La replica del Sindaco di Parghelia

Maria Brosio contesta l’articolo di Diego Vasinton

Il consigliere invitato a dimostrare la veridicità delle proprie accuse

Il Sindaco di Parghelia Maria Brosio
Il Sindaco di Parghelia Maria Brosio

Dal tenore letterale delle espressioni contenute nel  predetto articolo si evince chiara offesa all’indirizzo mio e dei miei consiglieri, per le considerazioni svolte dal consigliere Vasinton in ordine all’inquinamento  ambientale nella zona ricadente tra la strada provinciale Zaccanopoli – Parghelia e la zona di via dei Focesi, nel territorio di Parghelia e nelle quali insinua che non conosco né questo né altri problemi di pubblico interesse e addirittura afferma che il mio operato è pressoché inesistente e mi accusa di inettitudine.
Ebbene,  tali insinuazioni non possono accettarsi da parte di chi lavora ogni giorno con coscienza e dedizione, improntando ogni atto politico ed amministrativo alla legalità, trasparenza e buon andamento dell’amministrazione rappresentata.
Ricordo che il territorio del mio Comune è stato oggetto di una devastante alluvione poco meno di tre mesi  fa, che ha messo a dura  prova il nostro comune. In tale circostanza abbiamo operarato al meglio e, per  quanto ci è stato possibile, con le nostre forze. Terminata la fase dell’emergenza abbiamo, sin da subito investito della situazione le autorità politiche  ed amministrative superiori che ci hanno garantito  il loro impegno.  L’aver evitato il peggio ed aver sensibilizzato le autorità competenti non è certamente segno di inettitudine.
Invito,  pertanto,  il consigliere Diego Vasinton  a dimostrare la veridicità delle proprie accuse che sono solo le ultime di una lunga serie di denigrazioni e di oltraggi in danno all’immagine ed al decoro della mia amministrazione, che gettano sulla stessa discredito adombrato da sospetti e dietrologie su circostanze prive di qualsiasi fondamento, attraverso ripetute segnalazioni e anche   tramite la diffusione col mezzo della stampa.

Il Sindaco di Parghelia
Maria Brosio

Condividi l'articolo