Lentiggini e rughe

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Lentiggini e rughe.

Quante volte le persone veramente sagge ci hanno salvato da situazioni imbarazzanti. L’amore e la saggezza della nonna di questa piccola storia salva la nipotina da una possibile crisi e nello stesso tempo la perspicacia della bambina rivela alla nonna il segreto del suo fascino. Se le lentiggini fanno rabbia ai piccoli che le hanno, le rughe diventano il tormento delle donne che cominciano ad invecchiare. Ma l’amore è capace di far vedere come “cose speciali” sia le une che le altre. Allora, coraggio, non fermiamoci a guardare se una cosa può sembrare difetto, piuttosto al fatto che può essere una particolare preziosità. E la vita ha tante preziosità da farci scoprire.

♦ Una volta, una signora e la sua nipotina andarono allo zoo. La bambina aveva il viso pieno di lentiggini rosse e brillanti.
I bambini erano in fila, in attesa che un artista dipingesse i loro volti con tecnica a macchia.
– Hai tante lentiggini che il disegnatore non avrà abbastanza inchiostro – disse brutalmente un bambino che era in coda.
♦ Imbarazzata, la bambina abbassò la testa. La nonna si chinò e disse sorridendo:
– Mi piacciono le tue lentiggini.
– Ma io le odio – rispose la bambina
– Quando ero bambina, sempre ho desiderato avere le lentiggini, – proseguì la nonna, facendo scorrere il dito sul viso della bambina – Le lentiggini sono così belle!
La ragazza alzò gli occhi e disse:
– Davvero?
– Certo! Vuoi vedere? Dimmi tu una cosa più bella delle lentiggini.
La bambina, guardando il volto sorridente della nonna, rispose a bassa voce:
– Le rughe.

Fu un bel momento d’amore tra nonna e nipotina. L’amore trasforma il brutto in bello, il male in bene, il triste in contento

  Se guardiamo gli altri con occhi di amore, non vedremo ciò che essi possono avere di difetto, ma solo quello che hanno di carino.
Dio, Padre buono, vede in noi più le bellezze che la bruttezza, più le qualità che i difetti.

L’amore trasforma il brutto in bello, il male in bene, il triste in contento. – Se guardiamo gli altri con occhi di amore, non vedremo ciò che essi possono avere di difetto, ma solo quello che hanno di carino. – Dio, Padre buono, vede in noi più le bellezze che la bruttezza, più le qualità che i difetti.
Condividi l'articolo