Come andare in paradiso

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Come andare in paradiso.

– Dice Gesù: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede» (Luca 12,13).
– Eppure non si manca di guardare con una certa invidia il ricco che compra tutto e si può permettere tutto. E dimentichiamo che la vita non dipende da ciò che possiedi,  ma da ciò che uno dà.
La vita vive di vita donata.
– Noi siamo ricchi solo di ciò che abbiamo donato. San Basilio ammoniva: «Se tu vuoi, hai dei granai: sono nelle case dei poveri».
– Ma l’uomo ricco rischia di crearsi un deserto attorno: è solo con i suoi magazzini pieni, nessun povero alla porta, nessuno con cui condividere la gioia del raccolto.
– Ma come farà un ricco un paradiso? Proviamo ad immaginare con questa piccola semplice storia.

Un riccone arrivò in Paradiso. Per prima cosa fece un giro per il mercato e con sorpresa vide che le merci erano vendute a prezzi molto bassi.
Subito mise mano al portafoglio e cominciò a ordinare le cose più belle che vedeva.
Al momento di pagare porse all’angelo, che faceva da commesso, una manciata di banconote di grosso taglio.
L’angelo sorrise e disse: “Mi dispiace, ma questo denaro qui non ha alcun valore“.
– “Come?”, si stupì il riccone.
♥ Qui vale soltanto il denaro che sulla terra è stato donato“, rispose l’angelo.

Ricorda!
Oggi  non dimenticare il tuo capitale per il Paradiso. Fa’ del bene e dona con gioia.

La vita non dipende da ciò che si possiedi,  ma da ciò si condivide con amore e gratuità. La vita vive di vita donata. Noi siamo ricchi solo di ciò che abbiamo donato. San Basilio ammoniva: «Se vuoi, hai dei granai, sono nelle case dei poveri» Perciò ricorda: Fa’ del bene e dona con gioia.

Condividi l'articolo