I poveri riescono a sorprenderci

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

 

I poveri riescono a sorprenderci.

– Compiere i gesti dell’amore ridà fiducia nella vita e nel prossimo. A volte siamo noi ad esserne beneficiari, a volte dobbiamo farlo agli altri, soprattutto a chi è più povero di noi.
– “Gratuitamente avete ricevuto gratuitamente date”, dice Gesù. Papa Francesco invita, in questa quaresima, ad avere occhi e cuore per aiutare i bisognosi. L’altro è uno di noi ed è anche uno per noi, nel senso che è una opportunità per noi, perché possiamo crescere in umanità.
– Compiere i gesti dell’amore. È importante il gesto, aiutare chi chiede, guardandolo negli occhi e toccando le sue mani. – Gesù nel vangelo di Luca raccomanda: «Date agli altri e Dio darà a voi: riceverete da lui una misura buona, pigiata, scossa e traboccante. Dio infatti tratterà voi allo stesso modo con il quale voi avrete trattato gli altri»   ( Lc 6,38). Ecco una sorprendente storia.

♦ Alcuni giorni fa ero in strada con la mia nipotina, una bambina di circa 8 anni.
Stavamo camminando, quando abbiamo visto sul marciapiede un mucchietto di buste e cartoni, con un giovane tutto rannicchiato sopra. Quello che tutti chiameremmo “barbone”.
Il mio occhio, anche se “cristiano” ma troppo abituato a queste scene, aveva quasi escluso dall’attenzione questa presenza.
 Ma quello della bambina no! Più ci avvicinavamo al povero, più lei lo guardava con occhio evangelicamente misericordioso.
Accortomi di questo atteggiamento, passo una moneta alla bambina per metterla nel cestino, quasi vuoto, del povero.
A questo punto il giovane si alza e velocemente si allontana. Dove starà andando?
Entra in un bar e quasi subito ne riesce con un ovetto di cioccolato in mano e lo dona alla bambina con un sorriso che non dimenticherò mai! E subito scompare, tornando al suo mucchio di povere cose! Sono rimasto senza parole!
Anche la nipotina è rimasta colpita dal dono ricevuto.

♥♥ Mi sono subito ripreso, spiegando alla bambina che quello che conta è l’amore! Noi avevamo donato solo una moneta, lui aveva donato oltre all’uovo di cioccolato un enorme gesto d’amore!

Santa Teresa di Calcutta
“Forse non potrò mai risolvere il problema della povertà per tutti i poveri del mondo, ma per questo povero che ho davanti devo fare tutto quello che è nelle mie possibilità!”

Compiere i gesti dell’amore ridà fiducia nella vita e nel prossimo. A volte siamo noi ad esserne beneficiari, a volte dobbiamo farlo agli altri, soprattutto a chi è più povero di noi. L’altro è uno per noi, è una opportunità perché possiamo crescere in umanità. Compiere i gesti dell’amore. È importante il gesto, aiutare chi chiede, guardandolo negli occhi e toccando le sue mani. – Santa Teresa di Calcutta: “Forse non potrò mai risolvere il problema della povertà per tutti i poveri del mondo, ma per questo povero che ho davanti devo fare tutto quello che è nelle mie possibilità!”.

Condividi l'articolo