Da soli non ci si diverte

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Da soli non ci si diverte.

La persona umana fondamentalmente è relazionata agli altri: la famiglia, i compagni, gli amici… Ben presto si fa l’esperienza che stare da soli non si sta bene, anche nel gioco. La gioia non può restare dentro e vuole trovare uno sbocco. Ognuno di noi può essere collaboratore della gioia dell’altro. –  Ma in questo c’è da tenere lontano la tentazione dell’egoismo e della prevaricazione, altrimenti subentra il (quante volte vero!) detto. “Meglio soli, che male accompagnati”.
Chi cammina con Gesù impara ogni giorno come dare gioia agli altri.

Sofia e la palla
♦ Sofia, una bambina vivacissima, ha ricevuto una palla come regalo di compleanno. Una palla tutta colorata e bella.
Allegra e felice, la bambina scende nel cortile della casa per giocare con la palla. La tira al muro e la riprende. La getta in su e la raccoglie senza farla cadere a terra … Inventa mille modi per giocare con la palla.
Ha giocato per più di mezz’ora. Infine, sentendo la stanchezza e la solitudine, tira la palla in un angolo e rientra in casa. E’ frustrata, vuota e triste. Giocare a palla da sola non è divertente! Manca qualcuno con cui giocare e condividere le risate, le grida e la gioia.

  • A nessuno piace vivere da solo, ci vuole almeno un amico.
  • Ma il vero amico di cui avere bisogno di avere è Dio. Egli  vuole essere il nostro amico, e lui riempie tutto il nostro desiderio di vivere e gioire.
  • E ancora: insieme a lui, ci rivolgiamo al nostro prossimo, soprattutto ai più piccoli, con un bel sorriso sulle labbra e una felicità stampata sul volto.

“Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme!” (Sal 133,1).
“La moltitudine dei credenti aveva un cuore solo e un’anima sola e nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune” (At 4,32).
L’egoismo fa male, intristisce e distrugge.

La persona umana fondamentalmente è relazionata agli altri: la famiglia, i compagni, gli amici… Ben presto si fa l’esperienza che stare da soli non si sta bene, anche nel gioco. Chi cammina con Gesù impara ogni giorno come dare gioia agli altri.
Condividi l'articolo