Furto di autovettura: due fermi a Tropea

Nell’ambito dell’attività investigativa

Arresto europeo pendente in capo a cittadino rumeno

Avevano pensato di rubare quell’autovettura per utilizzarla nel week end, per recarsi a ballare in discoteca, ma uno dei due malfattori è stato tradito da un foglietto che, scivolatogli dalla tasca dei pantaloni, ha dimenticato nell’autovettura che hanno abbandonato nella notte tra domenica e lunedì.
Nella giornata di ieri i militari della Stazione Carabinieri di Tropea a seguito di serrata attività investigativa avviata dopo la denuncia di furto di autovettura sporta nella mattinata, hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza nei confronti di due cittadini rumeni, sottopendoli a fermo di P.G., per il reato di furto aggravato:
Orza Vasile, classe ’87 nato in Romania, residente a Ricadi, operaio;
Neculai Valentin Nicolae, classe ’88 nato in Romania, operaio.
I militari operanti hanno accertato che questi avevano asportato l’autovettura posteggiata su pubblica via.
I due soggetti, fermati, espletate le formalità di rito, sono stati tradotti presso la casa circondariale di Vibo Valentia  a disposizione dell’ Autorità Giudiziaria.
Nell’ambito delle stesse indagini i militari della Compagnia di Tropea  hanno rintracciato e tratto in arresto Asavoae Cristian, classe ’79 nato in Romania, residente a Ricadi, frazione Santa Domenica, operaio.
I militari, nel corso degli accertamenti svolti nell’ambito dell’attività investigativa, hanno verificato la presenza, in capo al Asavoae, di ordini di custodia cautelare in carcere estesi con mandato di arresto europeo emessi dal Tribunale di Costanza (Romania), per i quali il soggetto dovrà espiare una pena detentiva di mesi 7 per i reati di sequestro di persona e sfruttamento della prostituzione minorile, commessi nel periodo compreso tra maggio 2006 e settembre 2007 in Romania.
L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto, ai fini estradizionali, nella casa circondariale di Vibo Valentia e posto a disposizione competente Autorità Giudiziaria emittente.

Condividi l'articolo