Comunali 2018: l’intervista a Carmela Tropeano

La candidata della lista “L’Altra Tropea” con L’Andolina sindaco ha risposto alle nostre domande

«In caso di vittoria alle elezioni mi piacerebbe occuparmi del sociale. Infatti, sulla base della mia esperienza personale penso di poter dare una mano concreta alle fasce più deboli della popolazione, creando una serie di servizi a loro dedicati»

Carmela Tropeano – foto Libertino

Carmela Tropeano, meglio conosciuta come Carmelina, ha conseguito il Diploma di maturità I. P. S. per il commercio. Ha lavorato per oltre 10 anni presso uno studio commerciale, aprendo successivamente un proprio ufficio di consulenza lavoro e IVA, prima di dedicarsi a tempo pieno alla famiglia. Impegnata nel sociale, collabora con diverse associazioni operanti sul territorio. È alla sua prima esperienza in politica.

Perché ha scelto di candidarsi alle comunali del 21 ottobre prossimo?
«Ho deciso di candidarmi dopo aver parlato con il Dottor L’Andolina, persona sensibile e determinata, che pur non essendo nativo di Tropea la ama in modo incondizionato. Ho scoperto che ci accomuna il grande amore per il Paese e ho deciso di unirmi alla sua squadra, perché credo di poter dare il mio contributo nell’amministrare la nostra Tropea, per renderla un gioiello splendente in tutta la sua bellezza».

In caso di vittoria alle elezioni del 21 ottobre, in quale ambito pensa di poter dare il suo contributo alla nuova amministrazione in base alla sua competenza/professionalità?
«In caso di vittoria alle elezioni mi piacerebbe occuparmi del sociale. Infatti, sulla base della mia esperienza personale penso di poter dare una mano concreta alle fasce più deboli della popolazione, creando una serie di servizi a loro dedicati. Pensiamo ad esempio ad anziani e ammalati soli, che non hanno nessuno su cui poter contare quando si tratta di effettuare visite mediche, pratiche burocratiche ecc».

Sono sicuramente tanti i problemi della città. Quali, secondo lei, i primi tre problemi più urgenti da affrontare?
«I problemi di Tropea sono tanti e si cercherà di risolverli tutti stando attenti alle priorità. A mio avviso quelli da risolvere in maniera prioritaria sono la carenza idrica, che colpisce il Paese soprattutto in estate, la viabilità e la segnaletica stradale, nonché il problema della scarsità dei parcheggi e in ultimo, ma non per importanza, il ripristino dell’Ospedale per riportarlo all’efficienza e alla qualità che aveva un tempo».

Condividi l'articolo
Francesco Marmorato
Francesco Marmorato
Docente di lettere nella scuola secondaria, collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.