La promessa dei Lupetti

Attività del Gruppo Scout Tropea 1

Una cerimonia suggestiva ha riempito la mente e il cuore di questi bambini

[flashvideo file=/Video/PromessaLupetti.flv /]

Il giorno 8 dicembre il Gruppo Scout di Tropea si è arricchito di nove giovani Lupetti.  Una cerimonia suggestiva ha riempito la mente e il cuore di questi bambini. La sera precedente  nella chiesa di Brattirò, celebre per la venerazione dei santi fratelli medici Cosma e Damiano, sono stati deposti ai piedi dell’altare maggiore i nove “fazzolettoni” come simbolo della veglia notturna dei bambini.
Il fazzolettone delinea il segno di appartenenza e di riconoscimento del gruppo scout. Dopo una preghiera fervorosa e fatta con il cuore, i “nove” sono andati a dormire assieme a tutti gli altri Lupetti. Ma dormire non è mai facile quando per grandi e piccoli si vivono momenti fondamentali della nostra vita.
Al mattino seguente, dopo la santa Messa celebrata dal gran Balù don Giuseppe Furchì, i nostri giovanissimi Lupetti si sono riuniti in cerchio. Alla presenza dei loro capi: Akela – Teresa La Vecchia, Balù – p. Francesco La Ruffa, Mamma Racha – Mimma De Luca, Kaa – dott. Giuseppe Autichio, Bagheera – Michele Pungitore, assistiti dai loro genitori, fratelli, sorelle nonni ed amici, ognuno dei nove Lupetti ha ricordato la legge del Branco: “Il Lupetto pensa agli altri come a se stesso e vive con gioia e lealtà insieme al Branco”, ha ricevuto in ginocchio la benedizione del gran Balù don Giuseppe e ha pronunciato la promessa del lupetto nelle mani di Akela: “Prometto, con l’aiuto e l’esempio di Gesù, di fare del mio meglio per migliorare me stesso, nell’aiutare gli altri nell’osservare la Legge del Branco”.
Il canto della Promessa ha suggellato questo momento commovente della cerimonia. Poi il Grande Urlo assieme ai “vecchi Lupi”  li ha accomunati della gioia di sentirsi inseriti nella grande  famiglia dei Boy Scouts.

Condividi l'articolo