Le proteste per le decisioni aziendali

De Nisi incontrerà i dipendenti delle Ferrovie

«Il territorio vibonese non può subire in silenzio questo impoverimento dei servizi»

Il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi - foto Libertino
Il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi - foto Libertino

Lunedì pomeriggio il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi, incontrerà l’assemblea dei dipendenti delle Ferrovie della Calabria, indetta per protestare contro la decisione dell’azienda di cedere il ramo societario del trasporto su gomma alle municipalizzate di Catanzaro, Cosenza e Palmi.
«Le decisioni societarie delle Ferrovie della Calabria –ha spiegato De Nisi- non incidono soltanto sulle dinamiche aziendali, ma riguardano l’intera comunità vibonese, in considerazione dei tanti lavoratori coinvolti, ma anche del servizio di trasporto pubblico erogato». «Il territorio vibonese -ha proseguito il presidente-, già gravato da endemiche carenze del trasporto pubblico, non può subire in silenzio questo ulteriore impoverimento dei servizi a favore dei cittadini. La legittima prerogativa di ogni impresa di attuare le proprie politiche aziendali deve essere in questo caso contemperata alle esigenze di mobilità pubblica e di salvaguardia dei livelli occupazionali. Due aspetti che riguardano la qualità della vita, sia direttamente per le famiglie dei lavoratori coinvolti che, indirettamente, per tutti gli altri cittadini vibonesi. Ecco perché ritengo indispensabile incontrare i dipendenti in agitazione e le rappresentanze sindacali che li affiancano, magari recandomi da loro insieme con il sindaco Nicola D’Agostino, che contatterò immediatamente, al fine di approfondire sinergicamente la questione e valutare le possibili soluzioni».

Condividi l'articolo
Alessandro Stella
Alessandro Stella
Scrittore, ha pubblicato i romanzi "La donna di Susa" e "Il pianto del monachello" per Pellegrini editore. Collaboratore della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria nell'elenco pubblicisti.