Grande successo di tre giovani musicisti al Premio “Città di Vibo”

Manifestazione canora e musicale organizzata dall’associazione culturale “Vibo Nuova”

Si sono esibiti l’oboista Michele Arena, il pianista Andrea Bauleo e il violinista Giuseppe Sangeniti

Esibizione al premio "Città di Vibo Valentia"  - Giuseppe Sangeniti  Andrea Bauleo e Michele Arena
Esibizione al premio “Città di Vibo Valentia” – Giuseppe Sangeniti Andrea Bauleo e Michele Arena – foto Marco L. G.
Una serata molto interessante ed emozionante quella vissuta in Biblioteca Comunale alle ore 18 della scorsa Domenica. Il premio “Città di Vibo Valentia” manifestazione canora e musicale organizzata dall’associazione culturale “Vibo Nuova”, di cui è presidente Gianfranco Comito, sta proseguendo con il suo cartellone ricco di eventi fino al 7 Aprile. Le domeniche vibonesi saranno allietate dalla musica classica e dal canto lirico grazie all’impegno dell’associazione che ha organizzato questa stagione concertistica contattando musicisti giovani, i quali rappresentano le eccellenze che il nostro territorio offre in termini musicali e di cui tutta la comunità deve essere fiera. Domenica scorsa è stata la volta del talentuosissimo trio da camera composto dal pianista Andrea Bauleo, dall’oboista Michele Arena e dal violinista Giuseppe Sangeniti, tutti e tre giovani vibonesi con un curriculum artistico di grande rispetto. I musicisti hanno fatto il loro ingresso nella sala della Biblioteca gremita di gente, presentandosi e presentando i brani sui quali si sono esibiti. In particolare, Michele Arena ha esordito spiegando ai presenti la storia e le caratteristiche principali dell’oboe, non molto conosciuto sebbene venga a giusto titolo definito “Il principe dell’orchestra” poiché è lo strumento che dà il “LA” necessario all’attacco dell’orchestra.
Giuseppe Sangeniti Andrea Bauleo e Michele Arena -  foto Marco L. G.
Giuseppe Sangeniti Andrea Bauleo e Michele Arena – foto Marco L. G.
L’oboista e il violinista si sono alternati nel corso della serata, accompagnati dal pianista, mentre hanno concluso con una esibizione in trio. I tre giovani hanno impressionato per la loro bravura, sia le persone esperte che quelle meno esperte presenti in sala e hanno deliziato per la loro tecnica, frutto di anni di impegno e di esperienza. Da sottolineare anche la grandissima passione che gli artisti hanno espresso e che è arrivata direttamente all’animo degli spettatori attraverso le note eseguite con molta precisione. Il repertorio era formato da brani di compositori famosissimi come Johann Sebastian Bach (Concerto per oboe violino e orchestra in RemBWV, Adagio e Fuga 1° Sonata per violino solo), John Williams (Schindler’s List), Kreisler (Preludio e Allegro per violino e pianoforte, Variazioni su tema di Tartini), J. Brahms (Scherzo per violino e pianoforte in Dom), J.W. Kalliwoda (Morceau de Salon op.228 per oboe e pianoforte). Inoltre, Michele Arena ha voluto inserire tra i brani in programma, per ricordare i 200 anni dalla nascita del genio musicale Giuseppe Verdi, la “ Fantasia sui temi del Rigoletto di Giuseppe Verdi per oboe e pianoforte di G.Daelli”. Al termine della serata i musicisti sono stati premiati con un lunghissimo e caloroso applauso e hanno gentilmente concesso al pubblico il bis. Il presidente dell’associazione “Vibo Nuova” Gianfranco Comito ha infine chiesto l’applauso per i genitori di questi giovani musicisti «poiché nel periodo della loro formazione li hanno sempre supportati, in quanto non è facile studiare musica, questi ragazzi si impegnano per molte ore al giorno e meritano i risultati che hanno ottenuto e stanno ottenendo poiché rappresentano i giovani migliori di questo territorio». Infatti, il messaggio condiviso anche dal direttore artistico Francesco Comito, musicista e pianista anch’egli, è che tramite un’espressione culturale molto importante come la musica, i giovani possono sottrarsi al disagio tipico dei loro coetanei e contribuire a diffondere un messaggio di speranza e di crescita socio-culturale.

Condividi l'articolo