“Onorevole per Caso”

Un libro di Federico Guglielmo Lento

Appuntamento con la lettura

Il pubblico presente durante la presentazione – foto Libertino

Nel tardo pomeriggio del 10 Settembre, presso il suggestivo cortile dell’ex seminario vescovile di Tropea in via Glorizio, un gruppo di cittadini interessati ed attenti hanno avuto la possibilità di incontrare un tropeano illustre: Federico Guglielmo Lento già Onorevole della Repubblica italiana nell’ XI legislatura, dottore in medicina ormai in pensione, scrittore provetto ed appassionato.
L’appuntamento organizzato dall’associazione “Tropea per Amore” guidata dal prof. Lucio Ruffa ed affiancata dall’associazione turistica “Pro loco” e dall’autorevole “Accademia degli affaticati” ha avuto lo scopo di presentare al pubblico Tropeano l’opera di Lento “Onorevole per Caso”; il libro, interessante particolarmente per i suoi contenuti, racchiude in modo intelligente ed accattivante la storia del suo autore ricca di ricordi, racconti, episodi, esperienze ed aneddoti personali legati profondamente alla sua Tropea e non solo.
La serata ha avuto inizio con la presentazione, di Lucio Ruffa, del protagonista appunto Federico Guglielmo Lento, nella veste di semplice uomo di Tropea innamorato della sua terra, che lo ha visto adolescente ambizioso, alternativo per quei tempi, esuberante nel carattere e di animo gioioso ma, anche, uomo maturo e politico in carriera.
L’analisi letteraria del libro è stata affidata al prof. Lino Daniele che ha messo in evidenza il senso nostalgico che emerge dall’opera, comune a grandi scrittori quali il Manzoni o il Verga autori di capolavori nati da penne intinte nell’inchiostro della lontananza e della malinconia.

Sorbilli, Lorenzo, Lento, Daniele, Ruffa – foto Libertino

Ma il libro non è solo questo, come ha avuto modo di dire la sottoscritta: è l’affermazione di un certo idealismo di sinistra fortemente influenzato dal credo cristiano che caratterizza il modo di relazionarsi dell’autore, è la consapevolezza di essere stato un bravo dottore in medicina in quanto attento all’analisi dei “segni” della malattia, sottacendo la capacità di cogliere quanto del “dolore” un malato possa raccontare.
La lettura del capitolo iniziale “Venendo da Sud” ha emozionato la lettrice e, spero, la platea che ha potuto gustare anticipatamente l’atmosfera del libro.

Federico Guglielmo Lento, Lino Daniele, Lucio Ruffa – foto Libertino

A Federico Guglielmo Lento è stato fatto dono dell’attestato di Socio Onorario della Pro loco per mano del suo Presidente Mario Lorenzo; lo stesso Autore ha voluto chiudere la serata prendendo la parola per ringraziare i presenti, gli amici di un tempo, quelli nuovi, i familiari, dichiarando ancora una volta il suo Amore per Tropea, affermando ancora una volta l’importanza della Fede nel vivere quotidiano e proponendo ancora una volta una lezione di vita: cambiare le proprie idee non è da stupidi anzi, si dimostra la possibilità di revisionare la prospettiva lungo cui orientare la propria vita.
Buona fortuna!!

Condividi l'articolo
Caterina Sorbilli
Caterina Sorbilli
Docente nelle scuole del I ciclo, collaboratrice storica di Tropeaedintorni.it, è giornalista pubblicista iscritta all'albo professionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria nell'elenco pubblicisti.