Una storia d’amore

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Una storia d’amore.

Quante esperienze dovrà fare una persona per imparare il vero amore? La vita, una sapiente,a volte crudele, maestra insegnerà la giusta strada. Beati coloro che la sapranno percorrere con fiducia. Vediamo continuamente amori pieni di parole romantiche sgonfiarsi all’improvviso; storie che finiscono in tragedie per il senso brutale di possesso della persona amata. E vediamo amori che risorgono quando giunge il vento della sofferenza. Quando di fronte si ha la persona amata che soffre ed è in pericolo di morire, allora ci si accorge della necessità di doverla amare dimenticando il proprio io.
Ognuno sarà in grado di raccontare una storia che conosce, ma questa, che circola sul web in varie versioni, è un’occasione che invita a ri-centrare il proprio amore.
La storia è dedicata a tutti coloro che hanno riscoperto l’amore nella sofferenza.

Racconta un medico del Pronto Soccorso:
♦ «Era una mattinata movimentata, quando un anziano distinto signore di una ottantina di anni arrivò per farsi rimuovere dei punti da una ferita al pollice. Disse che aveva molta fretta perché aveva un appuntamento alle 9.00.
Rilevai la pressione e lo feci sedere, sapendo che sarebbe passata oltre un’ora prima che qualcuno potesse vederlo.
♦Lo vedevo guardare continuamente il suo orologio e decisi, dal momento che non avevo impegni con altri pazienti, che mi sarei occupato io della ferita.
Ad un primo esame, la ferita sembrava guarita: andai a prendere gli strumenti necessari per rimuovere la sutura e rimedicargli la ferita.
Mentre mi prendevo cura di lui, gli chiesi se per caso avesse un altro appuntamento medico, dato che aveva tanta fretta.
♦ ♥ L’anziano signore mi rispose che doveva andare alla casa di cura per far colazione con sua moglie.
Mi informai della sua salute e lui mi raccontò che era affetta da tempo dall’Alzheimer. Gli chiesi se per caso la moglie si preoccupasse nel caso facesse un po’ tardi.
Lui mi rispose che lei non lo riconosceva già da 5 anni.
Ne fui sorpreso, e gli chiesi: “E va ancora ogni mattina a trovarla anche se non sa chi è lei?”.
L’uomo sorrise e mi batté la mano sulla spalla dicendo: “Lei non sa chi sono, ma io so ancora perfettamente chi è lei”.
♦ Dovetti trattenere le lacrime. Avevo la pelle d’oca e pensai: “Questo è il genere di amore che voglio nella mia vita”».

Sarà utile ricordare che:

  • Il vero amore non è né fisico né romantico. Il vero amore è l’accettazione di tutto ciò che è, è stato, sarà e non sarà.
  • Le persone più felici non sono necessariamente coloro che hanno il meglio di tutto, ma coloro che traggono il meglio da ciò che hanno.
  • La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di come danzare nella pioggia.
  • Sii più gentile del necessario, perché ciascuna delle persone che incontri sta combattendo qualche sorta di battaglia.
Quando di fronte si ha la persona amata che soffre ed è in pericolo di morire, allora ci si accorge della necessità di doverla amare, dimenticando il proprio io. – Ognuno sarà in grado di raccontare una storia che conosce, ma questa, che circola sul web in varie versioni, è un’occasione che invita a ri-centrare il proprio amore.
Condividi l'articolo