Attualità

Riuscitissima iniziativa Spiagge e Fondali Puliti

Alla presenza del Vescovo della Diocesi di Mileto S.E.R. Mons. Attilio Nostro A Tropea, nella splendida cornice della Marina dell’Isola una giornata ricca di contenuti, per costruire insieme un futuro di pace e testimoniare l’importanza della tutela degli ecosistemi Bellissima e partecipata iniziativa a tutela delle spiagge e degli ecosistemi marini a Tropea, organizzata dal […]

Fede e dintorni

La festa della santità

In un clima di grande festa, domenica 15 maggio, in una Piazza San Pietro affollatissima, Papa Francesco ha proclamato dieci nuovi santi: “Le loro vite sono state un riflesso di Dio nella storia, vocazioni abbracciate con entusiasmo e spese donandosi a chiunque con generosità.- Giunti a Roma 50 mila fedeli da tante nazioni e continenti per festeggiarli: ad ogni nome dei nuovi santi, una ovazione generale. Una festa della santità.

Fede e dintorni

La tenerezza dell’amore, la crudeltà della guerra

Due combattenti ucraini hanno coronato il loro sogno d’amore, sposandosi nei sotterranei dell’acciaieria Azovstal di Mariupol. Valeria Karpilenko, chiamata Nava, e Andriy detto ‘Barba’. Si sono sposati lo scorso 5 maggio, mentre le truppe russe continuavano a bombardare l’impianto, senza tregua. Ma Andriy, è morto tre giorni dopo, rimasto ucciso in un assalto dei soldati di Mosca. – “Siamo riusciti a sposarci, siamo riusciti a essere felici, ma non siamo riusciti a stare insieme. Ti amerò per sempre, mio eroe” ha scritto Valeria.

Fede e dintorni

Amare è servire. Amare il prossimo è onorare Dio

Gesù ci ha lasciato un comandamento nuovo: «Amatevi gli uni gli altri… Come io ho amato voi». Questo amore fa «nuove tutte le cose» e rivela il vero volto di Dio. L’amore rivela la forza della resurrezione. Perciò bisogna scambiarselo con le parole, con i gesti, con la gioia. Perciò bisogna portare questo amore anche a quei popoli che vivono emarginati e derubati dei loro diritti. Nessuno deve più sentirsi straniero nel mondo. – I Santi canonizzati oggi ci offrono chiari esempi della realizzazione del comandamento dell’amore.

Attualità WebTV

Nuovo “lighting concept” sul Santuario di S. Maria dell’isola

Il simbolo della città di Tropea nel mondo avrà nuova luce Approvato il progetto di City Green Light per il restyling dell’impianto di illuminazione esistente con soluzioni illuminotecniche che valorizzeranno l’architettura e il paesaggio Oggi 14 maggio 2022 il Comune di Tropea ha approvato il progetto di realizzazione di impianti di illuminazione LED per il […]

Fede e dintorni

Un imperatore sfortunato e perdente tra i Beati della Chiesa

Un imperatore sfortunato e perdente tra i Beati della Chiesa. Si tratta del Beato Carlo I d’Asburgo Imperatore d’Austria e Re Apostolico d’Ungheria che viene ricordato il 21 ottobre. Di lui una recente biografia ha tracciato le linee della sua santità: Carlo d’Asburgo il ‘santo patrono dei perdenti’. Una santità straordinariamente moderna, con una dedizione totale per seguire Cristo e farsi santo, nell’amore per i popoli a lui affidati, nella cura del loro bene e nel dono della sua vita per loro. Carlo I d’Asburgo Sostene la posizione del Papa Benedetto XV contrario all’ “inutile strage” della Grande Guerra.- Nel contesto della “sacrilega guerra” tra Russia e Ucraina può essere un esempio per per quanti oggi hanno la responsabilità politica della pace!.

Fede e dintorni

Fatima, desiderio di pace

Depurato da certe fantasie apocalittiche che a lungo hanno circondato il “terzo segreto”, il messaggio di Fatima torna ad essere un richiamo all’essenziale: conversione e preghiera, pace e salvezza. – Nel 2017, durante la celebrazione del centenario delle apparizioni furono canonizzati i due pastorelli Francesco e Giacinta Marto, beatificati da Giovanni Paolo II nel 2000. – È a buon punto anche il cammino di beatificazione di Suor Lucia, la più grande dei tre pastorelli, acclamata e venerata nella devozione popolare come Serva di Dio e con l’attributo di mistica delle apparizioni di Fatima. – C’è desiderio di pace, pace vera: una fervente preghiera alla Madonna di Fatima perché interceda a far finire  questa guerra e tutte le guerre del mondo.

Attualità

La Caritas di Ungheria e i profughi della guerra

Tra le tante istituzioni e Associazioni di Volontariato impegnate a soccorrere i profughi della guerra in questi due mesi e più della “sacrilega guerra” scatenata dalla Russi contro l’Ucraina, un posto di rispetto tocca alle varie Caritas nazionali e diocesane. – La Caritas di Ungheria ha subito sentito il dovere cristiano di aiutare chiunque fugga dalla guerra. – Sin dall’inizio del conflitto, l’organismo pastorale ungherese è stato impegnato a fornire aiuto e sostegno a sfollati e profughi, distribuendo quotidianamente beni primari. La Chiesa ungherese è molto grata ai suoi fedeli: “Si è vista subito una solidarietà molto forte e noi siamo molto grati per questo segno d’amore e di vicinanza”.

Attualità

Le verità di Tino Mazzitelli

“La sanità vibonese versa in uno stato grave di abbandono” Al punto in cui siamo, anche per scongiurare che la rabbia dei cittadini si trasformi in atti di incontrollata violenza, sempre ingiustificabile, bisogna pensare ad una fase nuova Erano proprio necessarie altre morti e gli assurdi atti di violenza perpetrati ai danni di alcuni operatori […]

Fede e dintorni

Una camicia insanguinata che richiama al dono di sé

La “peregrinatio” della camicia insanguinata indossata dal beato Livatino il il giorno del suo martirio è stata l’occasione per molti, soprattutto giovani e giovanissimi, di conoscere meglio la figura di questo uomo “innamorato di Dio, dei suoi genitori e della giustizia; un uomo che cercava la normalità del bene e aveva fatto voto di camminare sempre sotto lo sguardo del Signore. – Così Il beato Rosario Angelo Livatino, un anno dopo dopo la beatificazione, ripercorre la Sicilia con la sua camicia insanguinata, che parla ancora di vita.

Attualità

La meravigliosa “Bandiera Blu” anche per il 2022

Per il terzo anno consecutivo la bandiera blu, sventolerà sulla città di Tropea Le meravigliose bandiera blu, simbolo del trofeo, sventolerà sulla città di Tropea anche per il 2022. Uno sprone a comportamenti sempre più rispettosi del mare e dell’ambiente: una scelta ecologista che continuerà ad essere il filo rosso del Progetto Tropea Il sindaco […]