L’amore e i suoi gesti

Papa Francesco invita, in questa quaresima, di avere occhi e cuore per aiutare i bisognosi. L’altro è uno per noi, è una opportunità perché possiamo crescere in umanità. Compiere i gesti dell’amore. È importante il gesto, aiutare chi chiede, guardandolo negli occhi e toccando le sue mani. – Santa Teresa di Calcutta: “Forse non potrò mai risolvere il problema della povertà per tutti i poveri del mondo, ma per questo povero che ho davanti devo fare tutto quello che è nelle mie possibilità!”.

Tutti sono chiamati a pentirsi e convertirsi

Don Maurizio Patriciello, presentando questa incredibile storia, ha detto che Santino Di Matteo si è macchiato le mani di sangue, ma che ha deciso di risalire in maniera faticosa la china, allontanandosi dal peccato dopo la sua conversione.  E il pentito Di Matteo confida: “Ho incontrato un sacerdote che si è rivelato per me un vero amico, un fratello e un padre allo stesso momento. Risalendo negli abissi in cui ero caduto, il cielo diventa sempre più limpido.” – Così, nonostante una storia di mafia durissima da ricordare, Santino Di Matteo resta protagonista e artefice del suo nuovo destino con il suo pentimento e la sua conversione. – Tutti sono chiamati a pentimento e conversione.

La forza delle parole

Le parole hanno una loro forza; hanno il potere di distruggere e di creare. Le medesime parole proferite da bocche diverse acquistano significati differenti, persino antitetici e scatenano confusione. Cerchiamo di sfruttare il potere della nostra parola, usandola per il bene, e soprattutto permettiamo alla Parola di Dio di operare quello che Egli vuole.

Solidarietà creativa dei giovani

Solidarietà può essere benissimo un altro nome di Dio. Condividere un gesto d’amore, anche se piccolo, ci rende testimoni di Lui, che è l’Amore. Un piccolo gesto di amore, diceva Santa Teresa di Calcutta, forse non cambierà il mondo, ma renderà più credibile l’umanità che ognuno sta vivendo. – “Date e vi sarà dato”: per una persona che soffre, anche solo un sorriso, una parola gentile, un abbraccio… comunque vada sarà una bellissima cosa per tutti! A volte ci si dimentica quanto bene possa fare un sorriso!

Una vita trasfigurata

rrore e speranza ogni giorno nella vita, anche di questi giorni. La strage delle due moschee in Nuova Zelanda si unisce alle tante violenze che si perpetrano ogni giorno in tutto il mondo. E la speranza che viene dai giovani che protestano e scioperano in tutto il mondo per spingere a prendere decisioni circa i tragici cambiamenti climatici. Due facce della stessa medaglia della vita. L’uomo ha avuto in dono la vita perché la trasfiguri nella sua dignità più alta e ami e rispetti il creato perché lo possa consegnare trasfigurato dal bello alle future generazioni. Anche questa è Quaresima. Anzi, senza questo impegno non c’è quaresima che valga.

Beati nove seminaristi martiri spagnoli

Con la santità della loro vita, i nuovi beati seminaristi martiri parlano alla società di oggi e soprattutto alla Chiesa di oggi. Essi erano giovani: il più anziano aveva 25 anni, il più giovane 18. Con il loro sangue hanno fatto grande la Chiesa e hanno dato splendore al sacerdozio. Oggi c’è bisogno di preti onesti e irreprensibili che portino le anime a Dio e non causino sofferenze alla Chiesa e turbamento al popolo di Dio con scandali che sembra non finire più.

Sciopero Globale per il Clima

LAV Vibo Valentia – 15 marzo 2019 Al nostro tavolo sarà anche possibile firmare la petizione europea END THE CAGE AGE per l’abolizione delle gabbie negli allevamenti intensivi, i quali, oltre a costringere in condizioni indicibili milioni di animali, sono causa di pesanti emissioni di gas serra nell’atmosfera In occasione dello Sciopero Globale per il […]

Ad Ariccia gli Esercizi spirituali del Papa

Con gli occhi di Dio per cambiare la città, Ad Ariccia gli Esercizi spirituali del Papa. – Solo la testimonianza, animata dal fuoco dello Spirito è l’unica fiamma capace di arrestare la «vampa devastatrice del mondo» e ricostruire la città. “Se il Signore non costruisce la casa, invano si affaticano i costruttori (Salmo 127). – «Non guerre, non distruzione, non sopraffazione, ma preghiera, opere di giusto progresso, di vera bellezza, di lavoro e di pace!»

Ma Dio perdona tutto?

Ma… i delitti in famiglia, Dio li perdona? Nella vita di Don Orione c’è la bella storia dell’uomo che aveva ucciso la propria madre avvelenandola. – Su un ciglio di strada, appena rischiarato nella notte invernale, l’apostolo della carità, Don Orione, raccolse la confessione del penitente più bisognoso della misericordia di Dio e della sua pace. – Dio vuole sempre perdonare… ma l’uomo vuole essere perdonato?

Fede e amore non sono una prigione

Chi crede e ama non si sente oppresso. La vera libertà è quella che si ha dentro e che fa comunicare oltre ogni barriera. Dio è la libertà dell’uomo, purché ci si avvicini a lui con spirito di figlio e non di schiavo. “Dio infatti non ci ha dato uno Spirito di timidezza, ma di forza, di amore e di saggezza. Non vergogniamoci dunque della testimonianza da rendere a Lui” (cf 2Timoteo 1,7).

Nelle tentazioni della vita

La Quaresima, iniziata con il Mercoledì delle Ceneri, invita i cristiani a stare insieme a Gesù nella lotta contro il Maligno. L’umanità è ferita dal peccato, ma il cristiano che vuole lottare contro il maligno si deve unire a Cristo per ottenere la vittoria. La vittoria sarà il frutto della grazia del nostro Battesimo che ci ha configurati a Cristo, e Cristo con la sua Croce ha redento il mondo. Un cammino di 40 giorni per sperimentare la grazia e la vittoria di Cristo.

Una storia di solidarietà di donne

Kabul – La bara di Farkhunda, lapidata da uomini col pretesto religioso, è portata verso la tomba di famiglia da spalle femminili: una provocazione al rigido cerimoniale funebre che prevede che siano solo gli uomini a farlo. Una straordinaria storia di solidarietà e di impegno contro la violenza sulle donne.

Verità e fascino di una donna libera

Santa Giuseppina Bakhita da bambina venne rapita dai mercanti di schiavi, liberata si fece suora diventando un punto di riferimento per tutta la comunità locale. – Dopo la canonizzazione avvenuta nel 2000, è diventata simbolo del riscatto per quanti sono vittime della tratta. Il comune veneto di Schio nel 2017 le ha conferito la cittadinanza onoraria alla grande Santa ‘immigrata’ diventata un simbolo nel mondo. Il fascino di una donna vera, libera, anche dal male di chi l’ha maltrattata, venduta e usata come schiava. Una libertà diventata amore per tutti.

Tutta colpa di Adamo ed Eva?

“Di chi è la colpa dei mali che ci sono in mezzo a noi?” – Dei mali in genere il credente risponde “E’ colpa del peccato originale di Adamo ed Eva!” Ma dei mali personali, che derivano da noi stessi, siamo noi i responsabili. E dobbiamo farcene umilmente carico, senza scaricarli su altri. Se è vero che il peccato originale ha lasciato un ambiente inquinato a chi è venuto dopo, è pur vero che i peccati voluti dalla persona, rimangono a carico della persona che li compie.

Inizia la Quaresima

«Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai» oppure «Convertitevi e credete al Vangelo». Con questi inviti comincia oggi, Mercoledì delle Ceneri, la Quaresima, il periodo penitenziale di quaranta giorni che precedono la Pasqua cristiana. Il sacerdote impone della cenere sul capo dei fedeli per incoraggiarli all’impegno penitenziale del tempo di Quaresima e per invitare ad una vita di risurrezione sui propri peccati.

Tutti vogliono avere ragione

A volte, presi dalla voglia di avere ragione, dimentichiamo di riconoscere il nostro torto. Perché le nostre ragioni siano fatte valere, è necessario riconoscere i nostri torti. La via cristiana è la ricerca di buona volontà: “Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario “. – Papa Francesco raccomanda;Mai litigare davanti ai bambini: ne provano angoscia”.

Il segreto dell’equilibrista

I santi hanno guardato intensamente a Cristo, il Primo e l’Ultimo, per raggiungere la loro santità. San Paolo affermava: “Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me. Questa vita nella carne, io la vivo nella fede del Figlio di Dio”. Così è possibile all’uomo raggiungere la misura alta della sua umanità, la santità. I santi non si ammirano soltanto, si cerca di imitarli scoprendo il segreto della loro santità.

Sui passi di Don Francesco Mottola

Domenica 10 marzo inizieranno i pellegrinaggi zonali a Tropea Si chiede all’Associazione dei Commercianti di sensibilizzare gli associati all’apertura delle attività commerciali per accogliere i numerosi pellegrini A partire da domenica 10 marzo e fino a domenica 7 aprile si svolgeranno a Tropea i pellegrinaggi delle parrocchie delle cinque zone pastorali del territorio diocesano, sui […]

Carnevale e Quaresima

Il Carnevale non è una festa cristiana,pur essendo molto popolare nei paesi di tradizione cristiana; è tollerata. In teoria non c’è niente di male a partecipare al Carnevale, anche se tutto dipende dal tono e dai contenuti della festa. Per ogni cristiano non è bene mangiare troppo, ubriacarsi, fare rappresentazioni oscene o assumere droghe, perché danneggiano la salute del corpo e vanno quindi contro il quinto comandamento, che obbliga a prendersi cura del proprio corpo senza esporlo a lesioni come quelle provocate dall’abuso di alcool, droghe o mangiate. Festa sì, cultura sì, ma eccessi di ogni genere no!