Briatico: aperta sala d’incisione

Iniziativa dell’Associazione Culturale e Artistica progetto Oasi nel deserto

Uno piccolo studio di registrazione alternativo a basso costo!

Francesco Antonio Riggio, in arte Fog Musicista

Dopo l’uscita del disco “Spirito & Materia” e del libro “Riflessioni sull’esistenza di Dio – manuale di resistenza cristiana – la prove che Dio esiste”, Francesco Antonio Riggio, in arte Fog Musicista Controcorrente, ha deciso di dare la possibilità ai giovani talenti, artisti, musicisti, gruppi e cantautori della zona vibonese, di registrare i propri lavori musicali nella propria sala d’incisione ad un prezzo bassissimo!
Ci si potrebbe chiedere il perchè di questa nobile iniziativa. L’iniziativa nasce come punto forte dell’Associazione Culturale e Artistica progetto Oasi nel deserto, di cui Francesco ne è il direttore. L’associazione infatti ha tra i suoi obiettivi, quello di diffondere la cultura e l’arte, la musica alternativa e promuovere soprattutto quella del nostro territorio. Chiunque volesse saperne di più, può visitare il sito internet di Fog e dell’Associazione Progetto oasi nel deserto: www.fogmc.net, dove oltre a conoscere meglio il mondo di Fog e dell’Associazione stessa, potrà ascoltare la musica registrata nella sala d’incisione Nebbia Records e contattare Fog per un incontro o un preventivo. È bene sottolineare che l’iniziativa è assolutamente senza fini di lucro e che il denaro andrà all’associazione sotto forma di contributo occasionale e offerta per continuare a diffondere la cultura e l’arte locale.
La sala d’incisione non è una casa discografica (o almeno non lo è ancora), si tratta quindi di una iniziativa personale e di una possibilità limitata nel tempo, quindi è bene affrettasi per prenotare la registrazione in studio nella saletta d’incisione alternativa vibonese. La sede è a Briatico in via Gravazio 13, vicino la chiesa del carmine, è anche possibile scrivere una E-mail a: fogmc@live.it oppure telefonare al seguente numero: 333 28 28 553 .
Vi aspettiamo in molti!

Condividi l'articolo