È sempre tempo di misericordia

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

È sempre tempo di misericordia.

Il Giubileo della Misericordia è da tempo alle nostre spalle; il Giubileo come evento. E la misericordia. anche? Forse alcuni pensano che … passato il santo, passata la festa. Finito il Giubileo, è finito il tempo della misericordia. No! Non è così.
-La misericordia non ha confini né di spazio né di tempo. È sempre tempo di “misericordiare”, dice Papa Francesco; cioè di praticare opere di misericordia e non solo di parlarne.
– A ribadire questi concetti è una intervista data a «L’Osservatore Romano» dall’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, che nell’occasione fa il punto anche sui vari aspetti dell’attività del dicastero.
E allora si nota che le opere di misericordia sono tutte quelle con cui ci si confronta ogni giorno nella vita. E Papa Francesco le sta praticando ancora attraverso i “venerdì della misericordia”, quali segni concreti di carità.

Le opere di misericordia non sono solo quelle corporali e spirituali suggerite dal catechismo, ma molte di più.
Sono tutte quelle con cui ci si confronta ogni giorno nella vita.
È questo il significato dei “venerdì della misericordia” voluti dal Papa come segno di carità. Una delle eredità più significative del giubileo conclusosi oltre due anni. Qual è il loro significato?
I venerdì della misericordia continuano perché sono un segno che viene offerto alla Chiesa. Il Papa li ha voluti durante il giubileo, ma li sta continuando ancora oggi.
«Ne abbiamo realizzato uno ogni mese per indicare che queste visite “a sorpresa” che il Papa compie sono un’indicazione per la vita della Chiesa e per la pastorale.
Anche nel 2018 ne abbiamo compiuti alcuni.
♦ Sono sempre gesti simbolici. È il Pontefice che va a salutare i ragazzi di una scuola media in periferia, va a visitare un centro di accoglienza per i migranti sanitari, va a condividere un po’ di tempo con dei giovani disabili mentali che gli avevano scritto confidandogli il desiderio di una sua visita, va incontro alle nuove schiavitù che derivano dalla droga o dalla prostituzione.
♥ Sono tutti segni di diverse forme di povertà; perché non dimentichiamolo: la povertà ha tanti volti.
Siamo soliti parlare in generale dei poveri; ma queste persone hanno dei volti segnati dalle forme più disparate di emarginazione, di disattenzione, di indifferenza, di scarto.
♦ Con questi venerdì il Papa vuole ribadire che le opere di misericordia non sono soltanto quelle corporali e spirituali che ci hanno insegnato al catechismo, ma sono tutte quelle con le quali ogni giorno dobbiamo confrontarci nella vita.
E dunque non sono solo quattordici: sono infinite.
♥ I venerdì ci ricordano che ogni giorno dobbiamo “misericordiare”, cioè vivere concretamente la misericordia, dice Papa Francesco».

(fonte: cf Osservatore Romano, 15 febbraio 2019).

Le opere di misericordia ci vengono presentate dal Vangelo di Gesù, il quale ha detto: “Ogni volta che avrete fatto una di queste opere al più piccolo dei fratelli, l’avrete fatta a me!” – L’amore misericordioso è la caratteristica eterna di Dio. Egli ama le sue creature e le vuole felici. Ma tante volte sono le sue creature a non credere al suo amore. – “Noi abbiamo bisogno della Misericordia di Dio, e abbiamo bisogno anche della nostra misericordia: di tenderci la mano, di accarezzarci, di prenderci cura l’uno dell’altro e di non fare tante guerre… È sempre tempo di “misericordiare”, dice Papa Francesco. “La misericordia non dice mai “Basta!”, ci ricorda San Vincenzo dei Paoli.

Condividi l'articolo