Senza categoria

Liturgia, vita e missione del cristiano

Nella solennità dei santi Pietro e Paolo Papa Francesco ha firmato la lettera apostolica “Desiderio desideravi” sulla formazione liturgica del popolo di Dio. La lettera è stata indirizzata ai vescovi, ai presbiteri e ai diaconi, alle persone consacrate e ai fedeli laici.- Il documento ricorda come l’azione liturgica non sia solo un insieme di regole, ma deve far riscoprire lo stupore per il mistero pasquale. E portare all’annuncio. Perché la Liturgia non sia solo rito, ma vera evangelizzazione. Lo “stupore per il mistero pasquale” ci deve avvolgere e coinvolgere anche l’assemblea.

Fede e dintorni

Suor Luisa, martire della solidarietà

La uccisione, avvenuta ad Haiti, di Suor Luisa Dell’Orto, italiana del Lecchese. appare una chiara testimonianza del dono totale di sé. – Piccola sorella del Vangelo di Charles De Foucauld, Suor Luisa è stata uccisa sabato 25 giugno a Port-au-Prince, capitale di Haiti dove operava da 20 anni. – «Ha fatto della sua vita un dono per gli altri fino al martirio» – ha detto Papa Francesco. – La sua consorella Maddalena Boschetti, anche lei in Haiti da numerosi anni, confida: “Ricorderò sempre Luisa, sarà sempre al mio fianco come amica, come semplice piccola sorella… è stata grande esempio per tutti”.

Fede e dintorni

Redentoristi, il Santuario del Beato Sarnelli

Oggi 30 giugno, festa del Beato Sarnelli, avverrà l’erezione del SANTUARIO DIOCESANO dedicato a lui, con sede nella chiesa della Ss.ma Trinità in Ciorani, che ormai è diventata la chiesa del Beato Gennaro Sarnelli. – E’ un dono e riconoscimento fatto dal nostro Arcivescovo, Mons. Andrea Bellandi al Beato che fu un testimone coraggioso della fede e un eroico operatore sociale quale nella Napoli del XVIII secolo.Oggi si vive la festa in rendimento di grazie al Signore, con la consapevolezza che questo dono diventa responsabilità, diventando come il Beato autentici testimoni dell’abbondante Redenzione del Signore.

Fede e dintorni

I Santi Pietro e Paolo su moneta da due euro

Il 1° giugno 2017 il Vaticano con una nuova moneta da due euro ha ricordato i santi martiri Pietro e Paolo in occasione del 1950° anniversario del loro martirio. Un evento bello non solo per gli appassionati numismatici, ma anche per i credenti. Così ancora una volta i due grandi Apostoli, simili e diversi nello stesso tempo, resteranno uniti nella memoria dei fedeli, e non soltanto di essi.

Fede e dintorni

Redentoristi Ucraini, martiri e Beati

I quattro Beati Martiri Redentoristi Ucraini: “Esultano in cielo i santi martiri, che hanno seguito le orme di Cristo; per il suo nome hanno versato il sangue e si allietano per sempre nel Signore”. – Il Beato Nicola Carneckyj, vescovo, il Vescovo Basilio Velyckovskyj, il sacerdote P. Zenone Kovalyk e il sacerdote P. Ivan Ziatyk, sono conosciuti come i quattro martiri redentoristi ucraini. – Furono beatificati da Giovanni Paolo II (ora Santo) il 27 giugno 2001 e fanno parte del numero dei 25 martiri della Chiesa greco-cattolica ucraina beatificati in quel giorno.

Fede e dintorni

Tropea ricorda oggi la Madonna del Perpetuo Soccorso

Oggi è la festa della Madonna del Perpetuo Soccorso. La devozione dei cristiani verso di Lei è davvero grande e diffusa. E’ la Madonna missionaria che cerca i suoi figli per svegliare i loro cuori ad accogliere il Vangelo di Gesù. – Dopo due anni di chiusura a causa del Covid-19 la Novena di preparazione e la festa si vivono “in presenza” nei molti santuari redentoristi. Tempo di grazia per tutti, per sperimentare i doni e le benedizioni di Dio attraverso la potente intercessione della Madre. E già San Giovanni Paolo nel visitare il suo santuario in Roma nel 1991 confidò: «Io ringrazio la Madonna del Perpetuo Soccorso, che mi si è mostrata Perpetuo Soccorso in circostanze assai difficili».

Fede e dintorni

Fede e amore invitano a rischiare

Chi ama veramente sente che ci sono rischi che non può permettersi di correre e ci sono rischi che non può permettersi di non correre. Quando il rischio è giusto, se si vince, si è felici; se si perde, si diventa più saggi. Non possiamo pensare solo a noi stessi, dimenticando il prossimo. Bisogna rischiare: è bello pensarci l’un l’altro. – Quando il rischio è giusto, se si vince, si è felici; se si perde, si diventa più saggi. – «Una nave è al sicuro nel porto, ma non è per questo che le navi sono fatte; sono fatte per navigare».

Fede e dintorni

Il Sacro Cuore di Gesù

Oggi, venerdì dopo la solennità del Corpus Domini, si celebra la solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù e la Giornata per la Santificazione dei sacerdoti – Un legame che quasi ci suggerisce come l’Eucaristia/Corpus Domini, non sia altro che il Cuore stesso Gesù, di Colui che, con “cuore” si prende “cura” di noi. Gesù, mite e umile di cuore, esaltato sulla croce, è divenuto fonte di vita e di amore, a cui tutti i popoli attingeranno. – “Sacro Cuore di Gesù, confido in Te!

Fede e dintorni

Un tabaccaio verso gli altari

Un tabaccaio di Prato, con la tessera del Pci, ha vissuto una vita santa, tale da essere chiamato “servo di Dio. Renzo Buricchi (1913-1983) veniva chiamato il «santo laico» che vendeva caffè e sigarette. Dietro il bancone parlava di Gesù, dell’eternità e della natura. Oggi a lui si ispirano i circoli spirituali per tradurre la sua semplice ma ricca spiritualità nel quotidiano. – Nella Cattedrale di Prato il vescovo Giovanni Nerbini, che ha dato l’annuncio ufficiale dell’inchiesta diocesana per la causa di beatificazione del «santo laico», ha riconosciuto: “Egli è stato strumento per un’opera più grande di lui!”.

Fede e dintorni

Mai vergognarsi di appartenere a Dio

Quando il vento è favorevole certi amici sono sempre presenti; ma appena la fortuna gira le spalle, ecco che non ti riconoscono più. Gesù ammonì i suoi “entusiasti” discepoli: «Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi!» (Mc 8,38).

Fede e dintorni

Due Case editrici muoiono e risorgono

Le Edizioni Dehoniane Bologna e Marietti 1820 hanno trovato l’acquirente all’asta tenuta lo scorso 15 giugno e continueranno ad operare in Bologna. Ha vinto l’asta un progetto presentato da Alberto Melloni, docente di Storia del cristianesimo e segretario della Fondazione per le Scienze religiose, «a nome degli investitori che vogliono fare rivivere gli storici marchi di Edb, Marietti e Edb Scuola». Un risultato importante, anche tenendo conto che le aziende rimarranno sul territorio bolognese. Il cardinale Zuppi invita a «guardare al futuro: non solo a conservare, ma anche rilanciare perché abbiamo tanto bisogno di cultura e di cultura religiosa».

Fede e dintorni

Beati 27 martiri spagnoli proclamati a Siviglia

A Siviglia, sabato 18 giugno, sono stati proclamati Beati 27 martiri spagnoli per lo più domenicani. Il Cardinale Marcello Semeraro ha ricordato che anche oggi ci sono le persecuzioni. – “Quella del cristiano nel mondo non è mai una situazione comoda e facile, guardiamo alla vita dei martiri perché la speranza si fa più solida quanto più dure sono le prove da sopportare per amore di Dio”. La sua forza, Dio la rivela proprio nei deboli e anche agli inermi egli dona la forza del martirio”.

Fede e dintorni

Corpus Domini 2022, per la vita del mondo

La solennità del Corpus Domini è onorata dalla Processione Eucaristica in ogni città e , in molti luoghi. è rallegrata da bellissime infiorate che esaltano il Mistero dell’Eucaristia. E’ onorare il Corpo di Cristo sacrificato per noi; ma il cristiano non può dimenticare che la Carne di Cristo è quella dei sofferenti, dei malati, dei profughi che bisogna onorare con ogni rispetto e amore.

Fede e dintorni

Quando l’imprevisto crea un nuovo avvenimento

Tutti ricorderanno che a Cana di Galilea, durante un festa di matrimonio, che durava alcuni giorni, e a cui partecipavano anche la Madonna e Gesù con i suoi discepoli, venne a mancare il vino. Questo imprevisto spinse la Madonna a chiedere a Gesù di intervenire, per evitare una brutta figura agli sposi e agli organizzatori del pranzo di nozze. – Gesù, dopo una “strategica” iniziale riluttanza, disse ai servi di riempire le giare di acqua e poi di attingerne e portarne al maestro di tavola. – Il Vangelo dice che il maestro di tavola restò stupito dell’ottimo vino, conservato fino a quel momento, mentre lo si sarebbe dovuto servire prima… – I discepoli al vedere quanto successo, credettero in Gesù: e l’acqua mutata in vino fu il primo miracolo di Gesù. – Ciò che non era previsto, divenne occasione della professione di fede dei suoi primi discepoli. — Succede che anche nelle più solenni cerimonie, come i matrimoni, accada l’imprevisto (gli anelli nuziali che non si trovano; persone che svengono, fotografi che cadono….) – Il reagire bene a questi inconvenienti, senza cadere nell’isterismo può venire solo da un cuore che vive l’evento “oltre la cerimonia” e sa trovare una rapida alternativa. – La piccola storia di oggi mostra la meravigliosa trovata di un re impegnato nella sua investitura: dinanzi all’imprevisto dello scettro che non si trova, egli imbraccia con fede un Crocifisso, vero scettro di amore e segno di servizio del popolo a lui affidato.

Senza categoria

Beate 10 suore uccise dall’Armata Rossa nel 1945

Nel 1945 le Suore elisabettiane decisero di rimanere nei villaggi invasi dai sovietici”. Circa un centinaio sono morte in circostanze diverse, alcune delle quali attraverso il martirio. La guerra era finita, ma pian piano l’Armata Rossa avanzava portando con sé l’odio verso la religione: cappelle e chiese cattoliche furono profanate, sacerdoti torturati e brutalmente uccisi, suore violentate e atrocemente uccise anche loro. Lo stupro era diventato un’arma di umiliazione, ancora più feroce se la vittima era una religiosa consacrata al Signore. Dinanzi alla possibilità di fuggire esse hanno scelto di restare a servire e quindi il martirio: IoAppartengo a Gesù… Lui è il mio sposo”.

Fede e dintorni

Nel segno della Trinità, la beata Itala Mela

Tra i Santi e beati vissuti nel segno della Trinità, c’è la bella figura della beata Itala Mela, che fece il suo sofferto e poi felice cammino dall’ateismo agli onori degli altari culminati a La Spezia sabato 10 giugno 2017, quando ebbe luogo la sua beatificazione. Itala Mela nata nel 1904 da genitori non credenti, nel 1920 perse un fratello di appena 9 anni, esperienza che la portò alla convinzione dell’ulteriore prova dell’inesistenza di Dio. Ma il Signore le concesse una particolare esperienza della Trinità, conducendola nel cuore del Mistero. E da questa esperienza mistica nascerà in lei il voto di far conoscere la Trinità a tutti.

Fede e dintorni

Una curiosità su Sant’Antonio di Padova

Non trovi marito? Prega sant’Antonio. La tradizione è nota nei luoghi antoniani e ancor più in Portogallo e America Latina. Una manifestazione di religiosità popolare che incrocia i bisogni e le domande esistenziali dei fedeli. I frati del Santuario di Padova, dove si celebra l’iniziativa, assicurano: “Vogliamo aiutare chi non ha ancora trovato la propria strada, affidandolo all’intercessione di sant’Antonio”. – Da sempre S. Antonio è nella schiera dei Santi “Pronubi”, cioè di quelli che concedono la grazia di un buon matrimonio.

Fede e dintorni

Immersi nella Santissima Trinità

Il mistero della SS. Trinità è il mistero centrale della nostra fede. Dio, in tre Persone uguali e distinte, è pienezza di vita, di bellezza, di beatitudine, è comunione di amore. Impariamo a relazionarci con Essa dicendo con semplicità e stupore: “Nel nome del Padre che ci ha creati, e del Figlio che ci ha redenti, e dello Spirito Santo che ci santifica e ci guida all’eternità”. – “O santissima Trinità, concedimi che io ti cerchi desiderandoti, che ti desideri cercandoti, che ti trovi amandoti, e che ti ami trovandoti” (Sant’Anselmo d’Aosta).

Fede e dintorni

Accostarsi al mistero della Santissima Trinità

Unità e Trinità di Dio è il mistero centrale della fede e della vita cristiana. Nell’unico Dio noi adoriamo tre persone, ma non come una addizione (1+1+1 =3), ma come una comunione d’amore (1x1x 1 = 1). – Una famiglia, che vive unita nell’amore, diventa l’icona più visibile del grande Mistero della Santissima Trinità. – «Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo –  Un Dio innamorato degli uomini: il Padre coinvolto profondamente nella storia dei suoi figli, il Figlio che nel sacrificio della sulla croce ci rende la dignità di figli e lo Spirito Santo che ci guida verso l’eternità!