La fama di santità di don Mottola è come una luce capace di squarciare il buio dei cuori

Quando nel lontano 29 giugno 1969 morì, tutti dissero: a Tropea è morto un Santo! Nella concattedrale di Tropea il Vescovo Renzo ha presieduto la messa nella solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo Sono passati 51 anni da quel giorno e la fama di santità di don Francesco Mottola è come una luce capace […]

Beato Gennaro Sarnelli, un redentorista tutto fuoco.

30 giugno: festa del Beato Gennaro Maria Sarnelli (1702-1744), amico fraterno di S. Alfonso, col quale ha condiviso lo spirito e la vocazione redentorista. Un apostolo “vulcanico”: consacrò tutto se stesso ai poveri e agli abbandonati. Pur procedendo secondo gli schemi culturali del tempo, il Beato Sarnelli non trascurò mai di cercare forme rinnovate di evangelizzazione per rispondere alle sfide emergenti. Il suo esempio può spronare tutti nell’impegno generoso a prendere a cuore le necessità dei fratelli.

I necrologi delle persone scomparse nel periodo di Lockdown

La redazione si unisce al dolore delle famiglie per la perdita dei propri cari Pubblichiamo di seguito i necrologi relativi al periodo della pandemia causata dal Covid -19 dal giorno 3 aprile al giorno 30 giugno 2020 non presenti nelle pagine del sito ma presenti sulla nostra pagina Facebook

San Pietro custode del Paradiso

Un sogno di Santa Teresa di Calcutta che divenne come un programma vita. – Nessuno di noi entrerà in Paradiso se là non potrà trovare qualcuno a cui possa dire: anch’io ho dato il mio aiuto per farti arrivare in cielo!” (Mons. Fulton Sheen, 1895-1979).

Il passato che non passa

La riflessione del Dr. Tino Mazzitelli, ex sindaco di Zungri ed ex Direttore sanitario P.O. Tropea “Io credo, al pari di una grande moltitudine di altre persone, che la nostra non diventerà mai una democrazia moderna e compiuta finché non chiuderà definitivamente i conti con un passato morto, ma non ancora sepolto” Io penso, e […]

Gesù prima di tutto

Gesù è esigente con i suoi discepoli: nulla devono anteporre a lui. Nulla può essere anteposto all’amore per Gesù Cristo. Lui è l’unico Maestro e va amato più di ogni altra cosa, benché buona e preziosa. – Anche i legami familiari devono passare in second’ordine, e questo vale per tutti quelli che vogliono essere suoi discepoli: “Chi non prende la croce non è degno di me”. – Come i discepoli di allora, per seguire Gesù anche noi dobbiamo passare per la porta stretta. – Ma certamente chi lo segue non perderà la sua ricompensa. Chi perde la vita per Gesù, la salverà in eterno.

Mons. Francesco Massara è il nuovo vescovo di Fabriano-Matelica

È membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione Don Mottola Nato a Tropea il 1° luglio 1965, Mons. Francesco Massara era stato eletto arcivescovo di Camerino-San Severino Marche il 27 luglio 2018 Mons. Francesco Massara è il nuovo vescovo della diocesi di Fabriano-Matelica. Già arcivescovo di Camerino-San Severino Marche il 27 luglio 2018, aveva ricevuto […]

Chiarezza sul lavoro stagionale e bonus: in attesa di una norma

Le precisazioni del consulente del lavoro Francesco Grillo “Siamo stati, siamo e saremo sempre al fianco dei lavoratori, in questo momento come non mai a quelli stagionali, perché la categoria difende la dignità del lavoro, il lavoro genuino, contrasta il lavoro nero e sottopagato” “Sfogliando da qualche settimana le pagine di quotidiani locali cartacei e […]

Perpetuo Soccorso, la Madonna cerca i suoi figli

Oggi è la festa della Madonna del Perpetuo Soccorso. La devozione dei cristiani verso di Lei è davvero grande e diffusa. E’ la Madonna missionaria che cerca i suoi figli per svegliare i loro cuori ad accogliere il Vangelo di Gesù. Anche in quest’anno del Covid-19 la Novena di preparazione è stata celebrata on-line da molti santuari redentoristi, come tempo di grazia per tutti per sperimentare i doni e le benedizioni di Dio attraverso la potente intercessione della Madre. E già San Giovanni Paolo nel visitare il suo santuario in Roma nel 1991 confidò: «Io ringrazio la Madonna del Perpetuo Soccorso, che mi si è mostrata Perpetuo Soccorso in circostanze assai difficili».

Il perdono rende liberi e forti

Perdonare non è un segno di debolezza, ma un atto di coraggio e di amore nei confronti di sé stessi. Perdonare non è facile, ma è la più grande virtù che porta benefici a questo nostro mondo. – Bisogna imparare a perdonare, non tanto perché gli altri meritano il perdono, ma perché noi meritiamo la pace! Perdonare fa bene prima di tutti a noi.

I canti al Sacro Cuore

«Dolce cuor del mio Gesù, fa ch’io t’ami sempre più». – Molti fedeli ripetono la nota e popolare invocazione al Sacro Cuore di Gesù. La sua origine è antica e fa compagnia a tanti altri canti che inneggiano a questa devozione. Durante il Settecento questo culto era già praticato in varie regioni e lo dimostra l’esistenza di preghiere, canti e tradizioni in due aree diversissime tra loro: la Napoli di sant’Alfonso Maria de Liguori ed il Tirolo austriaco. Le dolci note e le devote parole di questi canti hanno riscaldato il cuore e la fede di tanti fedeli. Ed hanno suscitato anche vocazioni, come la vocazione sacerdotale di un sacerdote conosciuto a Pellegrina di Bagnara Calabra: don Angelo Attinà (1924-2008).

Solennità Santa Domenica Vergine e Martire

Parrocchia Maria SS di Romania Tropea La fede, o è missionaria o non è fede. La fede non è una cosa soltanto per me, perché io cresca con la fede: questa è un’eresia gnostica. La fede ti porta sempre a uscire da te. Uscire. La trasmissione della fede; la fede va trasmessa, va offerta, soprattutto […]

Le due facce della vita

Ostacoli ed opportunità – Anche nell’annuncio del Vangelo a volte gli ostacoli sembrano insormontabili, ma se si ha fede in Dio e nel comando di Cristo “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato”, allora si riesce a trasformare gli ostacoli in opportunità. – Gesù avvertiva: “Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita (cf Luca 21,19)”.

Papa Francesco amplia le Litanie Lauretane

Papa Francesco ha aggiunto tre invocazioni alle Litanie Lauretane, di cui una una per i migranti: “Mater Misericordiae”, “Mater Spei” e “Solacium migrantium”, ovvero conforto, aiuto dei migranti. Queste tre nuove invocazioni sono inserite nell’elenco delle Litanie Lauretane. Colpisce soprattutto il titolo di “Aiuto dei migranti”, tema molto caro a Papa Francesco. La notizia giunge tra l’altro nel giorno in cui si celebra la “Giornata mondiale dei rifugiati. E richiama ancora una volta l’attenzione della Chiesa e del mondo sul dramma (quando non proprio la tragedia) di chi emigra.

Emigranti, orgoglio tropeano

“Il turismo a Tropea è nato anche grazie a loro” Pubblichiamo la e-mail del sig. Francesco Angiò, figlio di emigranti e residente in Lombardia, che ricorda i tanti emigrati tropeani degli anni Cinquanta Il sig. Francesco ci invita a ricordare gli emigranti che negli anni Cinquanta “hanno dovuto abbandonare col cuore spezzato la terra natia […]

Sulla tomba di chi fu emarginato

Papa Francesco tre anni fa ha reso onore ai due grandi sacerdoti che avevano anticipato il vento del Concilio ed ha pregato sulle loro tombe: due paesi Bozzolo e Barbiana per un pellegrinaggio di amore verso due figli della Chiesa, sacerdoti: Primo Mazzolari e Lorenzo Milani. Per don Primo Mazzolari questo è un passo avanti verso la beatificazione; per don Lorenzo Milani è la riparazione di una ferita della storia per l’esilio di Barbiana. – Ancora oggi il Papa esorta i sacerdoti ad essere “ponti fra Dio e le persone e restino attaccati al popolo”con l’auspicio che “possa sempre e dovunque essere rispettata la libertà di coscienza; e possa ogni cristiano dare esempio di coerenza con una coscienza retta e illuminata dalla Parola di Dio”.

Celebrazione Eucaristica. 51° Anniversario del Pio Transito

Concattedrale di Tropea 29 giugno 2020 dalle ore 19:00 Ho sempre nell’anima la mia divina speranza di santità. E’ Gesù che me l’ha messa nel cuore, come una certezza… (Padre Mottola) La Concelebrazione verrà trasmessa in diretta streaming sulla pagina Facebook di tropeaedintorni   La diretta streaming

Bellezza, cultura e gastronomia: il top per vincere

La Città di Tropea candidata come migliore località di mare Family Friendly Nel progetto che sarà presentato entro il 31 luglio prossimo al MIBACT per la candidatura di Tropea a Capitale italiana della Cultura, un posto di rilievo sarà dato alla Dieta Mediterranea Bellezza, cultura e gastronomia: il top per vincere. Nel Dossier che sarà […]

Perseguitati per il Vangelo

Se hanno perseguitato Gesù, Figlio di Dio, perseguiteranno anche i suoi discepoli. Ma oggi il Signore ci rassicura: il Padre celeste veglia sui suoi figli. La nostra vita è nelle sue mani e nessuna persecuzione potrà strapparcela. – Nessuno muore senza che Cristo stesso non ne patisca l’agonia, nessuno è rifiutato senza che non lo sia anche lui; nessuno è perseguitato senza che Cristo non sia ancora crocifisso. Ma Gesù stesso ci rassicura: “Non abbiate paura! Voi valete… la vostra vita è nelle mani di Dio”.