La caduta del Papa

Sbigottimento per l’audace gesto  che non ha avuto conseguenze

Problemi per il Cardinale Etchegaray

Papa Ratzinger – Benedetto XVI

Dopo la caduta del Papa provocata da una squilibrata proviamo a mandargli un sorriso
Giesù Cristo peccerille. La canzoncina napoletana di S. Alfonso che fece sorridere Ratzinger
Tutto il mondo ha seguito in diretta, con senso di sbigottimento, l’audace e inconsulto gesto della donna italo-svizzera Susanna Maiolo, che, dopo aver scavalcato con sorprendente facilità la transenna, ha tentato di buttarsi sul Papa che si stava recando all’altare per la celebrazione della notte di Natale. Pur bloccata dal personale di sicurezza la donna è riuscita ad afferrare il pallio del Papa (la lunga stola) facendogli perdere l’equilibrio e trascinandolo in una caduta che, fortunatamente, non ha avuto conseguenze. Il Papa ha potuto prontamente rialzarsi, riprendere il cammino verso l’altare e portare al termine la celebrazione senza alcun problema.

Gesù Bambino Pescatore di cuori

Problemi, invece, ne ha avuti il Cardinale Etchegaray, rimasto coinvolto nella caduta: egli ha riportato la frattura del collo del femore ed ora dovrà affrontare l’intervento chirurgico necessario.
In attesa di apprendere i particolari della vicenda, non ci dispiace rimanere con la “ingenua convinzione” che si sia tratto di un gesto dettato dal desiderio incontrollato di “toccare” il Papa;  ci balza davanti agli occhi l’immagine del bimbo che vedendo sull’altro lato della strada il suo papà, gli corre incontro non valutando il pericolo e il danno che potrà provocare attraversandola di corsa.
Scampato il pericolo, il nostro giornale vuole unirsi al coro di quanti hanno fatto arrivare al Papa la propria affettuosa vicinanza. Vogliamo farlo pubblicando una canzoncina di S. Alfonso sulla bellezza di Gesù Bambino, in dialetto napoletano, che l’allora Cardinale Ratzinger ebbe modo di ascoltare e gustare, divertito, a Sant’Agata dei Goti (BN), la città dove il Santo fu vescovo per 13 anni, dal 1762 al 1775.
Infatti nel settembre 1996, tra le iniziative del nel terzo centenario della nascita del Santo (1696-1996), il Cardinale Ratziner fu invitato a presiedere alcune manifestazioni degli Eventi Alfonsiani; quindi un piccolo coro parrocchiale eseguì in suo onore alcune canzoncine del Santo: il cardinale unì la sua voce al Tu scendi dalle stelle e poi ascoltò divertito (e chiese il bis) della canzoncina che qui viene presentata.
È una canzoncina che non figura nel poderoso studio di Oreste Gregorio (“Il canzoniere alfonsiano”),  ma la tradizione locale di S. Agata dei Goti ed anche le testimonianze di suore di diversi istituti, da me raccolte, la fanno risalire a S. Alfonso. È una canzoncina non popolare, ma “riservata”,  nel senso che è stata tramandata appunto nei vari istituti religiosi di suore.

L’allora cardinale Ratzinger in visita a S. Agata dei Goti

Il canto attraverso 23 strofe si ferma a contemplare prima la bellezza esterna del Bambino Gesù e poi la sua bellezza interiore, unendo a questa graziosa contemplazione il movimento del proprio cuore desideroso di unirsi al santo Bambino, in attesa di vederlo in paradiso.
S. Alfonso accompagnò la pubblicazione della sua Novena di Natale con una incisione di Gesù Bambino che pesca i cuori: qui la ripresentiamo in un dipinto del 1927 di Gisella, nipote del rentorista P. Edio Bruschi, conservato nella Casa redentorista di Frosinone.
Esistono diverse melodie della canzoncina , come per le altre del Santo (cf. La raccolta di P. Salvatore Brugnano, da cui viene tratto il presente spartito): i Redentoristi ne con l’ensemble (coro e orchestra) di P. Paolo Saturno seguono la versione pastorale; qui viene proposta quella in uso a S. Agata dei Goti, che ha il sapore di una filastrocca.
All’ultima strofa, c’è il tocco che ha fatto sorridere di cuore l’allora cardinale Ratzinger “E po quanno me ne moro famme zinno co a manella; dimme po co sta vocchella: “Pisse pisse, viene ccà”.

L’esecuzione è del Piccolo Coro della Parrocchia dell’Annunziata in S. Agata dei Goti, diretto da don Franco Jannotta. Anno 2002.

Clicca per ascoltare la canzoncina

1. Giesù Cristo peccerillo,
mariuolo, acchiappa core,
vuò lo mio? Te teccatillo,
tutto tujo, eccolo cchà.
Si i core de ll’aute gente
Po volisse, Ninno bello,
fatte sulo tenì mente,
ca li ffaje spantecà.

Bello Ninno mio d’amore,
Sulo a Te io voglio amà.

Oppure
Bello mio, Ninno Dio
Io pe Te voglio abbruscià

2. So craune, e so bruttezza
tutti i gigli, e giusummine;
de sta Faccia la janchezza
fa li Sante addobbeà
Chi è lo Sole ‘n Paraviso?
Ninno mio, è sta janchezza;
chisto bello, e ghianco viso
mena luce ‘nquantità.

3. Venc’ e rrose o russolillo
de sti belle Mascarielle:
mille vase a pezzechillo,
chi le bede, t’ha da dà.
Dint’a st’Ucchie sta ‘nserrata
tutt’ a lluce de le stelle:
chi da st’Ucchie è smecceato
già è feruto, e t’ha da amà.

4. Sso Nasillo delecato,
sti Zuppulle de diamante,
sto Mussillo de scarlate,
fanno a bracce ‘nnamorà.
Sta Vocchella quanno sciata
scarfe l’arma cchiù annevata;
quanno dice na parola
de l’amore fa squaglià.

5. So catene sti Capille
So manette, e cippe d’oro
Ca perrò so ricciolille,
cumm’e chille de mammà.
So doje perle ste Mammelle
chiene e frezze, e calamite
Chi le bede accossì belle,
corre a farese frezzeà.

6. So piguelle d’uva bona
sti Pedille, Ninno amato
chi le basa, ‘mbriacato,
e ‘mpazzuto ha da restà
‘N somma Tu sì tanto bello,
Ninno russo e ghiancolillo,
che li belle a mill’ a millo
Ponno irese a stepà.

7. Si de carte tutt’o cielo,
tutt’e paglie penne toste,
e si tutte l’acque gnioste,
le facisse arreventà.
Pe notà quant’è bellillo
sulamente no Detillo:
No sta carta, manco a ppenne
né sta gnosta pò avastà.

8. Quant’è caro, tiene mente!
Si mm’ ancappe int’ a sse mane,
siente, Ninno, e tien’ a mente,
me ne voglio sazeà.
Ne vuò avè vase, e morzelle
a sti piede, e a ste mmanelle;
‘n faccio po, nò nne parlammo,
io mme t’ aggio da sbramà.

9. Pare troppo confidenzia,
ma Tu saccio, ca n’ haje gusto,
e perrò no ‘nc’è perdenzia
de creanza, e majestà.
Quant’ è sciocco chi te lassa
pe cercà aute bellizze;
lassa o mare pe li sghizze,
che no juorno hann’ a seccà.

10. Già io comm’ a peccerillo
‘n faccia a o ghianco, o a russolillo,
a e bellizze de sso Cuorpo
mme so puoste a pazzeà.
Ma Tu sì comm’ o granato
addoruso, e tutto pinto;
lo cchiù bello sta da dinto,
lo sapore, dinto stà.

11. Tiene n’Arma la cchiù bella,
che Tu agge maje creata ;
chesta appassa pure chella,
che creaste pe mmammà.
Chi è no schizzo de bellezza,
chi è na giarra, e chi no cato
mamma è maro sprofunnato:
st’ Arma toja po che sarrà?

12. Già m’ agghiaja la bellezza
de sso cuorpo, e ss’ Arma bella;
che sarrà. si penzo a chella
bella toja Devenetà!
Ninno mio, Tu si de Dio
Lo bellissimo Figluiolo;
le bellizze tuoje Tu sulo
le ccapisce, e puoje contà.

13. Dillo Tu a chi mme sente,
Ninno mio, quanto si bello;
giacché ‘n cielo sulamente
sse bellizze vuoje mostà.
Ca mo vide ‘nnanz’ a Tene
comm’ a ffruvole li core
E chi sciocco nò nne tene
mo lo vide pecceà.

14. Te lo mio…. ah marionciello,
doce doce m’haje ferito,
e annascuso si trasuto
chisto core a pezzecà….
Lengua sciocca, chi è Signore
non se chiamma marionciello:
Ninno o fece chisto core
justo pe se ‘nce spassà….

15. Ma che spasso te pò dare,
Ninno mio, si è tuosto o core!
T’aggio ‘ntiso: li ferrare
sanno o ffierro annammollà.
Tienetillo, bella Gioia,
ma pecchè ca tene e scelle,
dallo ‘mmano a mamma toja,
e fatillo ‘ncatenà.

16. Pensa a quanto nce haje stentato
p’ancapparlo a la tagliola;
dunca mo, che ‘nce ‘ncappato,
non t’o fare cchiù scappà.
Tienetillo sempe ‘n pietto,
ard’, e abbruscia a gusto tujo:
no le fa trovà arrecietto,
fallo sempe spantecà.

17. Si volesse pò fuire
E tu auza li strille,
e co scippe; e co caucille
‘nnanz’ a Te fallo schiattà.
Fall’ a mente, ca o nnemmico
lo promette gusto, e mele:
ma po auto, che lo fele,
spine, e tuosseco non dà.

18. Tu si mele, Tu confitto,
Tu si zuccaro a panetto:
Chi te prova veramente,
non te pò maje cchiù lassà
Ha da fa comm’ a moschella,
Tu fajo sciò, nna cacce, e chella
cchiù s’azzecca, e se contenta
de se fare scamazzà.

19. Si sto core, Ninno bello,
chi partì da Te no faje;
dall’amore tujo chi maje
scatastarme potarrà?
No ‘nce ponno guaje, e pene;
non me smove manco a morte,
ca l’amore tujo cchiù forte
de no scuoglio mme farrà.

20. E pecchè non tengo o core,
lo serpente ‘nganantore
co li tacere, si vene,
la fatica perderà:
E si vene o brutto amore;
e mme mena a frezza ‘mpietto
non farà pertuso a o core,
coffeato restarrà.

21. E si po veness’ o munno,
e decesse: i’ voglio amore:
le responno: no, nc’è core;
agge pace, fatte llà.
Ninno mio, Rre de sto core,
giacché tanto te piace,
guodetillo sempre ‘n pace.
co lo Gnore, e co mammà.

22. Tu ti tien ‘o core mio,
d’int’o core tutt’ amore;
tutto tujo già song’io,
cchiù non aggio che te dà:
Tu perrò, Ninno d’amore,
duje piacire m’aje da fare;
‘n primmo, a o pizzo de lo core,
Tu pe ccarè nce haje da stà.

23. E po quanno me ne moro
famme zinno co a manella;
dimme po co sta vocchella:
“Pisse pisse, viene ccà”.
Ca volanno io me ne vengo;
mme t’abbraccio, e me te vaso;
e co Ttico me ne traso
‘n Paraviso a pazzeà.

Condividi l'articolo