Un buon pastore tra i suoi fedeli più poveri

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Un buon pastore tra i suoi fedeli più poveri.

Una foto di Monsignor Javier Román, vescovo di Limón, diocesi in Costa Rica, sdraiato su un sentiero della montagna di Talamanca aveva indotto qualcuno a pensare erratamente che fosse morto: “lascia la sua anima tra i suoi fedeli più poveri”.
– Solo una attenta ricerca delle fonti ha fatto capire che non si trattava di morte, ma di una missione molto faticosa, di cui egli ha tracciato un diario sui social (facebook ed altri.)
– L’ultima visita pastorale Mons. Román l’ha fatto la settimana scorsa alle comunità di Blei e Telire. Egli ha intrapreso il viaggio insieme a un gruppo di collaboratori per portare cibo agli indiani, celebrare la messa e battezzare alcuni bambini. Una missione iniziata lunedì 20 aprile e terminata venerdì 26 aprile. – Ci farà bene scoprire la bellezza e l’amore dei suoi passi.

L’immagine di Monsignor Javier Román, vescovo di Limón (Costa Rica), sdraiato su un sentiero di montagna Talamanca è eloquente più di certi discorsi tesi a distogliere l’attenzione dalla vera condizione in cui vivono i poveri ed anche quei discorsi che si accaniscono impietosamente su un clero affetto da pedofilia.
♦ Monsignor Javier Román ha intrapreso il suo viaggio insieme a un gruppo per portare cibo agli indiani, celebrare la messa e battezzare alcuni bambini: una missione iniziata lunedì 22 aprile e terminata venerdì 26 aprile.
Quindi il vescovo ha condiviso la sua esperienza su Facebook e la sua storia ha affascinato migliaia di persone.
Ecco una parte di ciò che ha pubblicato:
♦ “Lunedì 22 aprile, siamo partiti alle 12:00. m. da Limón, per incontrare le famiglie di Alto Blei, Blei Norte e Sur, così come le comunità di Cartago e Rangañal, che ci stavano aspettando alle 2 del pomeriggio. m., nel posto noto come Rancho Solo (Bellavista).
Lì abbiamo incontrato e aiutato 110 persone delle famiglie, grazie alla donazione di molti di voi, amici, parrocchie e il Rinnovamento Spirituale Cattolico della Diocesi.
“Quel lunedì, nella comunità di Alto Cuen dove abbiamo pernottato, siamo stati con la comunità di Via Lucis, come segno di una nuova vita nel Cristo risorto.

♦ “Martedì 23 aprile, alle 6 a. m., abbiamo iniziato la nostra strada verso la comunità di Blei Norte, che abbiamo raggiunto dopo aver camminato per 10 ore. Ho contato sei cadute sulla strada, molto deteriorata. Siamo arrivati molto stanchi, ma la comunità aveva preparato un delizioso pranzo a base di riso e maccheroni che sapevamo di gloria.
“Quando scese la sera ci lavammo in un secchio, dietro la sala da pranzo e preparammo la stanza dove dormire.

“Mercoledì 24 aprile alle 6 a. m., eravamo già in piedi, qualche salsicciotto preparato insieme a una banana fritta a colazione. Tra gli indigeni che ci accompagnavano e noi eravamo 16 persone. Alle 11 a. m., abbiamo celebrato l’Eucaristia  insieme alla comunità con due battesimi. Dopo la messa, uno spuntino di riso con tonno è stato preparato per tutti.
“Alle 12:30 m., abbiamo iniziato la nostra partenza verso la comunità di Blei Sur, con il dispiacere di non essere riusciti ad andare in Alto Blei dove ci stavano aspettando: le nostre forze non erano sufficienti. Li abbiamo affidato a don Célimo, fedele compagno di questi viaggi, come lo era stato dei genitori Bernardo e Bernardito, che li avvertirono.

♦ “Dopo aver attraversato il fiume Telire, siamo arrivati a Blei Sur, stati accolti da una città fantasma: nessuno è apparso, perché la maggior parte degli abitanti era scesa a procurarsi il cibo e si era fermata a fare altre commissioni.
Poco a poco, cinque famiglie si sono avvicinate e dissero che erano interessate a battezzare i loro figli e così è stato. Alle 4 p. m. abbiamo celebrato il sacramento.
“Quindi coordinati da Jairo, il nostro seminarista, e Diego, padre Rogelio, Enrique e Sofia Solano ( giornalista di Eco Cattolico) ci siamo messi alle pentole per cucinare qualcosa per la cena: riso e pasta con salsa di pomodoro.

♦ “Giovedì 25 aprile, alle 4:30 a. m. eravamo già in piedi per prendere un caffè con biscotti e salsiccia e partire per l’Alto Cuen, in una camminata di 8 ore.
“Benedizioni a tutte le persone che ci hanno dato cibo da portare portare ai nostri fratelli indigeni. Chiedo loro di continuare a farlo, perché è sempre necessario per i tour che affrontiamo.
Dio vi benedica per tutto il supporto. Pregate per noi e non smettete di sentirvi parte di questo lavoro di evangelizzazione.

Chi è il Vescovo Román 
Il 30 maggio 2015 Javier Román Arias, sacerdote di 52 anni, era stato consacrato vescovo di Limón da Mons. Rafael Quirós durante una Messa semplice ma commovente, celebrata nel ginnasio della sede regionale dell’Università del Costa Rica.
♦ Javier Román, settimo di 11 fratelli, nato il 19 ottobre 1962, entrò nel Seminario Domenico Savio nel 1974, a Cartago, dove realizzò i suoi studi secondari. Ordinato sacerdote l’8 dicembre 1987 da Monsignor Román Arrieta, in quel momento Arcivescovo di San José.
♦ Eletto come terzo Vescovo della Diocesi di Limón il 19 marzo 2015, la sua nomina fu resa pubblica il 21 marzo dello stesso anno e fu consacrato vescovo il 30 maggio 2015 per imposizione delle mani dell’Arcivescovo di San José, Monsignor José Rafael Quirós.
Egli affermò che le sue priorità sarebbero state la gioventù e la famiglia:
“Mi presento in tutta semplicità: “Sono un povero servitore di Gesù Cristo, a vostro nome. Non porto un programma preparato o alcun altro interesse se non presentare Gesù Cristo, morto e risorto. Il mio programma pastorale è Cristo”.
La cerimonia si è svolta in stile etnico limoniano, con la presenza di rappresentanti di diversi cantoni.

(da Facebook 29 aprile 2019 e altro dal web).

L’ultima visita pastorale di Mons. Román ha fatto pensare alcuni alla sua morte: la foto che lo ritraeva sdraiato a riposare per il lungo cammino ha fatto pensare ad un malore durante il lungo cammino fatto la settimana scorsa alle comunità di Blei e Telire. Egli ha fatto il viaggio insieme a un gruppo di collaboratori per portare cibo agli indiani, a celebrare la messa e a battezzare alcuni bambini. Una missione iniziata lunedì 20 aprile e terminata venerdì 26 aprile. Il suo diario di questi giorni ha commosso fedeli di ogni parte del mondo, ormai assediati da pubblicazioni su preti e vescovi corrotti e pedofili. “Dio vi benedica per tutto il supporto che ci avete dato. Pregate per noi e non smettete di sentirvi parte di questo lavoro di evangelizzazione”, ha detto il vescovo, salutando i suoi fedeli sparsi tra le montagne belle e selvagge del Costa Rica.

Condividi l'articolo