Febbraio 2008

La copertina del numero di febbraio 2008

La vita è un’avventura. Una bella avventura da vivere giorno per giorno cercando, ognuno di noi, il bello e il buono che su questa terra indubbiamente c’è, anche nella nostra terra di Calabria. Ed è stata questa comune visione della vita ad indurci a pensare ad un nuovo giornale che parli principalmente delle tante positività che esistono intorno a noi.

La nostra è terra speciale, dove le bellezze naturali sono infinite, dove c’è gente speciale e dove esiste un patrimonio storico e culturale di immenso valore. Non abbiamo nulla da invidiare a nessuno sotto questo aspetto, semmai altri dovrebbero essere gelosi di noi. Ed è su quanto di bello e di buono possediamo che intendiamo rivolgere la nostra attenzione, per presentarli a chi ha della Calabria un immaginario diverso, senza trascurare, per quanto possibile, di offrire il nostro contributo al miglioramento di ciò che non va come dovrebbe andare. Passato, presente e futuro, sono i nostri campi. Il passato per ricordare a tutti noi la storia scritta dai nostri avi, il presente per riflettere su ciò che stiamo facendo, il futuro per programmarlo meglio possibile.

Un progetto sicuramente ambizioso, ma siamo del parere che bisogna puntare l’obbiettivo più in alto possibile se si vuole raggiungere una qualsiasi meta che ci renda soddisfazione.
Il nostro Tropeaedintorni, ha l’intenzione di partire dal suo cuore pulsante di vita, per raggiungere dintorni molto più allargati, che fuoriescano dalle mura cittadine per raggiungere l’intera Calabria ed anche oltre.

Come quando buttando un sasso nel mare si creano cerchi concentrici in grado di raggiungere persino il mare aperto!
Sogno impossibile; forse sì.
Ma le avventure si nutrono anche di sogni. E i sogni sono il motore della vita stessa. Seguiteci in questa nuova avventura, e accarezzate insieme a noi il sogno di poter dare vita ad un giornale che sia bello da guardare, buono da leggere, interessante e degno di essere conservato tra gli oggetti più amati.

Scarica il n° 1

Condividi l'articolo