La preghiera della Chiesa Italiana nel giorno di San Giuseppe

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

La preghiera della Chiesa Italiana nel giorno di San Giuseppe.

– A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, insieme con quello della tua santissima Sposa Maria.
– I Vescovi italiani hanno invitato i fedeli per questa sera alle ore 21,00 ad unirsi in famiglia per la preghiera del Santo Rosario. E’ il giorno di San Giuseppe, Custode della Santa Famiglia – e Patrono di tutta la Chiesa.
– L’appuntamento vuole avere il significato simbolico di una supplica che nella fede unisce l’intero Paese, coinvolgendo fedeli, famiglie, comunità religiose, unite anche alla proposta di esporre alla finestra delle case un piccolo drappo bianco o una candela.
– E  questa sera, alle ore 21,00, Tv2000 offrirà a tutti la possibilità di condividere la preghiera. Una occasione spirituale da non perdere.

L’invito dei Vescovi.
In questo momento di emergenza sanitaria, la Chiesa italiana prega e invita a pregare per tutto il Paese. Lo facciamo in questo giorno dedicato alla festa di San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria, patrono della Chiesa universale, invitando ogni famiglia, ogni fedele, ogni comunità religiosa a recitare in casa il Rosario.
Contempliamo i Misteri della Luce del Rosario per vivere questa preghiera come «vera introduzione alla profondità del Cuore di Cristo, abisso di gioia e di luce, di dolore e di gloria» (San Giovanni Paolo II). In realtà, è tutto il mistero di Cristo che è luce. Egli è «la luce del mondo» (Gv 8, 12) e noi vogliamo seguirlo, come discepoli, sapendo che chi lo segue «non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita».

In questo tempo di mestizia, di sofferenza e di incertezza, desideriamo contemplare il Volto luminoso e trasfigurato di Cristo, affinché disperda, insieme al peccato, le tenebre del contagio e della morte.
Al suo Volto e al suo Cuore ci conduce Maria, Madre di Dio, salute degli infermi, alla quale ci rivolgiamo con la preghiera del Rosario, sotto lo sguardo amorevole di San Giuseppe, Custode della Santa Famiglia e delle nostre famiglie.
Ci lasciamo accompagnare anche dalla testimonianza di San Francesco di Assisi e dalle orazioni di Santa Caterina da Siena, patroni d’Italia, esempi di vita luminosa e nostri intercessori.

Un semplice segno manifesta la nostra comunione in questo tempo di preghiera: alle finestre delle nostre case, questa sera, esponiamo un piccolo drappo bianco o una candela accesa, segni della speranza e della luce della fede.
♥  Dalle nostre abitazioni si eleva al Padre la supplica dei suoi figli, affinché il Signore, buono e misericordioso, dia la forza del suo Spirito ai medici e agli operatori sanitari, illumini i ricercatori, guidi i governanti, infonda vigore ai corpi degli anziani e dei bambini, allontani la paura, doni a tutti la consolazione del suo Figlio Gesù.

I misteri della Luce.
Essendo giovedì, è il turno di recitare e pregare i cinque misteri della Luce (misteri luminosi). Eccoli:
1. Il Battesimo di Gesù nel Giordano.
2. Le Nozze di Cana.
3. L’Annuncio del Regno di Dio.
4. La Trasfigurazione.
5. Istituzione dell’Eucaristia

Ad ogni mistero diremo Il Padre nostro, 10 Ave Maria e il Gloria al Padre. Poi la recita delle Litanie.

Orazione a San Giuseppe
A te, o beato Giuseppe,
stretti dalla tribolazione ricorriamo,
e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio
dopo quello della tua santissima Sposa.
Deh! per quel sacro vincolo di carità,
che ti strinse all’immacolata Vergine Madre di Dio,
e per l’amore paterno che portasti al fanciullo Gesù,
riguarda, te ne preghiamo,
con occhio benigno la cara eredità,
che Gesù Cristo acquistò col suo sangue,
e col tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni.
Proteggi, o provvido Custode
della Divina Famiglia,
l’eletta prole di Gesù Cristo;
cessa da noi, o Padre amantissimo,
cotesta peste di errori e di vizi,
che ammorba il mondo;
ci assisti propizio dal Cielo in questa lotta
contro il potere delle tenebre,
o nostro fortissimo Protettore;
e come un tempo salvasti dalla morte
la minacciata vita del pargoletto Gesù,
così ora difendi la Santa Chiesa di Dio
dalle ostili insidie e da ogni avversità;
e stendi ognora sopra ciascuno di noi
il tuo patrocinio, acciocché a tuo esempio,
e mercé il tuo soccorso,
possiamo virtuosamente vivere,
piamente morire,
e conseguire l’eterna beatitudine in cielo.
E così sia. (Papa Leone XIII).

Preghiera alla Madonna
O Maria tu risplendi sempre nel nostro cammino
come segno di salvezza e di speranza.
Noi ci affidiamo a te, Salute dei malati,
che presso la croce sei stata associata
al dolore di Gesù, mantenendo ferma la tua fede.
Tu, Salvezza del popolo romano,
sai di che cosa abbiamo bisogno
e siamo certi che provvederai perché,
come a Cana di Galilea,
possa tornare la gioia e la festa
dopo questo momento di prova.
Aiutaci, Madre del Divino Amore,
a conformarci al volere del Padre
e a fare ciò che ci dirà Gesù,
che ha preso su di sé le nostre sofferenze
e si è caricato dei nostri dolori per condurci,
attraverso la croce, alla gioia della risurrezione.
Amen. (Papa Francesco).

Sotto la Tua protezione
Sotto la Tua protezione
cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio.
Non disprezzare le suppliche di noi
che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo,
o Vergine gloriosa e benedetta

______________
Scarica il sussidio per seguire tutta la preghiera.

In questa emergenza sanitaria- A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, insieme con quello della tua santissima Sposa Maria. – I Vescovi italiani hanno invitato i fedeli per questa sera alle ore 21,00 ad unirsi in famiglia per la preghiera del Santo Rosario. E’ il giorno di San Giuseppe, Custode della Santa Famiglia e Patrono di tutta la Chiesa. – L’appuntamento vuole avere il significato simbolico di una supplica che nella fede unisce l’intero Paese, coinvolgendo fedeli, famiglie, comunità religiose, unite anche alla proposta di esporre alla finestra delle case un piccolo drappo bianco o una candela.

Condividi l'articolo