo e distruzione o deturpazione di bellezze naturali, sono questi i principali reati dei quali sono accusate le nove persone denunciate a piede libero ieri ad esito del servizio coordinato eseguito dai Carabinieri della Compagnia di Tropea e finalizzato alla tutela del patrimonio paesaggistico dei territorio di competenza e più in generale alla prevenzione ed al contrasto della normativa in materia di inquinamento ambientale.

Individuato un allaccio elettrico abusivo

Ieri, ad esito di un predisposto servizio finalizzato alla repressione dei furti di energia elettrica, eseguito dai militari della Compagnia di Tropea unitamente a personale tecnico Enel, i militari della Stazione Carabinieri di Spilinga hanno tratto in arresto in flagranza di reato P. F., classe 1954, imprenditore turistico, gestore di una struttura ricettiva ubicata a Ricadi, frazione San Nicolò, Strada Provinciale 522, poichè ritenuto responsabile di furto di energia elettrica.

Reati contro il patrimonio paesaggistico

A conclusione del servizio coordinato condotto dai Carabinieri della Compagnia di Tropea finalizzato alla tutela del patrimonio paesaggistico mediante il contrasto dei reati in materia ambientale, i militari delle Stazioni Carabinieri di Spilinga, Zungri e Joppolo hanno deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria le sotto elencate persone:…

La ‘nduja entra nello Zingarelli

La ‘nduja di Spilinga entra nel nuovo Zingarelli 2011. Il dizionario della lingua italiana edito da Zanichelli è stato infatti aggiornato nei lemmi e, accanto alle ben 2900 parole che rischiano di cadere in disuso, ne sono state inserite altre 1500, tra neologismi o termini accettati a livello nazionale soltanto di recente. Tra questi vi è il termine «‘nduja», che viene catalogato tra i vocaboli regionali del calabrese e, nella breve ma significativa descrizione, viene fatto risalire a quello francese «andouille», che significa salsicciotto.

Strada rischia di crollare a Spilinga

Anche Spilinga deve fare i conti con i danni provocati dal maltempo durante le scorse settimane. Rischia di crollare, infatti, la strada interpoderale che collega il comune collinare con Brattirò, la vicina frazione di Drapia.
A circa duecento metri dal ponticello soprastante la fiumara Ruffa, confine naturale tra i due comuni del vibonese, sul territorio di Spilinga, è infatti franato quasi interamente un costone della collina, proprio nel punto in cui passa un tornante che sale fino in paese e funge da collegamento alla strada verso il santuario della Madonna delle fonti.