L’Istituto delle Oblate del Sacro Cuore ha compiuto 80 anni

Il Convegno è stato moderato da don Francesco Sicari

L’anniversario è stato ricordato con un convegno che si è svolto nella Cattedrale di Tropea

Irma Scrugli - foto Libertino
Irma Scrugli – foto Libertino
Questo importante anniversario è stato ricordato con un interessante convegno che si è svolto sabato 21 settembre nella Chiesa Cattedrale di Tropea.
Presenti nelle navate del Duomo cittadino, tantissimi fedeli insieme al sindaco Gaetano Vallone, ai familiari di Irma Scrugli, la prima oblata e la prima sorella maggiore dell’Istituto e ai membri della famiglia oblata nelle tre articolazioni (oblate, oblati laici e sacerdoti).
Il Convegno è stato moderato da don Francesco Sicari, sacerdote oblato e Rettore del Seminario di Mileto, il quale nella sua introduzione ha ricordato, con le parole di Don Mottola, quel lontano 25 dicembre 1933, quando in quella cappella del Seminario di Tropea, davanti al tabernacolo e al Sacro Cuore Irma Scrugli, Saverina De Lorenzo e Grazia Certo, fecero la loro prima oblazione.
Iniziava così come la definiva don Mottola “una tremenda divina avventura”, una storia di sequela, di consacrazione al Signore e di servizio al prossimo che ha avuto per protagonisti don Mottola e le prime oblate “carmelitane della strada” e che col passare degli anni ha cominciato come un albero a estendere i suoi rami e a dare i suoi frutti.
Infatti quel primo gruppo che col tempo si accrescerà di nuove oblate, nel 1963 riceverà il primo riconoscimento ufficiale, diventando Pia Unione. Poi il 25 dicembre 1968 verrà elevata ad Istituto secolare di diritto diocesano ed infine il 22 gennaio 1975 verrà riconosciuto dalla Chiesa universale quale Istituto secolare di diritto pontificio.
Il Convegno si è tenuto in questa data anche per fare memoria di Irma Scrugli a 19 anni dalla sua morte, avvenuta il 22 settembre 1994.
Dopo l’introduzione di Don Sicari, hanno preso la parola per rivolgere il loro saluto Don Ignazio Toraldo di Francia, fratello maggiore dei sacerdoti Oblati del Sacro Cuore e Liliana Vita, sorella maggiore delle Oblate.
E’ seguita la relazione di Mons. Ignazio Schinella, sacerdote della diocesi di Mileto, docente di teologia morale presso la Facoltà teologica dell’Italia Meridionale, sezione di Napoli, studioso della spiritualità oblata, sulla quale ha pubblicato diversi libri nel corso degli anni.
L’intervento di Schinella ha avuto per tema “la santa relazione di Francesco e Chiara di Tropea, grembo spirituale dell’Istituto Oblato”.
Don Schinella, parlando alle oblate, ha evidenziato che “l’albero genealogico della vostra vita spirituale ascende fino a Francesco e Irma, che lo Spirito Santo, in questa bella terra di Tropea dall’orizzonte infinito del suo mare e dall’umanità sciancata come i suoi dirupi, ha dato alla Chiesa diocesana e a tutta la Chiesa attraverso di voi, figlie del venerabile padre Mottola e della madre vergine Irma”.
Nel corso del suo appassionato intervento, don Schinella ha spiegato e definito il legame tra don Mottola e Irma Scrugli come una “relazione vocazionale personale”, non solo una semplice amicizia spirituale, bensì “una paternità e maternità verginale per mezzo dell’amore e della sequela dell’Agnello a servizio degli ultimi”; Don Mottola e Irma erano legati dalla verginità, dalla contemplazione e dall’apostolato che altro non sono che le vette della vocazione oblata.
Un legame così forte che “Mottola senza Irma e le loro figlie e sorelle è insignificante nella storia della spiritualità cristiana, come Irma e le loro figlie e sorelle senza Mottola rimangono sterili e infeconde nella storia degli uomini e della Chiesa”.
I canti dell’oratorio musicale “Francesco Servo di Dio”, eseguiti dal coro e dall’orchestra diretta dal Maestro Vincenzo Laganà hanno intervallato i vari momenti dell’ intenso pomeriggio.
Al termine del Convegno forte commozione si è potuta scorgere negli occhi dei presenti durante la proiezione di un video con immagini sulla vita della Signorina Irma Scrugli. La parola del Vescovo Luigi Renzo ha concluso la serata.
Per questa occasione, le oblate hanno anche realizzato e presentato un libro intitolato “Irma Scrugli, Carmelitana della Strada” che ripercorre la storia e i momenti più significativi di questi 80 anni e la vicenda umana e spirituale della “prima oblata”.

Il convegno del 21 settembre 2013 nella Chiesa Cattedrale di Tropea - foto Libertino
Il convegno del 21 settembre 2013 nella Chiesa Cattedrale di Tropea – foto Libertino

Condividi l'articolo
Caterina Sorbilli
Caterina Sorbilli
Docente nelle scuole del I ciclo, collaboratrice storica di Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritta all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria nell'elenco pubblicisti.