Senza categoria

Beate 10 suore uccise dall’Armata Rossa nel 1945

Nel 1945 le Suore elisabettiane decisero di rimanere nei villaggi invasi dai sovietici”. Circa un centinaio sono morte in circostanze diverse, alcune delle quali attraverso il martirio. La guerra era finita, ma pian piano l’Armata Rossa avanzava portando con sé l’odio verso la religione: cappelle e chiese cattoliche furono profanate, sacerdoti torturati e brutalmente uccisi, suore violentate e atrocemente uccise anche loro. Lo stupro era diventato un’arma di umiliazione, ancora più feroce se la vittima era una religiosa consacrata al Signore. Dinanzi alla possibilità di fuggire esse hanno scelto di restare a servire e quindi il martirio: IoAppartengo a Gesù… Lui è il mio sposo”.