Il console portoghese che salvò migliaia di persone dall’olocausto

Rubrica quotidiana a cura di P. Salvatore Brugnano

Storie belle… per vivere meglio

Il console portoghese che salvò
migliaia di persone dall’olocausto.

– E’ la straordinaria storia di Aristides de Sousa Mendes che, obbedendo alla sua coscienza più che ai suoi superiori, durante la seconda guerra mondiale salvò migliaia di persone dalla deportazione nazista.
– Ma non obbedire ai suoi superiori lo fece cadere in disgrazia agli occhi del suo governo che gli tolse il posto e anche lo stipendio. Alla fine morì sconosciuto nel 1954.
– Nel 1966 Yad Vashem lo riconosce come Giusto tra le nazioni; nel 1986 viene premiato postumo con l’Ordine della Libertà e finalmente nel 1988 il parlamento portoghese ritira, postumo, le accuse disciplinari nei suoi confronti.
– Una riabilitazione totale: in sua memoria intanto venivano erette statue a ricordare il suo coraggio e la sua umanità. – Questa storia ci ricorda quella Giovanni Palatucci, commissario di polizia (1909 – +Dachau, 10 febbraio 1945) oggi servo di Dio e quella Giorgio Perlasca (Como 1910–1992) che salvò la vita di oltre cinquemila ebrei ungheresi strappandoli alla deportazione nazista e alla Shoah.

La storia di di Aristides de Sousa Mendes.
♦ Ottanta anni fa, un diplomatico di mezza età e di medio rango, il console del Portogallo a Bordeaux, Aristides de Sousa Mendes, cadde in una profonda depressione e vide i suoi capelli diventare grigi in pochi giorni, mentre vedeva le strade di Bordeaux riempirsi di rifugiati ebrei in fuga dai nazisti.
♦ Come console del Portogallo a Bordeaux egli dovette affrontare un dilemma morale. Doveva obbedire agli ordini del governo o ascoltare la propria coscienza e fornire agli ebrei i visti che gli avrebbero permesso di sfuggire all’avanzata delle forze tedesche?
La straordinaria risposta di Sousa Mendes oggi testimonia che è ricordato come un eroe dai sopravvissuti e dai discendenti delle migliaia che ha aiutato a fuggire.
♦ Ma la sua iniziativa segnò anche la fine di una carriera diplomatica sotto il dittatore portoghese António de Oliveira Salazar, e il resto della sua vita trascorse in penuria.
Fu solo nel 1986 che Sousa Mendes fu reintegrato postumo nel servizio diplomatico. Alla fine, il 9 giugno, il parlamento del Portogallo ha deciso di riabilitare il suo diplomatico disubbidiente con un monumento con il suo nome nel Pantheon nazionale.

Perché Bordeaux?
♦ Era la metà di giugno 1940 e le forze di Hitler erano a pochi giorni dal completamento della vittoria sulla Francia. Parigi cadde il 14 giugno e un armistizio fu firmato poco più di una settimana dopo.
♦ Il corpo diplomatico del Portogallo fu sottoposto a rigorose istruzioni dalla dittatura di Salazar di destra: bisognava rilasciare i visti a rifugiati ebrei e apolidi solo con il permesso esplicito di Lisbona.
Per le folle nelle strade di Bordeaux che speravano di attraversare la Spagna e sfuggire alle persecuzioni naziste non c’era tempo di aspettare.
♦ “Avevamo sentito che i francesi si erano arresi e che i tedeschi erano inavanzata”, afferma Henri Dyner. Aveva tre anni, ma conserva vivi ricordi della fuga della sua famiglia ebrea dalla loro casa ad Anversa, quando la Germania nazista attaccò il Belgio e invase la Francia e i Paesi Bassi. “Ricordo il boato delle bombe, che mi svegliò, e mia madre mi disse che era stato un tuono.
♦ “I miei genitori accesero la radio e ascoltarono il re Leopoldo dire ai belgi che eravamo stati traditi e attaccati dai tedeschi. Mio padre sospettava che potesse esserci una guerra sin dal 1938. Aveva un piano e un’auto”, il signor Dyner, ora un ingegnere in pensione che vive a New York, ha detto alla BBC.
Eliezar Dyner, sua moglie Sprince e altri cinque parenti, tra cui un bambino di sette mesi, si allontanarono dal luogo bombardato verso la Francia.
“Mio padre ha evitato le grandi strade, mantenne Parigi a distanza e si è mantenuto sulla costa. Voleva essere solo 10 miglia davanti al fronte per tutto il tempo, perché pensava che potesse essere una guerra veloce”
♦ Dopo aver visto gli aerei da guerra tedeschi attaccare le trincee francesi e aver sentito la notizia delle successive vittorie tedesche, il padre di Henri si rese conto che quando avrebbero raggiunto Bordeaux non sarebbero tornati presto ad Anversa.

Crisi morale e esaurimento nervoso.
♦ A Bordeaux, il console aveva stretto un’amicizia con un rabbino, Chaim Kruger. Questi era fuggito all’avanzata nazista dalla sua casa in Belgio. Il console Sousa Mendes offrì al rabbino e alla sua famiglia un pass immediato e sicuro attraverso il confine spagnolo, ma poi subì una “crisi morale”, secondo lo storico Mordecai Paldiel.
♦ Kruger rifiutò l’offerta, poiché non poteva abbandonare le altre migliaia di rifugiati ebrei a Bordeaux.
In una lettera del 13 giugno 1940 Sousa Mendes scrisse: “Qui la situazione è orribile e io sono a letto a causa di un forte esaurimento nervoso”.
♦ “Nessuno sa davvero cosa gli è passato per la testa in quei due o tre giorni”, afferma il dott. Paldiel, che ha gestito il dipartimento dei Giusti tra le Nazioni nel centro commemorativo dell’Olocausto Yad Vashem per 25 anni.
“Alcuni sostenevano che il dovere di un diplomatico era di obbedire agli ordini dall’alto, anche se tali istruzioni non erano morali.
“Più tardi, a Lisbona, Sousa Mendes disse a un rabbino:” Se così tanti ebrei possono soffrire a causa di un cattolico, va bene per un cattolico soffrire per molti ebrei “. Si riferiva a Hitler, ovviamente.

“Niente più nazionalità”.
♦ Qualunque cosa sia passata per la mente del diplomatico, Sousa Mendes lunedì 17 giugno manifestò una nuova determinazione. Secondo suo figlio, Pedro Nuno de Sousa Mendes, “egli uscì dalla sua camera da letto, spalancò la porta della cancelleria e annunciò ad alta voce:” D’ora in poi darò a tutti i visti. Non ci saranno più nazionalità, razze o religioni”.
♦ Per Henri Dyner e la sua famiglia, questo fu un vero toccasana. Per caso la madre di Henri conosceva il console dal suo tempo ad Anversa, dove era segretaria del consolato britannico.
♦ La famiglia Dyner aveva già tentato e ma non riuscito ad ottenere visti dalle autorità statunitensi, britanniche e canadesi per lasciare la Francia. Prima del suo allontanamento, Sousa Mendes li aveva inseriti nell’elenco in una richiesta inviata al governo di Salazar.
“Mia madre ricorda che il console scomparve per un paio di giorni e quando riapparve, i suoi capelli erano diventati grigi”, dice Henri Dyner, che ricorda come le file di rifugiati fuori dal consolato di Bordeaux si accampavano nelle piazze.
“Mia madre in realtà iniziò a lavorare per Sousa Mendes a quei tempi, aiutando alla produzione dei visti su un lungo tavolo. Sousa Mendes ci ha salvato la vita.”

Corridoio in Spagna.
Nessuno sa con certezza quanti visti di transito sono stati rilasciati, consentendo ai rifugiati di passare dalla Francia alla Spagna e proseguire fino al Portogallo. Ma le stime vanno da 10.000 a 30.000 e la maggior parte ha cercato di attraversare l’Atlantico verso varie destinazioni americane.
La Sousa Mendes Foundation, con sede negli Stati Uniti, ha identificato circa 3.800 destinatari di questi visti.
Come posseduto da un senso di missione, il console firmava i visti persino sulla strada, mentre la folla di Bordeaux iniziava a formare una colonna umana verso sud, verso la città di confine di Hendaye. Si fermò al consolato di Bayonne per pubblicare altri documenti.
♦ Il ministero degli Esteri a Lisbona iniziò a inviare cablogrammi a Bordeaux, ordinandogli di desistere, e nei rapporti dei colleghi che aveva “perso i sensi”.
♦ Le autorità spagnole dichiararono i suoi visti non validi, ma migliaia di persone avevano già superato il fiume Bidasoa nella regione basca della Spagna.

Chi ce l’ha fatta ad uscire?
Alla fine, Sousa Mendes riferì ai suoi capi a Lisbona l’8 luglio.
Tra coloro che fuggirono dalla Francia occupata grazie ai suoi visti c’erano l’artista surrealista Salvador Dalí, il regista King Vidor, membri della famiglia bancaria Rothschild e la maggior parte del futuro governo belga in esilio.
♦ Il Portogallo di Salazar successivamente sarebbe stato elogiato per il suo ruolo nel consentire ai rifugiati di sfuggire all’occupazione e alla repressione nazista, ma Sousa Mendes fu espulso dal corpo diplomatico e lasciato senza pensione.
La sua casa di famiglia a Cabanas de Viriato andò in rovina, anche se l’esterno fu restaurato.

“Sousa Mendes è stato maltrattato da Salazar. È morto nella miseria come un povero, e i suoi figli sono emigrati per cercare di trovare un futuro da qualche altra parte”, afferma Henri Dyner.
La famiglia di Henri è finita in Brasile, prima di trasferirsi negli Stati Uniti per motivi professionali. Ma ricorda quell’uomo che ha avuto coraggio nelle sue convinzioni.
“Per come stanno le cose oggi nel mondo, abbiamo bisogno di più persone disposte a difendere ciò che è giusto e prendere una posizione.”
(fonte:<bbc.com/news>, 20 giugno).

Il console portoghese che salvò migliaia di persone dall’olocausto. E’ la straordinaria storia di Aristides de Sousa Mendes che, obbedendo alla sua coscienza più che ai suoi superiori, durante la seconda guerra mondiale salvò migliaia di persone dalla deportazione nazista. Ma non obbedire ai suoi superiori lo fece cadere in disgrazia agli occhi del suo governo che gli tolse il posto e anche lo stipendio. Alla fine morì sconosciuto nel 1954. – Nel 1966 Yad Vashem lo riconosce come Giusto tra le nazioni; nel 1986 viene premiato postumo con l’Ordine della Libertà e finalmente nel 1988 il parlamento portoghese ritira, postumo, le accuse disciplinari nei suoi confronti. Una riabilitazione totale, anche se postuma.

Condividi l'articolo