Presentato un libro dedicato a Don Armando

Sono trascorsi 37 anni dalla sua morte, eppure il Suo ricordo è vivo

Un sacerdote che è rimasto nei cuori di molti giovani tropeani

Incontro durante il quale è stato presentato un libro dedicato a Don Armando Granelli – foto Stroe

Sono trascorsi 37 anni dalla sua morte (12 aprile 1980), eppure il Suo ricordo è vivo più che mai in tanti di quei giovani che con questo sacerdote hanno vissuto gli anni più belli della loro gioventù.
Il fare memoria diventa gratitudine e riconoscenza e con questa intenzione, domenica 30 aprile presso l’Ex Seminario Vescovile di Tropea si è svolto un incontro durante il quale è stato presentato un libro dedicato a Don Armando Granelli, assistente e padre spirituale di numerose generazioni di giovani tropeani e al suo mentore Pier Giorgio Frassati.
Coordinato da Enzo Taccone, l’incontro ha visto la presenza di quei giovani che, attraverso il libro, hanno raccontato a partire dalla loro personale esperienza la figura, la spiritualità e l’apostolato di Don Armando Granelli.
Un sacerdote che è rimasto nei cuori di quei giovani che frequentando il Circolo “Piergiorgio Frassati” hanno iniziato un percorso virtuoso di formazione umana e cristiana che ha dato sicuramente i suoi frutti nella vita di ciascuno.
Il parroco della Concattedrale don Toraldo, ha evidenziato alcuni momenti significativi della vita sacerdotale di Don Armando, tra cui la sua attività di insegnante di matematica e fisica, subito dopo l’ordinazione sacerdotale avvenuta l’11 aprile 1925, il suo ufficio di Rettore nel Seminario di Tropea dal 1944 al 1952 e poi quello di parroco di San Demetrio fino al 1977.
Per don Ignazio “Don Armando ha inciso sulla vita dei giovani perché riusciva a starci accanto, spingendoli poi ad una curiosità e all’impegno; un sacerdote che seguiva affettivamente i giovani, prendendosi carico delle persone nella totalità dei suoi bisogni; un sacerdote che ha saputo trasmettere e dimostrare l’estrema razionalità della fede; un sacerdote compagno di strada, capace di condividere gioie e dolori, amore e speranza di chi stava accanto a lui, fedele all’integrità del suo sacerdozio e forte umanamente”.
Nel corso della serata, si sono susseguiti, tra gli altri, diversi interventi dei giovani di Don Armando: Franco Simonelli, Giuseppe Adilardi e La Torre Domenico.
In tutti il ricordo di un padre affettuoso e consigliere spirituale, una persona molto complessa ma anche molto preparata, un punto di riferimento ben preciso per quei giovani che partecipavano al Circolo Frassati negli anni 60. Un sacerdote che voleva dare ai suoi giovani un chiaro indirizzo di libertà e il senso alto della moralità che non conosceva compromessi; un prete che illuminava la mente per toccare il cuore.
Al termine dell’incontro, nella Chiesa Concattedrale di Tropea è stata celebrata una messa in sua memoria.
Quella vissuta domenica 30 aprile è stata davvero una bella giornata carica di ricordi per non disperdere il patrimonio spirituale, intellettuale e umano di un sacerdote che ha educato diverse generazioni di giovani tropeani e che ha saputo in tempi molto lontani realizzare quello che ultimamente Papa Francesco sta ripetendo con insistenza nei suoi incontri coi sacerdoti: “ Voi dovete essere di esempio per i giovani che solo così troveranno risposte nella chiesa”.
E proprio a Papa Francesco i giovani tropeani del Circolo di Azione Cattolica “Pier Giorgio Frassati” hanno inviato il libro dedicato a don Armando, con il desiderio manifesto di essere ricevuti presto in udienza.

Il video in HD dell’evento