I desideri di Tonino Simonelli

Tante proposte per Tropea

L’ex assessore all’Ambiente scrive una lettera

Antonino Simonelli

Antonino Simonelli, ex assessore all’Ambiente del Comune di Tropea quando a guidare il Comune era Repice, esprime i suoi desideri per il nuovo anno in una lettera aperta.
«Vorrei che la mia città – scrive Simonelli – , dopo tanti anni di torpore, finalmente si svegliasse, assumendo un nuovo volto, e che i tanti progetti si tramutassero in realtà».
Il primo auspicio del politico è quello di non abbassare la guardia e sensibilizzare e informare maggiormente i cittadini sulla raccolta differenziata, suo cavallo di battaglia, poiché in base alle sue rilevazioni «dallo scorso anno ad oggi, c’è stato un calo», per cui bisogna «incentivarla in ogni manifestazione culturale o sportiva» e poi «far partire i lavori del centro di raccolta differenziata, per la quale a luglio, insieme ai responsabili tecnici del Comune, abbiamo ottenuto tutte le autorizzazioni». Simonelli lancia poi l’allarme sul fatto che se tale progetto non si concretizzerà subito c’è il rischio di perdere i finanziamenti.
Tali interventi eviterebbero di assistere nuovamente alle problematiche sulla raccolta dei rifiuti e sui depuratori della scorsa estate, perché «se si ripeterà anche quest’anno – spiega Simonelli -, sarà il crollo del turismo calabrese, quindi bisogna muoversi, mobilitarsi subito, aggregandosi con altri Comuni, ponendo alla Regione il problema della Costa degli dei, e non aspettare la stagione estiva per affrontare i problemi».
Altro problema estivo è quello riguardante l’acqua potabile, per il quale Simonelli auspica la «realizzazione di due pozzi nuovi, uno in zona Carmine e uno in zona Campo inferiore».
Sono tutte cose, queste, che l’amministrazione Repice forse aveva in cantiere, ma che non ha fatto, lasciando il compito di risolvere i problemi alla nuova amministrazione, insediatasi durante il mese di agosto 2011. Passanto ad analizzare gli altri problemi della città, Simonelli spera che il porto «venga gestito da persone esperte e competenti sì da farne il fiore all’occhiello della nostra amata Tropea, che alcune vie di Tropea vengano illuminate in quanto sono completamente buie (viale Tondo, via Martiri della Repubblica, via Campo superiore, strada per la Conicea, Villetta dei Carabinieri, ecc.)». E poi ci sono da far partire i lavori del nuovo stadio al campo sportivo, del quale si potrebbe «eliminare la parte che non è possibile collaudare e farne una zona di verde con giochi, campi da tennis, calcetto e pallavolo, insomma una zona verde e di tempo libero», e ancora la riqualificazione della marina e il palazzo Giffone, che nei sogni di Simonelli potrebbe «diventare un hotel a 5 stelle e più, in modo da valorizzare tutto il centro storico». Questi interventi, assieme al museo della cultura, creerebbero «minimo un indotto di 800 posti di lavoro per 12 mesi l’anno».
Non dimentica servizi come ospedale, treni, poste, collegamenti, sui quali Simonelli sottolinea il fatto che non «è giusto considerarci dei numeri».
E dunque lancia un appello all’amministrazione guidata da Vallone, affinché «parta con un serio piano per gli edifici scolastici» e poi rediga «al più presto un piano strutturale Comunale (PSC) con indirizzo turistico-convegnistico-culturale». Oltre a tutto ciò, Simonelli fa poi piccole ma significative proposte, come una sala per vedere film, visto che «a Tropea abbiamo il festival del cinema», e poi installare per le strade «segnaletica bilingue, pensiline per sosta autobus e tante altre piccole cose, ma importanti per i servizi all’occhio del turista».
L’ultimo desiderio per questo nuovo anno di Simonelli è quello di «Avere una nuova classe di amministratori che sappia costruire qualcosa di veramente nuovo, di innovativo, che sia percepito, “toccato” nella vita di ogni giorno delle persone, che abbia rispetto per ogni cittadino e per Tropea».

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente ordinario di Lingua e letteratura italiana e Storia presso il Nautico di Pizzo (VV), è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti. Ha diretto varie testate giornalistiche, tra cui Tropeaedintorni.it