Sit-in di protesta all’ospedale sabato 24 ottobre 2020

Lo scopo di rendere le istituzioni sensibili e coscienti alle richieste della popolazione

Vogliamo l’ospedale generale e risorse territoriali eque per il diritto alla salute

Ospedale di Tropea – foto Libertino
La circolare dell’Asp di Vibo Valentia riguardante il trasferimento del reparto di urologia dal presidio ospedaliero di Tropea a quello di Vibo Valentia ha provocato preoccupazioni, in buona parte della popolazione, circa un ulteriore impoverimento operativo del nosocomio tropeano. Sappiamo che tale trasferimento risponde al regolare riparto di competenze regionale e conosciamo il nuovo piano aziendale delineato dall’Asp, il quale permetterebbe l’apertura di nuovi importanti reparti a Tropea.
Tuttavia
-Restano senza risposta le domande sulla tempistica nell’applicazione del nuovo piano, alla luce anche dell’annosa difficoltà da parte dell’Asp di Vibo ad assumere nuovi medici e del fatto che il piano stesso non è stato ancora approvato dal Commissario ad acta della sanità regionale. Per questo chiediamo, al fine di tutelare l’operatività dell’ospedale di Tropea, certezze riguardo la programmazione dei tempi e dell’assunzione delle risorse umane e materiali per l’implementazione del piano.
-Rivendichiamo, soprattutto, l’installazione a Tropea delle risorse adeguate a rendere il presidio ospedale generale, come previsto se non altro dal riparto di competenze regionale, pur consapevoli della limitatezza del riparto stesso per via dell’iniquità del piano di rientro ultradecennale a cui è sottoposta la Regione – ciò alla luce dell’inadeguatezza dei trasferimenti perequativi, i quali trascurano le condizioni epidemiologiche della Calabria e rendono la Regione fanalino di coda nella spesa pro-capite per il diritto alla salute.
Allo scopo di rendere le istituzioni sensibili e coscienti alle richieste della popolazione, le associazioni / sigle sindacali / figure istituzionali seguenti si propongono di cominciare un percorso di confronti e battaglie sociali, le quali vedranno la loro prima manifestazione nel sit-in di protesta che si terrà giorno Sabato 17 Ottobre alle ore 10 di fronte al presidio ospedaliero di Tropea, in forma statica e mantenendo distanza e misure anti-Covid.
Le sigle che promuovono l’evento: Calabria Sociale, Comitato Pro Ospedale Tropea, Libertas, Usb Vibo Valentia, Fials sanità segreteria VV, Mediass Auser S. Domenica di Ricadi, Legambiente S. Domenica di Ricadi, Baco Resistente.

Condividi l'articolo