Una chiesa aperta per tutti 24 ore su 24

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

307a-chiesa

Una chiesa aperta per tutti
24 ore su 24 .

Ecco una storia che darà gioia a molti e farà allungare il muso a tanti. A Madrid c’è una chiesa aperta a tutti, 24 ore su 24. Cani e gatti passeggiano per la chiesa, i senzatetto dormono sui banchi e i volontari preparano continuamente il caffè. La chiesa di San Antón, nel pieno centro di Madrid, è diventata un ospedale da campo, come suggerisce papa Francesco; e Padre Ángel, fondatore dei Messaggeri della Pace, è convinto che tutti abbiamo bisogno di più baci e carezze. 

Padre Ángel, 78 anni. È fondatore e presidente della ONG Mensajeros de la Paz (Messaggeri della Pace), a cui nel 1998 è stato conferito il Premio Principe delle Asturie. Un parroco che non si ferma davanti a niente: un singolare e carismatico sacerdote spagnolo.
♦ “Lo dice papa Francesco che fa male al cuore vedere gli orari nelle chiese, che molte chiese sembrano musei per via di questa rigidità. Bisogna aprire le porte delle chiese perché la gente possa entrare, ma aprirle perché possano entrare tutti.
Qui, in questa chiesa di San Antón aperta h 24, possono entrare perfino gli animali. Entrano i cani, i gatti, le persone con i loro animali da compagnia… Vengono e si sentono accolti quando li accarezzi o li baci, o dai loro la mano senza bisogno di lavartela subito dopo.
“Io mi sento portavoce di chi non ha voce, sento di poter dire quello che ad alcuni non è permesso di dire. Non vogliono dirlo, non possono farlo: Bisogna parlare partendo dal cuore, dalla realtà, dal dolore.
Papa Francesco, ha affermato padre Ángel, “è un papa che crede in Gesù, che imita Gesù… Egli dice: ‘Non ci rubate il protagonismo di Gesù, o il fatto di stare con i poveri’, perché a volte i comunisti o i politici credono che il patrimonio dei poveri sia loro. E il Papa dice: ‘Guardate che il patrimonio dei poveri non è vostro, il primo che ne ha parlato è stato Gesù’”.
“Qui non potevamo avere la Porta Santa, perché questa chiesa sembra non essere santa, ma abbiamo fatto la Porta Santa dei senzatetto. L’ho benedetta dicendo ‘Tutti coloro che passeranno per questa porta, che entrino o escano, saranno senz’altro benedetti’”.
“La misericordia in questa chiesa… Si rimane male sentendo parlare di tante ferite, di tante miserie, perché qui vengono a dormire anche sui banchi quando non hanno dove andare, ogni sera vengono a prendere un caffè o un tè più di 300 persone. Assistiamo oltre 9.000 persone al mese”.
“Alla Chiesa chiedo la stessa cosa che chiede il papa. Le chiedo di continuare davvero ad amare i poveri. A onor del vero, la Chiesa è sempre stata pioniera, non solo ora, nelle opere sociali. È stata la prima ad assistere i lebbrosi, i malati di Aids e di ebola, e questo bisogna dirlo chiaramente”.
“Se prendi il nostro ‘libro di visite’, la maggior parte della gente scrive: ‘Non sono credente, non credo, ma una chiesa come questa mi riempie. È questa la Chiesa di Gesù, la Chiesa di papa Francesco, la Chiesa di sempre e quella che deve essere’”.
Bisogna baciarsi di più… Dobbiamo guardare gli altri negli occhi, bisogna baciarci, accarezzarci, dirci ‘Buongiorno’, ‘Buonasera’”.
(fonte; Aleteia.org, 14 novembre 2016)

Madrid. La chiesa di San Antón aperta h 24, possono entrare perfino gli animali. Entrano i cani, i gatti, le persone con i loro animali da compagnia... Vengono e si sentono accolti quando li accarezzi o li baci, o dai loro la mano senza bisogno di lavartela subito dopo. Padre Ángel, fondatore dei Messaggeri della Pace.
Madrid. La chiesa di San Antón è aperta h 24: possono entrare perfino gli animali. Entrano i cani, i gatti, le persone con i loro animali da compagnia… Vengono e si sentono accolti quando li accarezzi o li baci, o dai loro la mano senza bisogno di lavartela subito dopo. Così racconta Padre Ángel, fondatore dei Messaggeri della Pace.
Condividi l'articolo