Mamme di figli speciali

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Mamme di figli speciali.

– La festa della mamma, celebrata domenica scorsa, ha messo in luce i sentimenti più teneri dei figli verso le loro mamme. E tutti abbiamo potuto rispondere con  un sorriso, con un like ai tanti post pubblicati.
– Ma ci sono stati anche post particolari: di chi non è diventata mamma, ma lo avrebbe voluto con tutte le sue forze; di mamme che hanno salutato con amore sviscerato il loro bimbo che ormai chiamiamo “speciale”, in quanto la sua sindrome e il suo sguardo di infinita tenerezza ti ruba il cuore.
– E poi le storie di timore, di ansia e di paura di mamme a cui viene diagnosticata una maternità “speciale”, a volte accompagnata da un consiglio avventato di chi dice di starti vicino: “tu puoi rifiutarla questa maternità”. – E invece la vita, dono di Dio, vince sulla paura. Quante mamme di “figli speciali” vivono l’esperienza di essere mamma ogni momento della vita, di scordarsi della loro vita per donarla interamente a loro. – E un amore totale sgorga dal cuore e dagli occhi di questi figli. – Ecco la bellissima testimonianza di Anna, mamma di sei figli, di cui l’ultima con trisomia 21.

Una storia dolcissima, dove sono i bambini ad insegnare.
Era il 21 novembre 2012, il giorno della Madonna della sanità, festa a me cara.
Ero molto felice: nel mio grembo si stava formando una nuova vita, la nostra famiglia sarebbe cresciuta! Sono andata a fare l’ecografia del terzo mese con il cuore in festa, serena, tranquilla. Ma il viso della dottoressa che mi percorreva la pancia con la sonda ecografica mi ha spaventata: lei era tesa, preoccupata. Mi ha detto che qualcosa non andava, che appariva un’immagine anomala che poteva associarsi a molte patologie, anche gravi….
Ho subito chiamato mio marito, che è corso veloce da me, e, con la sua mano stretta alla mia, abbiamo ripetuto nuovamente l’ecografia all’ospedale, dove hanno confermato l’evidenza di una gravidanza con problemi.
Non è facile tradurre a parole le emozioni che si provano in simili circostanze…. gelo, paura, angoscia, totale smarrimento. Ma eravamo assieme, mio marito e io. Ci siamo tenuti stretti le mani e uniti i cuori. E siamo andati avanti.
Ci siamo sottoposti alle indagini suggerite dai medici. L’attesa dei risultati è stata particolarmente dolorosa, perché non sapevamo a cosa andavamo incontro. Ricordiamo con tenerezza il momento in cui ci hanno comunicato la diagnosi.
La dottoressa era molto dispiaciuta nel comunicarci che la nostra bambina aveva la Sindrome di Down, ma ricordo che noi, usciti in corridoio, ci siamo abbracciati stretti e ci siamo sentiti fortunati che avesse ‘solo’ la sindrome di Down.
  Ci sono famiglie che affrontano con coraggio disabilità ben più gravi. A noi veniva chiesto di accogliere lei e ci siamo sentiti di dire “Sì”. A rafforzare questo “Sì” sono stati i nostri figli…
  E’ stato commovente il momento in cui li abbiamo radunati attorno al tavolo e abbiamo spiegato che la loro sorellina sarebbe stata diversa, che avrebbe imparato tante cose, ma più lentamente. Hanno fatto a gara nell’immaginare cosa ognuno di loro le avrebbe insegnato! Che dono grande hanno i bambini!
Attraverso i loro occhi si può guardare senza paura la realtà…
  Nostra figlia è nata un po’ prima del previsto. Nel suo visino così piccolo, i segni della sua diversità a suscitare una tenerezza infinita in noi e nel personale medico che ci ha assistiti…
  Ancora una volta a darci la carica sono stati i nostri figli. Sono arrivati in camera correndo, se la sono contesa, ripetevano: “Mamma, è bellissima”, “Mamma, com’è bella!”. L’hanno portata a turno in giro per i corridoi, tutti fieri. Le persone che ci vogliono bene, i nostri amici, la nostra comunità, hanno accolto la nostra bimba con tanto affetto.

  Diciamo sempre che la sua nascita ha innescato una spirale d’amore, perché ci ha fatto sentire tanto amati. Ora la nostra piccola sta crescendo, sta imparando a fare tante piccole cose, lentamente, con i suoi tempi. Quando la vediamo fare qualcosa di nuovo, è una festa! Con lei ogni piccolo traguardo sembra avere più valore, perché frutto di più fatica…

Alle mamme in ansia per una  maternità “incerta” farà bene ricordare che la fede si alimenta con l’amore. Nelle situazioni difficili della vita ci si può sentire smarriti, ma basta fidarsi di Dio e della vita che Egli dona.
(Fonte: cf vitanascente.blogspot).

Quante mamme di “figli speciali” vivono l’esperienza di essere mamma ogni momento della vita, di scordarsi della loro vita per donarla interamente a loro. – E un amore totale sgorga dal cuore e dagli occhi di questi figli. Nel loro viso i segni della diversità suscitano una tenerezza infinita in noi, invitandoci ad amarli, mettendo da parte la nostra “normalità”.

Condividi l'articolo