“Il Pd e Pdl possono accordarsi su tutto e salvare i loro amici”

Le dichiarazioni del’Onorevole

Nesci, deputata tropeana, a proposito della pronuncia del ministro dell’Interno Alfano sullo scioglimento del Comune di Serra San Bruno (Vibo Valentia)

Simbolo del Movimento Cinque Stelle
Simbolo del Movimento Cinque Stelle

«Mi sarebbe troppo facile affermare, data la composizione del governo, che ormai Pd e Pdl possono accordarsi su tutto e salvare i loro amici, nell’indifferenza e rassegnazione prodotta dalla crisi».
Lo dice Dalila Nesci, deputata tropeana del Movimento Cinque Stelle, a proposito della pronuncia del ministro dell’Interno Angelino Alfano sullo scioglimento del Comune di Serra San Bruno (Vibo Valentia). Il consiglio comunale della città non è stato sciolto perché, secondo Alfano, «gli elementi emersi non presentano la necessaria congruenza rispetto ai requisiti di concretezza, univocità e rilevanza».
Nesci, dunque, spiega: «Devo precisare che occorre leggere gli atti per valutare l’orientamento del ministro dell’Interno, il quale per altro caso avrebbe dato prova di abusi gravissimi. Mi riferisco alla recente espulsione della bimba kazaka, poi revocata per la determinazione dei senatori Cinque Stelle».
La deputata, decisa ad approfondire ogni dettaglio circa la decisione di Alfano per Serra San Bruno, aggiunge: «Da quanto noto, oltre alla vicenda dell’ex assessore Bruno Zaffino, prima arrestato, poi scarcerato, dalla relazione della Prefettura di Vibo Valentia emergevano pure le ingerenze della criminalità organizzata nella gestione di lotti boschivi e di beni del Comune».
La parlamentare Cinque Stelle sottolinea: «Dobbiamo dare risposte corrette ai cittadini e salvaguardare questo territorio, in cui lo scioglimento dei Comuni per infiltrazione raggiunge un valore impressionante, il 24% secondo i dati Anci».
Nesci conclude: «Non vorrei che nella vicenda di Serra San Bruno il colore, il clima politico o la fretta abbiano indotto a decisioni contrarie all’imparzialità dello Stato. Il magistrato Nicola Gratteri va ripetendo che la criminalità organizzata mira a entrare nell’amministrazione pubblica, ma noi ancora ignoriamo, in Calabria. In ogni caso, verificheremo ogni passaggio».

Condividi l'articolo
Salvatore Libertino
Salvatore Libertino

Fotoreporter, editore e proprietario della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all’albo professionale dell’Ordine dei giornalisti della Calabria nell’elenco pubblicisti.