La performance di Marco Casolino

Si terrà oggi a Parghelia alle ore 20

Inaugurazione dell’evento Mobile Card, che si svolge tra i comuni di Tropea, Parghelia e Monterosso.

La performance sarà seguita dalla presentazione, in piazza Europa, della manifestazione da parte dell’avvocato FrancescoAntonio Iannelli, procuratore della Cassa Sussidiaria monte Sant’Anna di Parghelia, promotrice dell’evento. Budelaire, nella sua lirica, tratta della condizione del poeta “schernito” nella società borghese. Il poeta in “Albatro” è paragonato all’albatros, che con le sue grandi ali regna nel cielo azzurro. Ma nel momento in cui l’uccello scende in terra, sono proprio le sue grandi e maestose ali ad impedirgli di camminare e a renderlo goffo e comico. Nell’opera di Budelaire la capacità intellettiva, la sensibilità e la profondità d’animo sono rappresentate dalle grandi “ali”, che permettono al poeta di volare arrivando al mondo altissimo della poesia. L’autore fa un paragone tra la condizione di vita dell’albatro, un uccello marino e quella del poeta, il quale, una volta calato nella realtà e tra la gente, perde la sua bellezza e diviene oggetto di scherno da parte della comunità borghese.
Il mondo borghese, dominato dalla legge dell’interesse, della produttività, del senso pratico e della rispettabilità, considera l’artista come diverso e improduttivo da tenere a distanza e ridicolizzare.
Ma il poeta, fortemente consapevole della sua diversità ma soprattutto del suo essere inadatto alla vita comune, riesce a fare del sentirsi un “esule in terra” la sua forza, rifiutando le mediocrità borghesi e rivendicando con orgoglio il suo prestigio intellettuale. E Marco Casolino, nel suo “Albatro”, partendo dalla poesia di Budelaire, materializza la condizione del poeta in un viaggio vero partendo dal lido del Nonno e terminando il viaggio in Parghelia.

Condividi l'articolo