Enrico Paratore al Rotary di Tropea

Tema dell’incontro “il Rotary per la pace”

Sostenere l’istruzione e combattere la povertà nel mondo

L’avvocato Campisi presidente del Rotary club di Tropea, l’avvocato Paratore della Commissione Distrettuale per la Rotary Foundation - foto Mazzocca
L’avvocato Campisi presidente del Rotary club di Tropea, l’avvocato Paratore della Commissione Distrettuale per la Rotary Foundation - foto Mazzocca

Ai consueti incontri settimanali del venerdì organizzati dal Rotary club di Tropea presso l’Antico Sedile, ha relazionato questa volta, in presenza di un nutrito gruppo di soci, del presidente del club di Tropea l’avvocato Francesco Campisi e del presidente dell’Inner Wheel di Tropea Rossella Laria Staropoli, l’avvocato Enrico Paratore della Commissione Distrettuale per la Rotary Foundation.
Tema principale dell’appuntamento è stato “Il Rotary per la Pace”, argomento caro a tutti i soci del club a livello locale, nazionale e internazionale, proprio perché elemento fondante dell’organizzazione rotariana.
L’avvocato Paratore ha puntualmente illustrato i numerosi progetti che la Fondazione Rotary continua a portare avanti basandosi sui principi della pace, della buona volontà e della comprensione internazionale al fine di migliorare le condizioni sanitarie, sostenere l’istruzione e combattere la povertà nel mondo. Tra le iniziative che continueranno anche durante il 2011 molto interessante si è rivelato il progetto riservato all’istruzione di giovani promettenti che purtroppo non possono permettersi un percorso di formazione idoneo alle loro potenzialità: si tratta degli “scambi di gruppi di studio”. Grazie a questo programma, finanziato dalla Rotary Foundation e dai soci rotariani, giovani capaci alle prime esperienze lavorative potranno ottenere dei sussidi di viaggio, comprensivi delle spese di vitto, alloggio e spostamenti interni, per sviluppare e accrescere le relazioni professionali e lo scambio di vedute. Un altro progetto importante e impegnativo, che si è rivelato un grande successo in termini di pace e comprensione tra i popoli è stato inoltre quello, fortemente sottolineato dal relatore dell’incontro, della creazione di un club Rotary in Palestina, che è riuscito a riunire sotto la stessa bandiera del Rotary International popoli diversi e in lotta tra loro da decenni. Paratore ha infine auspicato la vicinanza dei club a livello locale e internazionale.

Condividi l'articolo