Avvento con la Madonna

La liturgia dell’Avvento ci prepara al Natale attraverso tre figure: Isaia, Giovanni Battista e Maria. Il profeta che da lontano ha annunciato la nascita dell’Emmanuele, il precursore che lo ha additato al mondo come l’Agnello di Dio e la Madre che lo ha portato in grembo. – Maria è l’unica che non ha celebrato l’Avvento, ma lo ha vissuto nella sua carne. Come ogni donna incinta sa cosa significa essere “in attesa”. Maria ci ricorda silenziosamente che non c’è Natale senza Gesù. E Gesù è nato da lei: perciò ella ci può aiutare nel cammino dell’Avvento.

Un Giubileo per volare alto

Il Giubileo lauretano inizia domenica 8 dicembre e viene promosso per i cento anni dalla proclamazione della Madonna di Loreto a patrona degli aeronauti; potrà essere vissuto anche negli aeroporti: dell’Italia e del mondo. Infatti la Vergine del santuario lauretano sarà in pellegrinaggio fra numerosi scali con una statua che la raffigura. Tre sono le statue che si muoveranno fra gli scali: una arriverà negli aeroporti d’Italia; un’altra verrà portata in alcuni scali internazionali, da Buenos Aires a Manila (per citare alcune tappe); la terza sarà presente negli scali quelli militari. Con questa iniziativa la Chiesa intende raggiungere l’uomo là dove vive, lavora e opera ed offrire un momento di sosta e di spiritualità.

Sui passi di don Mottola, mattinata gioiosa a Tropea

Oggi la premiazione del concorso “Sui passi di Don Francesco Mottola” Più di 300 alunni di diverse scuola della provincia si sono ritrovati nella cittadina tirrenica per partecipare all’evento conclusivo che ha voluto rendere omaggio ad un grande tropeano, quale appunto il beato don Francesco Mottola Mattinata particolarmente gioiosa quella vissuta a Tropea in occasione […]

Religione e sapone

A Londra c’è il celebre Hyde Park  e in un angolo di esso una tribuna su cui chiunque può salire e dire la sua. Moltissimi si sono cimentati ad improvvisare discorsi ad un pubblico improvvisato. Certi interventi sono rimasti nella memoria, come la risposta qui riportata:  “Mio caro, la religione è come il sapone. Il sapone esiste da tantissimi secoli, eppure c’è ancora tanta gente sporca: c’è chi non lo usa ancora”.

Il volume su San Nicola, scritto da mons. Luigi Renzo

Nella chiesa di Mendicino, mercoledì 4 dicembre verrà presentato il volume scritto da mons. Renzo Il libro, presenta anche il ricco patrimonio iconografico custodito nelle chiese calabresi Nella chiesa parrocchiale di Mendicino (CS) dedicata a San Nicola, mercoledì 4 dicembre 2019, con inizio alle ore 18.30 verrà presentato il volume San Nicola il santo più […]

P. Vito Michele Di Netta, un Venerabile in Tropea

Il Venerabile P. Vito Michele Di Netta, missionario redentorista nella Calabria dell’800” e testimone della Misericordia di Dio: «Odi estinti, discordie composte, lotte e scandali d’ogni genere dissipati, il maltolto restituito, in una parola restaurata la virtù e la vita cristiana: ecco i frutti che sempre e dovunque producevano i lavori apostolici del P. Di Netta» (Collage dai quadri di Rosetta Bova di Tropea).

Tropea e Vallata: due città, una fratellanza

Tropea e Vallata: due città, una fratellanza nel ricordo del Venerabile Servo di Dio P. Vito Michele Di Netta, redentorista. – L’incontro delle due comunità è stato vissuto nella preghiera e nella memoria biografica, storica e sociale sullo sfondo della bellissima chiesa del Gesù, inaugurata dai Gesuiti nel 1876. La presentazione per illustrare due pubblicazioni ha ravvivato questa memoria: 1. La Chiesa del Gesù in Tropea (Dott. Arch. Mario Panarello) e ” P. Vito Michele Di Netta, Missionario Redentorista nella Calabria dell’800” (Editore Giuseppe Meligrana).

L’Immacolata nell’antica tradizione di Tropea

La novena dell’Immacolata con i canti dell’antica tradizione tropeana da un libretto del 1922. Il fedele tropeano la concludeva con queste parole:  E se qui in terra ti considero coronata di stelle, concedimi di goderti nel Paradiso coronata di gloria; ringraziandoti, e lodandoti sempre col dire: “Sia lodata la gran Madre di Dio Maria, concepita senza macchia di peccato originale sin dal suo primo istante, per tutta l’eternità. — Amen.

Quell’abbraccio dal Giappone

Ha suscitato viva emozione sul web l’abbraccio di Matsuki a Papa Francesco, ragazzo di sedici anni, ma appena un bambino quando assistette impotente alla triplice catastrofe dell’11 marzo 2001, terremoto, tsunami e incidente nucleare. E come un nipote si rifugia tra le braccia del nonno, Matsuki dopo aver raccontato la propria storia a Papa Francesco, ha scambiato con lui un forte abbraccio consolatorio. È l’immagine più toccante dell’incontro avuto dal Pontefice con le vittime di terribile disastro.

Un rimedio per i litigi in famiglia

“Acqua in bocca!” fino a quando si sgonfia la rabbia. – Questo detto popolare è pieno di saggezza. Quanti litigi in casa, in ufficio, sul lavoro si potrebbero evitare se si tenesse a freno la lingua. – La Bibbia loda la pazienza come un frutto dello Spirito, che dovrebbe far parte del carattere di ogni credente. La pazienza dimostra la nostra fede nell’onnipotenza, nell’amore e nei tempi di Dio.

Ho conosciuto un martire, il cardinale Van Thuân

Il cardinale Van Thuân (1928-2002) è uno dei martiri cristiani contemporanei più significativi. – Nel 1997, sollecitato da Giovanni Paolo II a parlare del suo martirio alla giornata mondiale della gioventù di Parigi, conquistò il cuore di migliaia di giovani per la bontà che irradiava dal suo sguardo, per il racconto senza rancore, per la testimonianza dalla sofferenza resa pura e luminosa.- Qualcuno potrebbe obiettare che tecnicamente non può dirsi un martire, in quanto sopravvisse alla lunga detenzione. Ma il modo con cui visse la prigionia rimane ancora oggi un seme di speranza per il suo amato Vietnam e l’intera comunità cristiana.

Il Beato Donizetti, ma non è il musicista

La Chiesa ha un nuovo Beato, don Donizetti Tavares de Lima, che del celebre musicista porta il nome, come gli altri suoi fratelli portava il nome Rossini, Bellini, Mozart, Verdi. Una famiglia innamorata della musica e che nella musica ha trovato l’onesto sostentamento. E’ stato beatificato a Tambaú (Brasile) lo scorso 23 novembre 2019 dal cardinale Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, in rappresentanza di Papa Francesco. – Dopo la “missione musicale”, ha voluto diventare sacerdote e fu un parroco secondo il Cuore di Cristo: si spese in difesa dei deboli, dei lavoratori, degli ultimi, ed impresse un segno indelebile nella vita della sua parrocchia e del Brasile. Il Signore lo ha fatto taumaturgo di molti segni prodigiosi.

Messaggi di vita nuova da Hiroshima e Nagasaki

Papa Francesco a Hiroshima e Nagasaki sui luoghi dell’abisso di dolore che furono Hiroshima e Nagasaki: “Mai più la guerra, mai più il boato delle armi mai più tanta sofferenza!”. Hiroshima il 6 agosto 1945, durante la seconda guerra mondiale, fu bersaglio della bomba atomica al plutonio “Little Boy”, la prima mai fatta esplodere su un’area popolata. Tre giorni dopo, il 9 agosto, l’altra bomba nucleare “Fat Man” fu sganciata su Nagasaki. Distruzione totale e migliaia e migliaia di morti, rimasti tutti uniti da uno stesso destino, in un’ora tremenda che segnò per sempre non solo la storia di questo Paese, ma il volto dell’umanità”. Quell’abisso di dolore deve far richiamare i limiti che non si dovrebbero mai oltrepassare.

Il vero Re è Cristo

La solennità di Cristo Re, che vediamo sulla croce, celebrata in questa ultima domenica del Tempo Ordinario, chiude il ciclo liturgico C.- Cristo Gesù, Re di gloria, ascoltaci: infondi anche in noi la sapienza della tua croce. – Domenica prossima con l’Avvento ripartirà il ciclo A. Il centro di tutto l’anno liturgico rimane Cristo, celebrato nel mistero del Natale, della Pasqua e poi della Chiesa, che inizia il suo cammino a Pentecoste. La Madonna e i Santi fanno corona a Cristo, unico Mediatore e Salvatore, e mostrano in maniera visibile che il mistero di Cristo si compie anche in noi tutti.

Il monaco irascibile

Più che fermarsi a guardare i peccati delle persone, conviene volgere l’attenzione all’infinita letteratura di santità riguardante la vita di tanti buoni preti, frati, monaci e vescovi ed anche laici. Tutti sono persone con una umanità fragile, e si sono impegnate a correggere i loro difetti, maturando vittorie o subendo sconfitte. Di questa lotta interiore solo Dio ne è testimone, ma i frutti poi restano visibili a tutti. E gli scandali? “E’ necessario che avvengano”, dice Gesù. e chi li provoca deve affrontarne le conseguenza. Ma allo scandalo occorre dare una risposta cristiana: abbiamo tutti bisogno di conversione, di perdono e di grazia, perché tutti siamo fragili e possiamo cadere.

La preghiera di un carcerato: «Sto pagando il mio debito».

La pastorale carceraria, sostenuta dall’insegnamento e dall’esempio di Papa Francesco, sta producendo frutti di vere conversioni. Il Papa indica la strada per uscire dalle sbarre e i detenuti gli sono grati e, come chiede spesso Francesco, pregano per lui”. Il francescano dei minori conventuali, Padre Beppe Giunti, ha fatto conoscere l’invocazione al Padre Nostro di un detenuto di Alessandria conosciuto durante la sue visite in carcere. Una preghiera che non può passare inosservata o ignorata: dentro questa preghiera c’è la grazia dello Spirito che libera l’anima dai duri legami del peccato.

Beato educatore, padre del popolo, martire dell’Eucaristia

Il nuovo Beato martire gesuita, Emilio Moscoso Cárdenas (1846-18979, fu un educatore dei giovani, un vero padre del popolo e un martire dell’Eucaristia, che aveva imparato ad amare in famiglia. Egli fu ucciso in odium fidei, mentre stava recitando il rosario davanti al crocifisso nel suo dormitorio il 4 maggio 1897. La sua morte si consumò in un doloroso periodo della storia dell’Ecuador, dopo l’uccisione del suo presidente Garcìa Moreno. Odio antireligioso, menzogne diaboliche, violenze arbitrare e sanguinose. Il vescovo di Riobamba era stato imprigionato; i gesuiti erano accusati di partecipare attivamente con armi alla rivolta del popolo. E ad Emilio, che venne assassinato, fu messo tra le mani il fucile con il quale era stato ucciso per far vedere che era armato e stava sparando prima di morire. Un inganno che non servì a coprire la barbarie perpetrata.

Nell’atomica di Nagasaki un medico santo

Straordinaria la vicenda scientifica e umana del medico Giapponese Takashi Paolo Nagai (1908-1951). Fu coinvolto personalmente nello scoppio della atomica di Nagasaki, anche a livello familiare: la moglie morì nello scoppio e a lei, che lo aveva aiutato nella conversione, promise di dedicare agli altri il poco tempo che gli restava da vivere: «In ricordo di te, per amore di te… che mi hai portato all’amore di Cristo». Rimane un vero «testimone» del XX secolo. Non morì nell’esplosione: egli trovò la risposta con un sorriso: «Non ci hanno voluti in Paradiso: siamo stati bocciati agli esami di ammissione».