Una baracca in cielo

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Una baracca in cielo.

Ecco una delle gustose storie con San Pietro portinaio del Paradiso, rigido nell’applicare i principi evangelici del suo Maestro. Questa piccola storia rende visivamente quanto Gesù raccomandava con le sue parole: “Accumulate per voi tesori in cielo… perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore” (Mt 6,21).  – Pensiamo mai al Paradiso? Lo desideriamo? Come ce lo immaginiamo? Il pensiero del Paradiso ha reso buone e perseveranti tante persone, sostenendole nelle difficoltà della vita terrena. “Tanto è il bene che mi aspetto, che ogni pena mi è diletto!” (S. Francesco d’Assisi) – “Quando le croci di questa vita ci affliggono, consoliamoci e sopportiamole pazientemente nella speranza del paradiso…. Gesù mio, io qui vivo diviso da te… ma in te confido, e sempre grido ‘Paradiso, paradiso”. (S. Alfonso de Liguori).

Una volta, un uomo morì e arrivò alla porta del Paradiso.
♦ San Pietro guardò la sua scheda personale e disse: “Puoi entrare”. E ci accinse a condurlo alla sua dimora.
Quando vide le dimore, l’uomo rimase stupito. Tutte portavano il nome della persona che l’abitava.
♦ Ed ecco vide un bellissimo palazzo, che era proprio quello del suo servitore, morto qualche tempo prima. Pensò: “Se anche il mio servo ha guadagnato una casa di lusso così, immaginiamo la mia!”
♦ Continuarono a camminare e San Pietro non mostrava di fermarsi. E così entrarono nella periferia del paradiso, in una strada sterrata, tutta sconnessa. E alla fine della strada, San Pietro indicò all’uomo una povera baracca, che a malapena si adattava a lui, e disse: “Questa è la tua casa”.
L’uomo disse stupito: “Ma… San Pietro, perché il mio servo ha ottenuto una casa così bella, e io questa baracca?”
 San Pietro rispose: “Qui abbiamo solo la mano d’opera; il materiale viene da giù: sono le buone opere che la persona ha fatto sulla terra. E tu questo ci hai mandato!

♦♦ “Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore”. (Mt 6, 19-21).

(Fonte: Historinhas do Padre Queiroz, redentorista brasiliano).

Pensiamo mai al Paradiso? Lo desideriamo? Come ce lo immaginiamo? Il pensiero del Paradiso ha reso buone e perseveranti tante persone, sostenendole nelle difficoltà della vita terrena. Inoltre: “Nessuno di noi entrerà in Paradiso se là non potrà trovare qualcuno a cui possa dire: anch’io ho dato il mio aiuto per farti arrivare in cielo!” (Fulton Sheen, 1895-1979).

Condividi l'articolo