Il porcellino domestico

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Il porcellino domestico.

La vita degli umani si sta sempre più “integrando” con gli animali domestici: cani, gatti, scoiattoli, tartarughe, porcellini riempiono ormai le case, mentre non ci sono più abbastanza figli… Stupisce la comunicazione che si riesce a instaurare all’interno della famiglia con gli animali domestici, fino a sentirli “membri di famiglia” e addirittura come “figli”. Sul web ci sono anche foto di cerimonie che li vedono (loro malgrado) protagonisti. –  Eppure, nonostante la buona volontà degli animalisti, ci sono cose che l’umano deve imparare dagli animali: rispettare la loro natura e non trasformarla per proprio comodo. Il rispetto non è un mantenere le distanze, ma permettere all’animale la libertà di restare animale. E all’umano la libertà di coltivare e accrescere la sua condizione di figlio di Dio e fratello di altri umani, vivendo nel bene e nella pace con la natura e con il suo prossimo.

♦ Una volta, una famiglia del paese decise di allevare un porcellino in casa. Esso aveva perso sua madre quando era ancora piccolo e la famiglia dovette usare un biberon per nutrirlo.
Cresciuto così, divenne un maiale domestico. Invece di essere nel porcile, era sempre in casa, e gli piaceva stare sulle ginocchia.  I bambini erano soliti fargli il bagno, mettergli un po di borotalco, e legargli persino nastri intorno al collo.
♦ Ma c’era un problema: quasi sempre, dopo essere stato pulito e profumato, il maialino, appena uscito di casa, correva a rotolarsi nel fango e poi sporcava la casa. E bisognava ricominciare tutto da capo.
Il maiale si sente male a vivere pulito; questa è la tua natura.
♥ Noi, invece, soffriamo lo sporco, perché la nostra natura è di vivere puliti.
Chi vive nel peccato è in distonia con se stesso, con il mondo e con Dio. Puoi avere momenti felici, ma non essere completamente felice.

♥ Non è difficile vivere nella grazia di Dio. Basta usare i mezzi che Gesù ci ha lasciato, specialmente la preghiera. Dio è dalla nostra parte, vuole aiutarci, ma non entra nella nostra vita se non glielo chiediamo.
♥ Quante volte anneghiamo in un bicchiere d’acqua e dimentichiamo di chiedere aiuto!
Maria Santissima visse senza macchia ed era piena di grazia. Madre Immacolata, prega per noi!

(Fonte: Historinhas do Padre Queiroz, redentorista brasiliano).

La vita degli umani si sta sempre più “integrando” con gli animali domestici: cani, gatti, scoiattoli, tartarughe, porcellini… Si rimane stupiti della comunicazione che si riesce a instaurare tra loro all’interno della famiglia. Eppure l’umano deve consentire all’animale la libertà di restare animale. E l’umano deve poter coltivare e accrescere la sua condizione di figlio di Dio, vivendo nel bene e in pace con la natura e con il suo prossimo.

Condividi l'articolo