Tropea: assistenza domiciliare gratuita

Accordo di programma con altri 16 Comuni

Al via il servizio per anziani e disabili

Anziana - foto Stroe
Anziana - foto Stroe

Anche l’amministrazione di Tropea, dando atto all’accordo di programma con gli altri 16 Comuni del Distretto sanitario n. 3, ha dato avvio al servizio di assistenza domiciliare per anziani e disabili.
Grazie a questo provvedimento, chi versa in situazioni di difficoltà e non può, per svariati motivi, far affidamento ad un membro della propria famiglia, potrà quindi contare su questo tipo di supporto.
I termini per fare domanda e accedere all’assistenza scadranno il 10 febbraio. Tutti i cittadini interessati e rientranti nelle categorie alle quali il provvedimento è rivolto potranno presentare l’istanza per usufruire dell’assistenza domiciliare presso l’ufficio preposto a raccogliere le istanze, quello cioè dei Servizi sociali.
Le attività domiciliari di assistenza sono molte e partono da quelle più essenziali, come la cura dell’igiene personale, il lavaggio e la stiratura degli indumenti, l’aiuto per la gestione domestica e anche la preparazione e l’assunzione dei pasti. Gli assistenti, però, daranno una mano anche nelle operazioni quotidiane più comuni, come fare la spesa, aiuteranno gli anziani e i disabili per lo svolgimento di pratiche amministrative e saranno presenti per accompagnarli presso gli uffici, ma anche per le visite sanitarie, gli esami di laboratorio, le visite riabilitative e durante le fasi di ricovero e di dimissione da luoghi di cura. Rientrano nei compiti degli assistenti anche quelli di accompagnare i beneficiari del servizio a casa di familiari ed amici o durante le visite in luoghi di interesse culturale e religioso.
Il servizio di assistenza domiciliare è assolutamente gratuito, ed è rivolto principalmente ad anziani e disabili, che sono quindi in una situazione permanente o anche solo temporanea di difficoltà o che abbiano una condizione parziale o totale di autosufficienza.
Rientrano in queste categorie i cittadini con invalidità totale, con o senza accompagnatore, e reddito familiare con un Isee fino a 6mila 500 euro. Possono usufruire dell’assistenza gratuita anche i disabili ai quali è stata riconosciuta dalla commissione medica dell’Asp una situazione di gravità con minorazioni singole o plurime che implicano una ridotta autonomia personale, correlata all’età, che rende necessario un intervento assistenziale globale sia nella sfera individuale che in quella di relazione (ai sensi della legge 104/92, art. 3 comma 3).
Oltre a queste categorie, alle quali è rivolta l’assistenza, il Comune potrà riconoscere questo aiuto a cittadini con minore grado di invalidità, ma sempre in base a una graduatoria.

Condividi l'articolo
Francesco Barritta
Francesco Barritta
Docente ordinario di Lingua e letteratura italiana e Storia presso il Nautico di Pizzo (VV), è giornalista iscritto all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti. Ha diretto varie testate giornalistiche, tra cui Tropeaedintorni.it