“Il cammino della Taranta” passa da Tropea

Un viaggio partito da Palermo, destinazione Melpignano.

Giorgio Ciaccio è il palermitano che sta viaggiando a piedi attraverso Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia.

Giorgio Ciaccio - foto Libertino
Giorgio Ciaccio – foto Libertino

È partito da Palermo all’alba del 2 agosto “Il cammino della Taranta”, ideato da Giorgio Ciaccio trentenne palermitano, che proprio in queste ore sta facendo tappa a Tropea.
Il cammino della taranta è un percorso pensato per attraversare a piedi ed idealmente unire quattro regioni del Sud Italia: 23 tappe per abbracciare Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia.
Giorgio con uno zaino carico di una tenda, di qualche ricambio, e di tanto entusiasmo è partito dalla Piazza Politeama di Palermo, oggi fa tappa a Tropea e domani via per Ferriolo poi ancora Roccelletta, Isola di Capo Rizzuto, Strongoli, Cariati e molte altre tappe (per visionare l’intero percorso consultare il sitohttp://www.ilcamminodellataranta.it/). Il 24 agosto raggiunerà la Puglia fino a Melpignano: qui nella grecia salentina Giorgio e la sua ragazza Veronica (che lo raggiungerà nelle ultime tappe), dopo aver percorso circa 1000 km, potrà abbandonarsi al ritmo della pizzica durante il famoso concertone de “La notte della Taranta” (http://www.lanottedellataranta.it/).

Giorgio Ciaccio  a Tropea - foto Libertino
Giorgio Ciaccio a Tropea – foto Libertino

Giorgio è un attivista del Movimento Cinque Stelle già candidato alle scorse elezioni comunali nella città di Palermo; assieme ad altri coetanei palermitani gestisce due aziende (Cooperativa Factotum e Natura Express srl). Egli è un fautore della raccolta differenziata spinta (non usa materiali plastici da anni), del vegetarianismo, della corsa, delle energie alternative e di tutto ciò che segue la filosofia della decrescita felice.
Giorgio è un ragazzo dinamico, sorridente e non smette mai di stupire i suoi amici con le sue trovate avventurose. L’estate scorsa, sempre nel periodo di agosto, ha organizzato un viaggio da Napoli fino a Lecce in bici. Quest’anno invece il percorso è tutto su due piedi: una speciale occasione per riscoprire la lentezza, guardare con altri occhi il mondo, attraversare le strade, la terra battuta ed i boschi a cinque chilometri all’ora come solo un camminatore può fare.
Giorgio ci ha rilasciato qualche battuta per raccontare come sia nata l’idea di questo viaggio: “La mia idea nasce dalla voglia di vivere, crescere e camminare insieme o in solitaria sulla mia terra. Porto avanti la mia passione per il “movimento lento e sostenibile” predisposto all’incontro. Ho deciso di camminare per vivere al meglio queste quattro regioni variegate, complesse e generose che meritano di essere conosciute. Camminare -conclude Giorgio- è per me una scelta di condivisione e di appartenenza ai territori che amo, è il mio modo di viverli e di farli incontrare”. Questo trentenne palermitano percorre una media di 35 km al giorno sotto il sole e la sera fa tappa in varie località: in alcune ha già chiesto ospitalità prima della partenza, in altre và alla ricerca direttamente sul posto di uno spazio comodo dove piantare la sua tenda. Ci ha raccontato di aver percorso sentieri mozzafiato e di aver incontrato tanta gente disponibile che gli ha fornito ristoro ed anche approvazione per la sua bizzarra impresa. Un’avventura troppo faticosa, pensano tutti, ma quando Giorgio racconta lo spirito con cui è partito, molte delle persone che sta incontrando ne rimangono affascinati e hanno la tentazione di seguirlo almeno per una tappa!
Tra l’altro, come ci ha raccontato Giorgio, questo cammino ha l’obiettivo di pubblicizzare e diffondere la cultura della mobilità sostenibile, attraverso l’esempio e la valorizzazione del territorio.
Per chiunque avesse voglia di affrontare questo Cammino con lui o durante il tragitto volesse offrirgli ospitalità per la notte, basta contattarlo tramite il sitowww.ilcamminodellataranta.it.
A rivederci Giorgio, Tropeaedintorni.it ti augura buona strada!

Condividi l'articolo