Quando la moglie si ferma

Un vero rapporto di coppia presuppone che ciascuno dei due stimi il lavoro che fa l’altro e ne mostri apprezzamento anche esteriormente. Altrimenti, nel cemento dell’unione coniugale si inserisce quella sabbia perniciosa che porta a sgretolare rapporti anche solidi all’apparenza. – Stima e gratitudine, nell’interesse di tutta la famiglia, perché ciascuno possa fare il proprio dovere accompagnato dall’amorosa attenzione dell’altro. E i figli impareranno ad apprezzare anche loro.

Case nostre e presenza di Dio

Fa piacere assistere e partecipare alla mobilitazione di cittadini che invocano il rispetto delle proprie tradizioni e quindi anche dei propri simboli religiosi. Ma ci farebbe anche bene verificare l’importanza di questi simboli nella nostra vita, a partire dalle nostre case, dove si vive ormai uno stile di vita post-cristiano. Eppure quanta forza può dare alla famiglia ogni giorno un bel simbolo religioso posto sulle mura di casa: un crocifisso, un’immagine della Madonna, un’immagine di un Santo!

Lasciare tutto per Cristo: oggi canonizzati 7 nuovi santi

«Vieni e seguimi!» Un invito totale che, accolto, ha trasformato le vite dei sette nuovi santi che oggi la chiesa proclama in Piazza San Pietro a Roma e che diventano icone per un vero vero verso l’umanitò ferita e sofferente. Papa Paolo VI (Giovanni Battista Montini 1897-1978); l’arcivescovo martire Oscar Arnulfo Romero (1917-1980); il sacerdote Francesco Spinelli (1853-1913); il giovane operaio morto a 19 anni Nunzio Sulprizio (1817-1836); il sacerdote Vincenzo Romano, parroco di Torre del Greco (1751-1831); suor Maria Caterina Kasper (1820-1898), fondatrice dell’Istituto delle Povere Ancelle di Gesù Cristo; suor Nazaria Ignazia March Mesa, originaria spagnola (1889-1943) fondatrice della Congregazione delle Suore Misioneras Cruzadas de la Iglesia in Bolivia. La santità è per tutti. Per tutti c’è santità.

Don Alessandro Pronzato, il prete scomodo

Martedì 25 settembre 2018 è morto don Alessandro Pronzato, il prete scomodo, scrittore di molti libri, tutti tesi a suscitare una sana inquietudine ad un cattolicesimo piuttosto addormentato. Scrittore tra i più letti al mondo, con i suoi scritti, tante volte pungenti e pieni di sano umorismo, hanno portato notevoli benefici a coloro che volevano fare un passo avanti nella via della spiritualità cristiana. Tra i suoi lettori ci sono stati semplici fedeli, sacerdoti, vescovi ed anche papi; non solo, ma anche a Fidel Castro, a cui Papa Francesco aveva fatto dono di due libri, tradotti in spagnolo, di don Alessandro Pronzato.

Il compleanno di Margherita

I bambini guardano, imparano e poi scelgono. E quando è il momento del confronto con i genitori per qualche “mancanza” fatta, proprio allora i bambini debbono trovare ascolto e comprensione per non restare delusi o fuorviati per il resto della vita

Prete partigiano per l’umanità

Monsignor Giovanni Barbareschi, prete partigiano per l’umanità, è morto a 96 anni nella serata di giovedì 4 ottobre, all’Istituto Palazzolo di Milano dove era ricoverato da qualche mese. Il sacerdote ambrosiano fu protagonista dell’antifascismo cattolico e tra i preti «ribelli per amore», Giusto tra le nazioni e Medaglia d’argento della Resistenza. Fu protagonista non solo della Resistenza cattolica, ma anche intermediario per i vinti;

I martiri cinesi fonte di ispirazione

I fedeli cinesi hanno viva memoria dei loro martiri e rendono loro il culto dovuto, mentre imparano attraverso le varie iniziative “Come i cattolici cinesi seguono l’esempio dei Santi Martiri e Beati”. – In questi giorni dell’ottobre 2018 due vescovi della Cina Continentale stanno partecipando al Sinodo dei Vescovi a Roma in maniera ufficiale, non di nascosto: qualcosa sta cambiando anche in Cina.

Novena e festa di San Gerardo a Tropea

Dal 7 al 15 ottobre nella chiesa del Gesù in Tropea si celebra la novena di San Gerardo Majella, umile fraticello redentorista. La novena prepara alla devota festa, il 16 ottobre, in onore di questo bel Santo che i tropeani hanno imparato ad amare fin da quando nel 1904 gli dedicarono la cappella con la bella statua, in occasione della di lui canonizzazione (11 dicembre 1904). – Oggi è soprattutto la sente semplice a sentire vicina la protezione di questo Santo nelle varie sofferenze della vita e soprattutto per la vita nascente. Ancora oggi i tanti fiocchi di colore rosa e azzurro stanno a testimoniare una grazia per la maternità ricevuta.  E si sente sempre echeggiare: “San Gerardo mio, prega per me!”

Il cantiere buono della umanità

Nei giorni scorsi sono stati attribuiti i vari Premi Nobel per i relativi ambiti scientifici, sociali e umanitari. Il Premio Nobel per la Pace 2018 è stato assegnato a Denis Mukwege,ginecologo congolese, e Nadia Murad, donna Yazida irachena, attivista per i diritti umani, ex schiava sessuale dell’Isis, per il loro impegno contro l’uso della violenza sessuale come arma di guerra. Per questa nostra rubrica resta un motivo di soddisfazione aver segnalato a suo tempo queste storie di vera umanità.

Una polemica fa conoscere il bene

La nostra società cerca modelli e figure di riferimento di vera umanità; non può non inchinarsi davanti ad una «santa», una donna coraggiosa che ha lasciato vivo esempio di umanità, Lia Varesio, chiamata l’«angelo dei barboni». Essa è stata una donna straordinaria che ha scritto una pagina storica e ha cambiato il modo di vivere insieme a chi ha perso tutto. Cominciò quando un barbone, stremato dalle sofferenze, le morì tra le braccia e allora moltiplicò la sua azione caritativa nel nome di questo barbone, Bartolomeo. Vale la pena conoscere la sua storia.

La pietra, la sabbia e il vero amico

‘Permesso, grazie, scusa’. “Queste parole aprono la strada per vivere bene nella famiglia, per vivere in pace. Sono parole semplici, ma non così semplici da metterle in pratica! Racchiudono una grande forza: la forza di custodire la casa, anche attraverso mille difficoltà e prove; invece la loro mancanza, a poco a poco apre delle crepe che possono farla persino crollare”. Lo stesso avviene nell’amicizia. La comprensione e il perdono la salveranno, mentre la superbia, il giudizio e la critica la affonderanno. Vero amico è chi vuole salvare l’amicizia, non se stesso.

Aperto il Sinodo sui giovani

Papa Francesco ha aperto ieri a Roma il Sinodo sui giovani: I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. Vi partecipano 34 giovani tra i 18 e i 29 anni, e i delegati fraterni in rappresentanza di altre Chiese e comunità ecclesiali presenti. I Redentoristi sono presenti con 5 Padri Sinodali, tra cui il loro Superiore Generale P. Michael Brehel.

Correzioni, ferite d’amore

E’ un dovere morale correggere chi ci sta a cuore. La correzione deve essere sempre un atto di amore mirato alla salvezza dell’altro e non ridursi ad un atto vendicativo. Così la vera correzione resterà una ferita d’amore. Chi riceve la correzione dovrebbe essere grato e ricambiare con un sorriso. Ma chi si urta facilmente e non accetta una salutare correzione, dà segno di non tenerci alla propria santificazione.

Preghiere per proteggere la Chiesa dal diavolo

Papa Francesco ha deciso di invitare i fedeli di tutto il mondo a pregare il rosario ogni giorno, durante l’intero mese mariano di ottobre, e a unirsi così in comunione e in penitenza, come popolo di Dio, nel chiedere alla santa Madre di Dio e a san Michele Arcangelo di proteggere la Chiesa dal diavolo, che sempre mira a dividerci da Dio e tra di noi. Due preghiere che sono rimaste sempre vive, anche quando non sono state più indicate nella recita ufficiale.

Il nuovo beato Jean-Baptiste Fouque e i poveri

Domenica 30 settembre 2018, la cattedrale di Marsiglia ha ospitato per la prima volta la liturgia di una beatificazione, quella di Jean-Baptiste Fouque, sacerdote marsigliese che ha speso la sua vita per aiutare i poveri. Umile e tenace, era noto ai poveri, ai quali dedicò la maggior parte della sua attività, così come ai ricchi, senza i quali non avrebbe potuto completare i suoi progetti di assistenza di vasta risonanza sociale. Il beato Jean-Baptiste Fouque resta un modello per le generazioni presenti e future di attenzione verso i più fragili.