La sanità resta il problema più importante in Calabria

Un silenzio assurdo e inconcepibile

Prontissimi per le nomine nelle aziende sanitarie e indifferenti per il trasporto dei dializzati

Dalila Nesci  Cittadina 5 stelle - Deputato XVII Legislatura Eletta nella Circoscrizione Calabria - foto Libertino
Dalila Nesci Cittadina 5 stelle – Deputato XVII Legislatura
Eletta nella Circoscrizione Calabria – foto Libertino
La Regione Calabria ha dimenticato i bisogni delle persone, specie di salute. Gli assessori dell’ex governatore Giuseppe Scopelliti, guidati dal sostituto presidente Antonella Stasi, sono stati prontissimi per le nomine nelle aziende sanitarie e indifferenti per il trasporto dei dializzati. Addirittura hanno tenuto giunta sino a notte fonda, quando si trattava di assegnare incarichi dirigenziali in prorogatio, che l’Avvocatura dello Stato e i Ministeri della Salute e dell’Economia hanno ritenuto illegittimi. La stessa attenzione non hanno riservato, invece, ad ammalati che, trovandosi in dialisi, necessitano di cure e sostegno particolari. Vi racconto.
Lo scorso 30 giugno inviai una lettera alla Stasi. Le rappresentai il problema del trasporto dei dializzati, che devono provvedere per conto proprio, con costi spesso insostenibili. Altre Regioni – precisavo alla Stasi – «sono organizzate per garantire un’assistenza completa, compreso l’accompagnamento per la somministrazione della terapia e per il ritorno a casa». Auspicavo, allora, un rapido intervento, «indicativo di una diversa considerazione per categorie fortemente a rischio che, come nella fattispecie, necessitano di cure molto particolari, pesanti e frequenti».
Mettendomi a disposizione come parlamentare, alla presidente Stasi suggerivo, infine, la «convocazione delle imprese di trasporto che beneficiano di contributi regionali, al fine di individuare in tempi brevi, con le aziende sanitarie provinciali, una soluzione efficace per tutelare sino in fondo il diritto alla salute» dei dializzati.
Nonostante i solleciti periodici, dalla presidente non ho mai ricevuto risposta. Ho registrato un silenzio assurdo e inconcepibile, anche perché la Stasi è veloce, quando deve seguire gli interessi del marito nella sanità privata.
Passati tre mesi, pertanto, ho scelto di rendere pubblico il fatto, per due motivi: perché Stasi si attivi al più presto per il trasporto pubblico dei dializzati e perché i calabresi conoscano il comportamento di chi li rappresenta nelle istituzioni.
La sanità resta il problema più importante in Calabria. Ma la politica si gira dall’altra parte, quella propria.

Deputato, M5S

Condividi l'articolo