Voler bene, redenzione in atto

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Voler bene, redenzione in atto.

Santa Teresa di Calcutta,1910– 1997, religiosa albanese, fondatrice della congregazione religiosa delle Missionarie della carità.
– Il suo lavoro instancabile tra le vittime della povertà di Calcutta l’ha resa una delle persone più famose al mondo. Ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 1979 e il 19 ottobre 2003 è stata proclamata beata da papa Giovanni Paolo II. E’ stata proclamata santa il 4 settembre 2016: un evento mondiale.
– La via che ha seguito è stata quella di amare concretamente la persona abbandonata che incontrava. Amarla fino a farle sentire che quell’amore veniva da Cristo, che ha dato la sua vita per tutti. – Di lei si leggono sul web tante storie, tanti aforismi, tanti detti. Niente di trascendentale, ma tutto di una concretezza che conquista ancora oggi. – Ecco una bella storia.

L’ultima arrivata.
Una sera Madre Teresa di Calcutta nella casa dei moribondi, avvicina l’ultima venuta, una donna.
Solleva con amore i pochi stracci, che ricoprono un fisico devastato:
– Signore Iddio, che pietà! Che strazia di patimenti su quel povero corpo scarno, così simile ad una radiografia, se non fosse per le piaghe, che corrodono l’oscura pelle avvizzita!
Rapida e attenta, Madre Teresa provvede ad una pulizia sommaria e ad una prima disinfezione. Ma le condizioni della povera donna, che forse è ancora giovane, appaiono disperate e l’occhio esercitato della madre se ne avvede presto con lucida pena.
Meglio tentare di rianimarla subito con cardiotonici, un brodo tiepido e tanto amore.

♦ La misera guarda trasognata con occhi da cui lo sguardo sembrava svanire. Mormora in un soffio:
– Perché fai questo?
Madre Teresa, con il cuore gonfio d’amore e di pietà, le risponde: – Perché ti voglio bene!
Una luce d’incredula gioia si riverbera dall’interno su quel viso scavato, dove la morte ha già impresso il misterioso segno della sua scelta: – Oh! Dillo ancora!
Perché ti voglio bene! – ripete la Madre con ferma dolcezza.
– Dillo ancora, dillo ancora!… La morente stringe le mani della Madre e l’attira a se per sentire tante e tante volte ancora, beata, mentre la vita fugge, le più care parole del mondo: “Ti voglio bene!”
Quell’amore riscattava pienamente un’esistenza di sofferenze: Cristo arrivava a lei attraverso l’amore di Madre Teresa.
(fonte: Dainotti, Madre Teresa di Calcutta, Ed. EMI).

Anche Gesù dice a ciascuno di noi: “Poiché ti voglio bene, mi son fatto uomo e sto accanto a te. Poiché ti voglio bene, sono morto per te. Poiché ti voglio bene, tu non morirai per sempre!”

Santa Teresa di Calcutta,1910– 1997, religiosa albanese, fondatrice della congregazione religiosa delle Missionarie della carità. – Il suo lavoro instancabile tra le vittime della povertà di Calcutta l’ha resa una delle persone più famose al mondo. Ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 1979 e il 19 ottobre 2003 è stata proclamata beata da papa Giovanni Paolo II. E’ stata proclamata santa il 4 settembre 2016: un evento mondiale. – La via che ha seguito è stata quella di amare concretamente la persona abbandonata che incontrava. Amarla fino a farle sentire che quell’amore veniva da Cristo, che ha dato la sua vita per tutti.

Condividi l'articolo