Tropea è “Plastic Free”

Tropea è il primo comune della Costa degli Dei ad adottare il provvedimento “Spero che non tardino ad arrivare risposte anche dagli altri comuni. Molte tematiche ed iniziative possono essere intraprese con ottica “comprensoriale” Tropea è “Plastic Free” la cittadina perla del tirreno è il primo comune della Costa degli Dei ad adottare il provvedimento […]

Figlio di ’ndrangheta salvato da un sacerdote

A soli 17 anni Giosué D’Agostino finì nel carcere minorile di Reggio Calabria. Lì fece un incontro che gli cambiò la vita: l’incontro con don Italo Calabrò (1925-1990), allora vicario generale della Chiesa Reggina, che venne in visitarlo in carcere. Poi anche le assistenti sociali lo aiutarono molto. – Quando uscì di carcere col condono di pena fu affidato ai servizi sociali. Di Don Italo dice: “Anche se era un prete “importante” non si dimenticava di nessuno”. – Quando Don Italo stava per morire Giosuè andò da lui insieme ad un amico, Francesco. E Don Italo, che era in pessimo stato fisico, ma disse: «Ti affido Giosuè». Si preoccupò di lui anche sul letto di morte.