Sant’Antonio e l’anima gemella

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Sant’Antonio e l’anima gemella.

Anche quest’anno è viva l’attesa dell’iniziativa del Santuario di Padova: “Cerchi l’anima gemella? Vai a Sant’Antonio”.
– I frati del santuario propongono questa forma di devozione popolare particolarmente diffusa in Portogallo, terra natale di sant’Antonio, e nei Paesi dell’America Latina, in cui il Santo è invocato per trovare marito o moglie, ovvero per “accasarsi”, da cui l’appellativo di “casamenteiro”.
– L’evento, riservato a single tra i 20 e i 50 anni, è per oggi, 22 giugno, nell’ambito del Giugno Antoniano con un bel programma spirituale. Quello proposto nella basilica di Padova è un momento di riflessione per quanti sono, per dirla col linguaggio del popolo, “ancora giovani”. Infatti spesso si sente dire da uno/a maturo/a singolo/a “Io sono ancora giovane”.
– Da sempre S. Antonio è nella schiera dei Santi Pronubi, cioè di quelli che concedono la grazia di un buon matrimonio. A questa schiera appartiene il noto fraticello San Pasquale Baylon “protettore delle donne” in cerca di marito; ma ogni regione d’Italia ha i suoi rappresentanti. Religiosità popolare che incrocia i bisogni e le domande esistenziali dei fedeli. I frati assicurano: “Vogliamo aiutare chi non ha ancora trovato la propria strada”.

Non trovi marito? Prega sant’Antonio. La tradizione è nota nei luoghi antoniani e ancor più in Portogallo e America Latina.
♦ L’ha ricordato scherzando anni fa, nel novembre 2017, lo stesso papa Francesco incontrando un gruppo di studenti padovani: «In Argentina si venera tanto sant’Antonio, è il patrono delle ragazze che cercano un fidanzato» diceva in un video preso al volo, divenuto virale.
E di fronte ai lunghi tempi di attesa aveva ricordato che a vent’anni le ragazze chiedevano al “Santo” che un fidanzato «venga, tenga e convenga»; a trenta anni «che il fidanzato venga e tenga» e a quarant’anni, se ancora non si era trovata l’anima gemella… beh l’importante è che ne arrivi uno!

Antonio, il santo dei miracoli è invocato per tante ragioni, per salute, malattia, lavoro, per ritrovare le cose perdute e anche marito o moglie! E innumerevoli sono gli aneddoti che si annoverano attorno a questa devozione e i riscontri di un santo che fa incontrare le persone (galeotto fu sant’Antonio anche per chi scrive, che trovò marito proprio raccontando su queste pagine l’ostensione del 2010, ndr).
Facendo tesoro di questa devozione e raccogliendo un’esigenza per il secondo anno, nell’ambito del Giugno Antoniano, i frati della basilica antoniana di Padova rilanciano l’appuntamento con “Sant’Antonio casamenteiro” (che fa accasare) in programma sabato 22 giugno.
Un’iniziativa gettonatissima visto che nel giro di pochi giorni le iscrizioni – obbligatorie sul sito santantonio.org – sono talmente tante che si è dovuto trovare un luogo più ampio.
Ai single della fascia 20-50 anni viene proposto un pomeriggio di riflessione, di incontro e festa: si inizia alle 16.30 nella sala Sant’Antonio Bonaventura con il “gruppo Sale”, un’esperienza avviata ai Santuari antoniani di Camposampiero (Pd) come occasione di incontro, amicizia e condivisione tra persone che si trovano sole in età matura, per proseguire con la messa in basilica e la preghiera “Si quaeris miracula” (Se cerchi miracoli), con cui ci si rivolge al “Santo” per le più svariate ricerche, e la conclusione con “Love is all around”, un momento di festa e fraternità animata dalla banda musicale di Selvazzano.

«Come frati – commenta il rettore del santuario, padre Oliviero Svanera – abbiamo riflettuto su una situazione che coinvolge sempre più persone che non hanno ancora trovato una propria strada nella vita, che sia affettiva, personale o lavorativa. Persone che non hanno una gratificazione o uno sbocco vocazionale adeguato, che non significa necessariamente spirituale. Persone che cercano di dare un senso alla propria vita e che spesso portano sulle spalle una grande sofferenza, anche se non espressa esplicitamente. Per loro la nostra iniziativa vuole essere un’opportunità di preghiera, riflessione e incontro affidandosi all’intercessione di sant’Antonio».

(fonte: cf Avvenire.it Sara Melchiori giovedì 20 giugno 2019).

Non trovi marito? Prega sant’Antonio. La tradizione è nota nei luoghi antoniani e ancor più in Portogallo e America Latina. Una manifestazione di religiosità popolare che incrocia i bisogni e le domande esistenziali dei fedeli. I frati del Santuario di Padova, dove per il secondo anno consecutivo si celebra l’iniziativa, assicurano: “Vogliamo aiutare chi non ha ancora trovato la propria strada, affidandolo all’intercessione di sant’Antonio”.

Condividi l'articolo