Il comunicato stampa della Lega sull’erogazione dei fondi comunali

Tropea: «L’amministrazione non è in grado di individuare e riconoscere le azioni del ministro Salvini»

«Ciò che in qualche modo continua a sorprendere è, invece, che a fronte del progetto Spiagge Sicure, cui erano destinati – sempre dal Ministero dell’Interno – € 42.000,00, si è proceduto all’acquisto di un drone (strumento evidentemente non indispensabile) e di un’auto Fiat Panda»

L’Onorevole Matteo Salvini – foto Libertino

A seguito del Decreto del Ministero dell’Interno, previsto dalla Legge di Bilancio 2019, fortemente voluto dal Ministro Matteo Salvini, che attribuisce ai Piccoli Comuni fondi destinati alla procedura di investimenti per messa in sicurezza e tutela del patrimonio comunale, per il Comune di Tropea sono stati erogati € 70.000,00 che l’Amministrazione ha a sua volta porzionato per il rifacimento qualitativamente corretto di manti stradali – consentendo alla Città di presentarsi dignitosamente alla stagione turistica in corso – e per l’acquisto di elementi atti alla segnaletica stradale; inoltre, il Ministro aveva ottenuto la destinazione di fondi per lavori di adeguamento alla normativa antincendio (€ 50.000,00) che il Comune di Tropea ha destinato all’adeguamento dell’ edificio scolastico “Toraldo” sito in Viale Coniugi Crigna. Ciò che in qualche modo continua a sorprendere è, invece, che a fronte del progetto Spiagge Sicure, cui erano destinati – sempre dal Ministero dell’Interno – € 42.000,00, con i quali è vero che sono state assunte 4 unità a potenziare l’organico dei Vigili Urbani, ma si è proceduto all’acquisto di un drone (strumento evidentemente non indispensabile) e di un’auto Fiat Panda (idem, data l’esiguità del numero dei Vigili in servizio permanente e la quantità e l’adeguatezza dei mezzi già in uso del Comando (una Fiat Punto, una Nuova Fiat Tipo e due motociclette). Viene da pensare che non solo non si sia in grado di individuare e riconoscere le azioni di un Ministero risoluto, nonostante siano concrete e fruibili, ma si sia infinitamente deboli nel dar loro l’opportuna valenza e la sacrosanta destinazione al bene comune, tutelandolo dallo spreco che storicamente grava sulla Cittadinanza, prigioniera di bassa politica immobilista. Ci sarebbe da riflettere… “Se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa, allora, è segno una scrivania vuota?” (A. Einstein)

Condividi l'articolo
Francesco Marmorato
Francesco Marmorato
Docente di lettere nella scuola secondaria, Caporedattore e collaboratore storico della testata Tropeaedintorni.it, è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti.