Attualità WebTV

Festival Internazionale della Cultura Popolare, X edizione

Tropea 21/22 agosto 2022, Marina dell’Isola dalle ore 22:00

Storie di Popoli “Culture a confronto”: Italia, Cile, Messico, Kenya, Spagna, Serbia, Polonia

La diretta streaming

La Città di Tropea, dopo il “fermo” dovuto alle “misure restrittive” a seguito dell’epidemia di Covid19, ritorna ad ospitare la Rassegna Internazionale del Folklore “CULTURE A CONFRONTO”.
ll festival, grazie al quale in questi anni tantissimi gruppi folklorici provenienti da tutti gli angoli della Terra sono giunti a Tropea, è organizzato dall’associazione Culture a Confronto, presieduta da Andrea Addolorato,rappresentante nazionale della FITP, la Federazione italiana tradizioni popolari, e coadiuvato dai sempre presenti Antonino D’Aloi, Maria Carmela Crisafio e Concetta Lorenzo.
Alla base del successo della kermesse, la grande parata per le vie del centro storico della Città e gli spettacoli serali organizzati ai piedi del Santuario di Santa Maria dell’Isola di Tropea, condotti da Domenico Gareri, noto conduttore, autore e direttore di grandi eventi, come il “Festival del Sociale”, il “Premio Cassiodoro” e“100 Anni di Musica”, al timone del format “Nella memoria di Giovanni Paolo II” su Rai Uno da ben 9 anni,Gareri è un conduttore molto impegnato su tematiche di carattere socio-culturali.
Il festival viene arricchito da una serie di eventi e di attività collaterali, come l’edizione di una rivista a carattere divulgativo, diretta dal giornalista Francesco Barritta, che racconta ai tanti ospiti di Tropea e dell’intera regione Calabria le peculiarità dei popoli rappresentati dai gruppi folklorici ospiti dell’evento, con una particolare attenzione al luogo di provenienza e alle caratteristiche dei canti, delle musiche e delle danze folkloriche portate sul palco del festival.
Tra i momenti più attesi il “Premio Culture a Confronto”, giunto alla sesta Edizione,che viene conferito annualmente a chi si contraddistingue nel campo della promozione del dialogo fra i popoli. Il premio, disegnato e realizzato dal maestro orafo Michele Affidato, quest’anno sarà consegnato ad Adele Laface, in arte Adela, a Sergio Crocco, dell’organizzazione no-profit La Terra di Piero e a Ciro D’Aniello, regista partenopeo.
Adela è una cantante, attrice e scrittrice che partecipa a tour nazionali ed esteri promuovendo la musica etnica del sud Italia sia durante le sue esibizioni sia incidendo la propria musica in raccolte musicali per le quali si è avvalsa della collaborazione dei più grandi artisti del settore (Danilo Amerio, Mariella Nava, Mimmo Cavallaro e Marco Poeta).
Crocco viene premiato per il suo lavoro con “La Terra di Piero”, che è un’associazione con sede a Cosenza, dedicata alla memoria di Piero Romeo, “amico e fratello, compagno degli ultimi e degli emarginati”.Il sodalizio si è distinto per la sua instancabile opera di solidarietà valicando i confini della capitale bruzia e tendendo una mano d’aiuto ai più bisognosi arrivando sino in Africa.
D’Aniello si è contraddistinto per il suo ultimo lavoro, intitolato “Ciruzziello”, già premiato al Napoli Film Festival. D’Aniello ha studiato regia alla Nucta Cinecittà e si è poi laureatoin Cinema con 110 e lode alla Facoltà di lettere della Sapienza. Dopo aver fatto esperienza in vari set cinematografici come assistente alla regia, dal 2006 ha lavorato in Rai, continuando a registrare diversi videoclip, spot pubblicitari e documentari. Il suo corto parla di una tematica molto delicata: le problematiche cui deve far fronte Antonietta, anziana madre alle prese con Vincenzo, il suo sfortunato figlio celebroleso, costretto su una sedia a rotelle in stato semi-vegetativo.
Accanto ai vincitori del premio, durante gli spettacoli serali, condotti da Gareri, saliranno sul palco del Festival altri importanti ospiti. Il programma, si sviluppa sulle due serate di domenica 21 e lunedì 22 agosto, con il tema “Viaggio tra popoli e genti”. La prima serata inizierà con la tradizionale sfilata dei gruppi per il centro storico di Tropea a partire dalle 20.30, dove i gruppi raggiungeranno l’area adibita a teatro all’aperto ai piedi del Santuario dell’isola e, a seguire, inizieranno le esibizioni. I primi quattro gruppi ad esibirsi saranno il Ballet folklorico del Ateneo Fuente proveniente dal Messico, il Folkloris Group Wieklopolaine della Polonia e il Sunu Africa del Senegal, preceduti dai padroni di casa del Gruppo Folk Città di Tropea. A latere della pria serata ci sarà la consegna del premio. La seconda serata, dopo la sfilata dei gruppi per le vie del centro storico a partire dalle 20.30, vedrà esibirsi sul palco del festival il Gruppo folk “La Madonnina” di Messina, a rappresentare l’Italia, il Ballet folclòricoBarcachile del Chile, il Folk Dance Group “Srem” della Serbia e l’Asociaciòn Cultural de Folclore “Marisol Egea” che viene da Malaga, in Spagna.
“Come sempre – spiega Andrea Addolorato – gli spettatori che godranno degli spettacoli, saranno immersi in uno straordinario e fantastico “viaggio” in tanti paesi del mondo, alla scoperta di documenti di vita, espressioni di arte e di pensiero, testimonianze di culture e civiltà di genti e popoli da noi lontani, eppure vicini perché, con le loro esibizioni, dimostrano come ogni tradizione popolare rappresenti lievito di un processo storico, molla del suo divenire, condizione – in senso trascendentale – della vita e della realtà futura.
Questo è il grande motivo del sempre più crescente successo di Culture a Confronto; un evento che continua a generare vivo interesse anche nelle nuove generazioni, consapevoli che le tradizioni popolari rivelano la loro forza creativa, la loro capacità di rinnovare il mondo, rinnovando al contempo anche se stesse, di produrre e riprodurre cultura, rielaborando ed arricchendo il patrimonio storico-culturale di cui sono portatrici.
Siamo certi, pertanto, che la Città di Tropea vorrà e saprà, come sempre, accogliere, con affetto e amicizia, i Gruppi di grande prestigio internazionale che verranno nella nostra Città per rappresentare e far conoscere le tradizioni popolari dei loro paesi e, nel contempo, per esaltare quei momenti di spiritualità ritrovata, momenti straordinari di arte e di spettacolo che la cultura del popolo può dare”.

Condividi l'articolo
Daniela Stroe
Appassionata di fotografia e giornalismo, esperta in social media e comunicazione, è collaboratrice di Tropeaedintorni.it, testata per la quale cura i network collegati al sito e realizza articoli, reportage fotografici e video.