Sacerdote cattolico, miglior cittadino di India

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Sacerdote cattolico, miglior cittadino di India.

Nella carrellata dei premi 2019 dati a sacerdoti cattolici, c’è anche quello dato a padre Vineeth George, sacerdote cattolico claretiano di 38 anni, quale “Miglior cittadino dell’India”.
– E’ stata l’International Publishing House, casa editrice specializzata in testi biografici, a conferire il 16 aprile 2019, in segno di riconoscimento per il suo lavoro pastorale accanto alla popolazione bisognosa del nord del Paese, a maggioranza induista.
– Era un brillante tecnico di imprese molto noto a livello mondiale. Ma poi ha preferito dedicarsi all’umanità come sacerdote di Cristo: “Ho sempre pensato di usare i talenti che Dio mi ha dato a beneficio della Chiesa”.
– “Questo premio è un riconoscimento non nei miei confronti, ma in quelli dei giovani di questo grande continente. Sono qui solo per quello che hanno raggiunto i miei allievi”.

L’International Publishing House, casa editrice specializzata in testi biografici, a Bangalore il 16 aprile 2019 ha conferito il il premio “Miglior cittadino dell’India” a padre Vineeth George, sacerdote cattolico claretiano di 38 anni, in segno di riconoscimento per il suo lavoro pastorale accanto alla popolazione bisognosa del nord del Paese, a maggioranza induista.
♦ Nato a Hyderabad, il sacerdote, ordinato nel gennaio 2014, si è formato presso la Loyola Academy, diretta dai Gesuiti, ma in un’intervista ad AsiaNews ha raccontato che la sua vocazione “è un dono nato nell’infanzia: “Ho sempre pensato di usare i talenti che Dio mi ha dato a beneficio della Chiesa”.
♦ Laureato presso l’Università Jain Deemed e con un post-lauream presso il Matrusri Institute, il giovane Vineeth ha lavorato presso la Dell Computer Corporation e la General Electric, oltre ad essere stato vice-direttore del quotidiano Deccan Chronicle e funzionario del Ministero dell’Energia indiano.
Nonostante l’ottima carriera che aveva davanti non era soddisfatto. Ha quindi lasciato tutto per entrare in seminario.
♦ “Per grazia di Dio, quando ero seminarista, nel 2006, i miei superiori mi hanno affidato la gestione dell’amministrazione presso il St. Claret College. Un anno dopo la mia ordinazione sono stato nominato vice-direttore del collegio e ho mantenuto l’incarico fino al dicembre 2018.
Da gennaio sto seguendo un dottorato in comportamento organizzativo presso l’Indian Institute of Technology di Hyderabad, uno dei centri di insegnamento superiore più importanti del Paese”.
Padre Vineeth insegna anche in un centro di istruzione professionale alla periferia di Delhi.
“La scuola si trova in una zona abitata solo da induisti, in cui non c’è presenza cristiana”, ha affermato. “Il centro accoglie 30 giovani che hanno abbandonato gli studi. Le ragazze seguono corsi di estetica, i ragazzi studiano per diventare elettricisti e idraulici”.
Dopo l’ordinazione, ha anche iniziato a lavorare in una parrocchia: “Sono stato vicario parrocchiale della chiesa di San Pietro, nella diocesi di Daltonganj. Ho insegnato inglese ai bambini tribali che frequentavano la scuola accanto alla parrocchia”.
Oltre a proseguire il dottorato, il sacerdote guida attività pastorali nelle diocesi di Hyderabad e Shamshabad.
(fonte: Aleteia.org Apr 28, 2019, Con informazioni delle agenzie AsiaNews e ACI Digital).

P. Vineeth George, 38 anni, della congregazione dei claretiani, a Bangalore il 16 aprile 2019 ha ricevuto il premio “Miglior cittadino dell’India”. Con una brillante carriera già avviata, abbandona tutto e sceglie il sacerdozio per servire gli ultimi. Si è occupato finora della educazione di bambini tribali. “Questo premio è un riconoscimento non nei miei confronti, ma in quelli dei giovani di questo grande continente. Sono qui solo per quello che hanno raggiunto i miei allievi”.

Condividi l'articolo