Sospensione dall’attività d’aula, per i dodici “Grillini” saliti sul tetto di Montecitorio

Da comunicato stampa

Sospesi per 5 giorni i “Grillini” che il 6 settembre salirono sul tetto per protestare contro la modifica dell’articolo 138

La costituzione è di tutti
La costituzione è di tutti
Alcuni dei 12 "Grillini" sul tetto di Montecitorio
Alcuni dei 12 “Grillini” sul tetto di Montecitorio

Cinque giorni di sospensione dall’attività d’aula. Questa la pena dell’Ufficio di presidenza della Camera per i dodici deputati Cinque Stelle che lo scorso 6 settembre salirono sul tetto di Montecitorio per protestare contro la modifica dell’articolo 138 della Costituzione, che stabilisce la procedura per cambiarla.
I parlamentari avevano attirato l’attenzione facendo scivolare dall’alto uno striscione con scritto “La Costituzione è di tutti”, rimanendo su in protesta per la notte intera. Nei giorni successivi, i Cinque Stelle avevano difeso nell’aula della Camera la loro posizione politica, favorevole a mantenere l’articolo 138 per impedire modifiche in senso autoritario dell’assetto costituzionale. Dalila Nesci, deputata calabrese e vicepresidente del gruppo Cinque Stelle della Camera, appresa la notizia del provvedimento di sospensione dall’aula, che tocca anche lei, dichiara: «Un assurdo, è stata data una sanzione esemplare a dodici incensurati, quando Pd e Pdl non riescono a decidere sulla decadenza del condannato Silvio Berlusconi». «Una riprova – conclude la parlamentare – che è proprio nelle sedi istituzionali più alte che si sovvertono i principi della Costituzione e della giustizia, a discapito della democrazia e del futuro dei cittadini».

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino
Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria nell'elenco pubblicisti.